19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Beata Radke è la bambina più ricercata in Polonia. La sua scomparsa è stata attribuita al “Volga nero”

Beata Radke è la bambina più ricercata in Polonia. La sua scomparsa è stata attribuita al “Volga nero”. l padre di Beata spera ancora che venga ritrovata.

Beata Radke avrebbe oggi 58 anni. Tuttavia, nel 1975, la bambina di nove anni lasciò casa per frequentare le lezioni nell’aula catechetica, e poi scomparve senza lasciare traccia. Inizialmente la polizia ha ignorato la denuncia dei suoi genitori terrorizzati, ma presto si è resa conto che avrebbe potuto essere stata rapita da due uomini. Il padre di Beata spera ancora che venga ritrovata. Pertanto, è uno dei bambini desiderati da più tempo nel nostro Paese.

Alle 8,30 del mattino del 14 aprile 1975 Beata Radke lascia il suo appartamento nel complesso residenziale Grunwald a Poznań e si reca alla catechesi in una stanza in via Piękna, a soli 800 metri da casa sua. La ragazza con gli occhi nocciola e i capelli biondi corti e ondulati con la frangetta indossava un cappotto marrone con pelliccia più chiara sulle maniche e sul colletto, un berretto blu con pompon e un maglione blu scuro. Quel giorno andava da sola alla catechesi settimanale, anche se era sempre accompagnata dai suoi parenti. Sfortunatamente, quel giorno sua madre Irena era dal dottore, suo padre Henryk era al lavoro e sua sorella maggiore era a letto malata . Quindi Beata andò da sola, ma conosceva perfettamente il percorso che avrebbe dovuto fare. Dopo la lezione di religione delle 10:00 dovrebbe tornare a casa e poi andare a scuola per il secondo turno. Beata Radke però non è arrivata alla catechesi ed è scomparsa senza lasciare traccia.

La polizia inizialmente sospettava che dietro la scomparsa di Beata ci fosse la famiglia. Perché senza un figlio sarà più facile per loro finanziariamente

L’assenza della bambina di nove anni è stata notata durante la catechesi e sua madre è stata informata per la prima volta della scomparsa della bambina. In un’altra versione, la madre si rese conto che era successo qualcosa quando notò i bambini del gruppo catechetico nel cortile, e sua figlia non era tra loro. La signora Irena è andata al lavoro del marito e ha detto che Beatka non si trovava da nessuna parte. I suoi genitori e i suoi amici hanno iniziato a cercare la ragazza e, non avendola trovata, hanno denunciato la scomparsa alla polizia. Inizialmente, però, i loro parenti furono trattati in modo irrispettoso. Il poliziotto con cui hanno parlato ha suggerito che Beata andasse da qualche parte con i suoi coetanei o andasse a trovare la sua famiglia allargata. Nelle successive 24 ore i genitori cercarono da soli la figlia. I servizi si sono uniti alla ricerca il giorno successivo. Molti ufficiali furono coinvolti nell’azione, compresa l’intera azienda ZOMO.

La polizia ha sorvegliato l’isolato per due notti perché si credeva che Beatka potesse essere stata rapita e violentata, ma l’autore del reato avrebbe potuto riportare la ragazza a casa. Si sospettava anche il padre o qualcuno che avrebbe potuto volersi vendicare della famiglia Radke. Lo stesso signor Henryk ha ammesso in un’intervista ai media che i servizi lo sospettavano dell’omicidio di sua figlia. Hanno suggerito che il costo per allevare i figli era alto e forse “era più facile così”. 

La testimonianza di una ragazza che conosceva Beata dai corsi di religione si è rivelata innovativa. Presumibilmente ha visto la bambina di nove anni parlare con due uomini che più tardi guidavano un’auto blu di Warszawa . Non era sicura se Beata fosse salita in macchina volontariamente o se fosse stata trascinata dentro. Ben presto fu trovato un testimone che ricordava alcune targhe della Volga nera, che in quel momento si trovava nelle vicinanze della scomparsa di Beata. Si è scoperto che il proprietario dell’auto corrispondente vive in Pomerania (a Puck), e il suo cognome non è molto diverso da quello di Beata. L’uomo è stato arrestato in una birreria. – Eravamo una milizia “straniera”, quindi per tirarlo fuori dal gruppo di pescatori, abbiamo dovuto combattere una vera battaglia, ma loro hanno ceduto – ha detto l’ex agente di polizia Bogdan Nowakowski in ” I segreti di Poznań “. A quanto pare, era già sospettato di atti osceni, ma aveva un forte alibi per il giorno in cui il bambino di nove anni scomparve.

Poi tutta la Polonia venne a conoscenza della scomparsa di Beata Radke. – Si è sparsa la voce che un Volga nero viaggia per tutto il paese e cattura i bambini dai quali “prendono sangue” – ha aggiunto l’ex comandante della polizia cittadina Maciej Szuba. La leggenda è stata rafforzata dai successivi casi di bambini scomparsi, tra cui: una ragazza che viveva vicino alla famiglia Radke. Nowakowski ha ammesso che la ragazza è stata rapita da una donna che aveva un istinto materno insoddisfatto, ma è stata ritrovata sana e salva. 

Secondo ” Głos Wielkopolski “, la polizia ha controllato anche gli orti di Baranów, dove il giorno prima il padre di Beata aveva portato il cane. Si diceva che Beata fosse molto affezionata all’animale, quindi si supponeva che la bambina di nove anni potesse essere andata lì da sola per la nostalgia del cane. Ma quel giorno nessuno dei giardinieri vide Beata. La zona è stata perquisita a fondo, ma non sono state trovate tracce. Pertanto si è deciso di esaminare più da vicino gli uomini di Poznań condannati o sospettati di pedofilia.

“Vedrai Beatka” – ha detto un poliziotto a uno dei sospettati. “Poi è andato tutto a puttane”

Nel 1975 uno di loro rapì sette ragazze. I minorenni sono stati aggrediti e rapiti davanti alla scuola, poi molestati e poi portati alla fermata dell’autobus. Gli agenti sono riusciti a trattenere quest’uomo (“Janos”) e nella sua documentazione medica hanno letto la descrizione di un crimine sessuale di cui avrebbe dovuto parlare al medico. Iniziarono allora i lunghi interrogatori. Durante uno di essi uno dei poliziotti non ha potuto resistere e ha detto che “impiccherà per Beatka”.

– Poi tutto è andato al diavolo – ha riassunto Telesfor Jaeschke. Il sospettato si è poi rifiutato di fornire qualsiasi testimonianza e ha iniziato a comportarsi come se avesse problemi di salute mentale. In un impeto di sincerità, ha anche detto: “È meglio essere intelligenti e comportarsi da stupidi che essere stupidi e comportarsi in modo intelligente”. – Era un pedofilo di razza. Sapeva come avviare una conversazione e raccontare storie. Era un mascalzone, ha detto Telesfor Jaeschke, ex ufficiale dei dipartimenti criminali della milizia e della polizia. “Janos” ha finalmente ammesso i reati di molestie, ma solo quelli prescritti. Anche se gli è stato chiesto più volte, non ha commentato la scomparsa di Beata.

Un altro pedofilo, Daniel G. – definito il “voyeur della zona della chiesa” – ha ammesso l’omicidio di Beata, 9 anni, ma non ha potuto mostrare come ha aggredito la ragazza o cosa ha fatto con lei e dove ha nascosto la ragazza. corpo. Dopo domande dettagliate, ha ammesso di essersi inventato tutto e di aver saputo della cosa solo dai media.

La polizia voleva controllare la costruzione del viadotto Franowo, che si trovava sul percorso dalla casa di Beata ai giardini. Si credeva che la ragazza potesse aver avuto un incidente e che il suo corpo fosse stato ricoperto di cemento, ma le autorità comuniste non acconsentirono alla demolizione dell’edificio. Un’altra ipotesi ipotizzava che il corpo del bambino di 9 anni fosse stato gettato dall’autore del reato in una discarica a Marcelino.

Nel 2019, nei Paesi Bassi è stato ritrovato il corpo di una donna. Questa è stata l’ultima “svolta decisiva” nel caso Beata Radke

L’ultimo indizio è apparso nel 2019, quando nei Paesi Bassi è stato ritrovato il corpo di una donna senza nome. Il signor Henryk si è poi recato lì con sua figlia Hanna per prelevare loro dei campioni di DNA. Tuttavia non era il corpo di Beata.

La famiglia cercò aiuto anche dai chiaroveggenti. Uno ha detto che Beata era viva, era stata deportata e l’avrebbe contattata, ma molto tardi. Jackowski, a sua volta, ha detto che la bambina di nove anni è stata rapita vicino alla sabbiera, trascinata a casa, violentata e uccisa. La polizia ha verificato alcune di queste piste, ma si è notato che la maggior parte degli “esperti” si è fatta avanti solo per ricevere un documento di collaborazione con la polizia. Nessuno dei luoghi indicati ha portato una svolta nelle indagini. 

Cosa sia successo a Beata è ancora sconosciuto. La polizia non ha trovato tracce della persona scomparsa né del suo corpo. Affinché gli X-Files riprendano il caso, devono emergere nuovi indizi, ma non ce ne sono. Nel 2012 Beata Radke è stata dichiarata morta. Nonostante ciò, la foto della bambina e la sua progressione d’età commissionate dalla Fondazione ITAKA  sono ancora disponibili sui siti che si occupano della ricerca delle persone scomparse. Per questo motivo Beata è considerata la bambina più ricercata in Polonia. 

Il padre della ragazza aveva 88 anni nel 2022. Secondo Radio ZET , vive ancora nel luogo dove Beata se n’è andata l’ultima volta. L’uomo vive lì da solo: sua moglie e la figlia maggiore Hanna, che era malata il giorno della scomparsa di Beata, sono morte. – Mi piacerebbe che tornasse. Ci spero ancora, ma il buon senso mi dice che è morta da molto tempo – ha detto Henryk Radke nel 2022 in un’intervista a ” Fakt “. L’uomo spera che, nonostante il passare del tempo, qualcuno si ricordi di qualche dettaglio che possa aiutare a determinare cosa sia successo a Beata. Come ha sottolineato Henryk, l’ignoranza è la cosa peggiore.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles