19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

L’offensiva dei russi nella regione di Kharkiv: è stato possibile fermare gli invasori e come si sta svolgendo la battaglia per Vovchansk

L’offensiva dei russi nella regione di Kharkiv: è stato possibile fermare gli invasori e come si sta svolgendo la battaglia per Vovchansk

L’offensiva dei russi nella regione di Kharkiv. Attualmente i combattimenti si svolgono lungo il fiume Vovcha, che separa la parte settentrionale di Vovchansk da quella meridionale. La Russia continua la sua offensiva sull’oblast di Kharkiv, ma a un ritmo molto più lento. L’obiettivo principale degli occupanti in quest’area è prendere il controllo della città di confine di Vovchansk.

Tuttavia è ancora troppo presto per parlare degli obiettivi finali dell’operazione russa. Allo stesso tempo , Vladimir Putin ha dichiarato che la sua “unica intenzione è quella di creare una” zona cuscinetto “tra l’Ucraina e la città di confine di Belgorod, insistendo sul fatto che “non esiste un piano” per minacciare la stessa Kharkiv”. Nel frattempo, molti militari nella regione di Kharkiv sono indignati per il fatto che i russi siano riusciti ad avanzare così lontano e così rapidamente. Alcuni attribuiscono questo al ritardo negli aiuti occidentali, che, a loro avviso, hanno contribuito all’offensiva delle forze russe e hanno indebolito la difesa dell’Ucraina. 

TSN.ua scrive degli ultimi eventi nella direzione di Kharkiv. La rivista britannica The Economist ha trovato un piano per l’offensiva russa nell’oblast di Kharkiv. Ne consegue che i russi cercavano di sapere se sarebbero riusciti a circondare parzialmente Kharkiv e, in particolare, a fare pressione sugli ucraini a est del bacino idrico di Pecheneg. Secondo la pubblicazione, l’operazione era prevista per il 15-16 maggio, ma per ragioni sconosciute è stata rinviata di quasi una settimana. Secondo i piani, i russi hanno individuato due linee di attacco su entrambi i lati del bacino.

L’offensiva in direzione occidentale avrebbe dovuto portare le truppe russe entro 72 ore alla distanza di un tiro di artiglieria da Kharkov nell’area del villaggio di Borschova. Ma i russi furono fermati lì dalla 92a brigata d’élite delle forze armate, che fu rapidamente trasferita in questa zona. Di conseguenza, gli ucraini respinsero il nemico a 10 km dal loro obiettivo.

Militari a Vovchansk / © Associated Press
Militari a Vovchansk / Foto: Associated Press

Se queste pubblicazioni fossero corrette, ciò cambierebbe la percezione di ciò che è accaduto al confine tra le regioni di Belgorod e Kharkiv dopo il 10 maggio. Finora si trattava delle povere fortificazioni difensive dell’Ucraina al confine e di come la 125a brigata, che avrebbe dovuto respingere l’attacco in questa direzione, “ha lasciato la sua posizione”.

La situazione a Vovchansk

Dopo il successo dei russi nei primi giorni, le forze di difesa ucraine riuscirono a rallentare notevolmente il nemico e quasi a stabilizzare la situazione. I punti chiave verso cui si dirigevano i due gruppi offensivi della Federazione Russa – il villaggio di Liptsi e la città di Vovchansk – rimangono ancora sotto il controllo ucraino. Gli assalti “alla fronte” di questi insediamenti non hanno portato il successo ai russi. Tuttavia, hanno cambiato tattica e ora stanno cercando di aggirarli. Secondo il comandante in capo delle forze armate ucraine Oleksandr Syrskyi, è importante che il nemico catturi Vovchansk per spostarsi di altri 10 km a sud-est fino al villaggio di Bely Kolodyaz e mettersi alle spalle del gruppo ucraino.

I passaporti più potenti del mondo 2024. Nella classifica è stata inserita anche la Polonia. Il nostro Paese ha mantenuto la sua posizione

Il primo giorno dell’offensiva, i russi si avvicinarono alla principale città ucraina al confine con l’Oblast di Kharkiv. Secondo esperti e singoli militari ucraini, Vovchansk non era adeguatamente protetta dalle linee di difesa. In ogni caso, le Forze Armate dovevano affrontare il compito di tenere una città con una superficie di 70 metri quadrati. km, in cui vivevano quasi 18mila abitanti prima della guerra su vasta scala. Le truppe russe stanno avanzando, muovendosi da Shebekino e Novaya Tavolzhanka a Belgorod, attraverso i villaggi di confine ucraini di Pletenivka e Gatishche. Sono già riusciti a impossessarsi della periferia nord di Vovchansk. Allo stesso tempo, le forze armate russe utilizzano in minima parte veicoli corazzati, muovendosi in piccoli gruppi di fanteria.

“Si infiltrano in gruppi molto piccoli, si accumulano da qualche parte e vanno avanti. Le tattiche dei piccoli gruppi sono molto efficaci”, sottolinea la guardia di frontiera Andriy da un articolo di TSN sulla situazione a Vovchansk. Dal 26 maggio lo Stato Maggiore definisce la situazione nella regione di Kharkiv “sotto controllo”. A partire dal 20 maggio, la linea del fronte corre effettivamente lungo il fiume Vovcha, che divide Vovchansk nelle parti settentrionale e meridionale più o meno uguali.

L’analista militare del gruppo “Resistenza all’informazione” Kostyantyn Mashovets sottolinea che l’esercito russo sta facendo “sforzi titanici” per mantenere lo sviluppo urbano di Vovchansk. Le loro posizioni si trovano nella periferia settentrionale, nell’area dell’impianto di lavorazione della carne e del vecchio aeroporto, nonché sul territorio di diversi isolati adiacenti lungo le vie Tereshkova e Novoselivska. La leadership politico-militare dell’Ucraina afferma direttamente che uno dei compiti principali della Russia è costringere le forze armate a ritirare le riserve da altre direzioni nella regione di Kharkiv.

In effetti, anche le statistiche sui bombardamenti e sugli assalti, fornite quotidianamente dallo Stato maggiore delle forze armate ucraine, indicano che l’esercito russo sta cercando di intensificare i suoi sforzi offensivi nei pressi di Chasovoy Yar, Robotyny e nella direzione di Pokrovsky negli ultimi giorni . In particolare, il maggior numero di attacchi russi si registra nella direzione Pokrovsky. Qui la Federazione Russa non smette di cercare di sviluppare il proprio successo dopo la cattura di Avdiyivka. Secondo DeepState, il 19 maggio gli occupanti sono riusciti a fare alcuni progressi vicino ai villaggi di Netaylove, Yasnobrodivka, Novopokrovsky e Keramika.

Perdite di russi nella regione di Kharkiv

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha affermato che per ogni soldato ucraino ci sono otto invasori russi durante l’offensiva nel nord della regione di Kharkiv. Ne ha parlato in un’intervista con i paesi dell’Asia centrale. 

Bombardamento dell'oblast di Kharkiv / © Associated Press
Bombardamento dell’oblast di Kharkiv / Foto: Associated Press

Secondo il presidente, la comprensione che Vladimir Putin ha della vita umana e della lingua che una persona parla vale uno starnuto. “Starnutisce addosso al suo popolo, sia civili che militari. La loro svolta in direzione di Kharkiv, avvenuta poco più di due settimane fa, ha provocato vittime militari da 1 a 8. Un ucraino ogni otto russi”, ha detto Zelenskyi.

Nel frattempo i mass media occidentali scrivono che le forze armate ucraine stanno pianificando una controffensiva nell’oblast di Kharkiv.   George Barros, analista dell’American Institute for the Study of War, ritiene che  gli Stati Uniti  potrebbero cambiare rapidamente la situazione nell’area di Kharkiv se permetteranno all’esercito ucraino di usare armi americane sul territorio russo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles