26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

È ora che Putin si preoccupi: tre versioni della morte del presidente iraniano

È ora che Putin si preoccupi: tre versioni della morte del presidente iraniano. Chi può sostituire Raisi? In che modo la morte del presidente iraniano influenzerà la guerra in Ucraina?

È ora che Putin si preoccupi: tre versioni della morte del presidente iraniano. Davvero i Raisi potrebbero aver ucciso la loro stessa gente, e che senso hanno i servizi speciali stranieri? Chi può sostituire Raisi? In che modo la morte del presidente iraniano influenzerà la guerra in Ucraina? Dovremmo aspettarci un cambiamento nella politica iraniana e perché la morte di Raisi in un incidente aereo  potrebbe essere un messaggio per Putin? Lo ha detto in un’intervista esclusiva a TSN.ua l’esperto internazionale, redattore capo della pubblicazione “L’Ucraina in arabo”, Mohammad Farajalla. Il 19 maggio è accaduto l’imprevisto: un elicottero con a bordo il presidente iraniano Ibrahim Raisi si è schiantato nel nord dell’Iran .

Contenuto

  1. Come funziona la politica interna in Iran, quale regime governa lì e quali sono le insidie ​​​​​​significative
  2. Raisi è stato ucciso o è stato un incidente?
  3. Gli ucraini dovrebbero sperare in un cambiamento nella politica iraniana riguardo alla guerra della Russia contro l’Ucraina?
  4. Le elezioni in Iran possono essere chiamate elezioni?
  5. Cosa significa per Putin la morte di Raisi

È già ufficialmente noto che il presidente è morto insieme al capo del ministero degli Esteri iraniano e ad alcuni leader regionali del paese. Tutti hanno visto questi scatti: tempo inclemente, nebbia fitta, terreno montuoso. Condizioni ideali per i detriti degli aerei. Riferendosi ad uno degli esperti della Carnegie Foundation, la rivista Time scrive che non è da escludere l’omicidio deliberato di Raisi .

Come funziona la politica interna in Iran, quale regime governa lì e quali sono le insidie ​​significative

“L’Iran è una dittatura, ma per essere più precisi, è anche una monarchia religiosa. È addirittura un errore chiamarla repubblica, perché è una repubblica solo formalmente. L’Ayatollah, o guida spirituale suprema, detiene in realtà tutti i rami “Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione è uno Stato nello Stato. Le Guardie della Rivoluzione hanno i propri eserciti e i propri ministeri degli affari interni”, ha osservato l’esperto.  

Secondo lui, la nomina del presidente dell’Iran e del suo gabinetto sono una formalità. “Questa era l’idea del regime quando, dopo la vittoria della Rivoluzione Islamica, affinché il regime potesse vivere il più a lungo possibile, si decise che era necessario lasciare l’illusione della scelta al popolo – il illusione del presidente e, ovviamente, vedere le esigenze dei tempi.

Ora, ogni stato deve avere un presidente, un primo ministro, ecc. Ma anche secondo la Costituzione iraniana, i poteri del presidente sono puramente cerimoniali: firmare protocolli, accordi internazionali, visite, ricevere ospiti, consegnare credenziali e gridare alle manifestazioni: “Morte a Israele!”, “Morte all’America!” Ma tutto, i rami del potere restano completamente in mano agli ayatollah, come ho già detto. Di conseguenza, la chiamiamo dittatura collettiva. Questa non è una dittatura, come in Russia, come una piramide. Vedi come Dio non ha voluto portare via Putin. Se Dio decide di portare via Putin, possiamo davvero aspettarci seri cambiamenti in Russia”, ha spiegato Mohammad Farajalla.

Il presidente iraniano Ibrahim Raisi durante un volo in elicottero / © screenshot dal video
Il presidente iraniano Ibrahim Raisi durante un volo in elicottero / Foto: screenshot dal video

Non ci sono grandi cambiamenti a Teheran, e ciò non avrà ripercussioni adesso. Secondo la Costituzione, dopo la morte del presidente dell’Iran, le elezioni presidenziali anticipate durano 50 giorni. Il deputato ad interim è già stato nominato, è diventato il primo deputato Raisi, ed è stato subito nominato anche il ministro degli Esteri, quindi (la dittatura – ndr) funziona in modo che il presidente sia l’elezione, ma questo è tutto una formalità. Il vero peso resta nelle mani dell’altro, ed è per questo che tutte le manifestazioni, tutte le manifestazioni pacifiche, nonostante il loro numero, non potrebbero cambiare il regime, perché il regime è ben custodito e ha un potere reale.

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

Raisi è stato ucciso o è stato un incidente?

“Suggerirei di fare più attenzione alle versioni. Sto considerando tre versioni di quello che è successo . Ieri, quando già apparivano le informazioni (sulla scomparsa dell’aereo – ndr), ho aspettato un’ora. Un’ora. Quando sono arrivati Se in un’ora non si è saputo se Raisi fosse stato trovato o meno, è diventato chiaro che l’annuncio ufficiale della morte del presidente è solo questione di tempo, perché la dittatura collettiva deve prima accordarsi su tutto tra di loro, e solo dopo Dobbiamo informare il popolo iraniano e, naturalmente, il mondo intero, ha sottolineato l’esperto. Ha parlato di tre versioni dello svolgersi degli eventi e tutte e tre le versioni hanno diritto alla vita.

©Pressa associata
Foto: Stampa associata

Condizioni meteo

“Devi stare molto attento con loro e prenderti il ​​tuo tempo. La prima cosa sono le condizioni meteorologiche. Condizioni davvero meteorologiche. Abbiamo guardato le riprese video, abbiamo guardato come era allestito in montagna. Abbiamo guardato, era davvero nebbioso. Quindi è davvero un tempo perfetto per un incidente di elicotteri. In più c’è stato un incontro al confine tra Azerbaigian e Iran, dove ha preso parte alla cerimonia di lancio delle due dighe (Raisi – ndr), ma c’è stato anche. Un gruppo di elicotteri è arrivato e i soccorritori sono riusciti a raggiungere il luogo della tragedia è troppo tardi. E qui, tra l’altro, c’è un punto importante per chi pensa che le sanzioni non colpiscano nessuno sanzioni per 30 anni, a causa di ciò una sfida al sistema internazionale Sembrava che nulla influisse sul tipo, sfortunatamente, non influisce, ecco 30 anni, e tutto il frutto per l’Iran – non sono riusciti a raggiungere il luogo esatto in cui. l’incidente è avvenuto, e lo è stato solo grazie allo Stato occidentale e filo-occidentale, cioè i droni turchi sono riusciti a localizzare il luogo dell’incidente.

Le migliori attrazioni per bambini in Polonia. Dove andare per una gita di un giorno con i bambini? Parchi divertimento, luoghi interessanti e tanto…

Cioè, sono stati in grado di creare un serio “pugno di ferro” nel Paese, per il quale era necessario creare l’inferno per la loro gente, ma non hanno potuto fornire capacità tecniche veramente complete per salvarsi se necessario. Quindi (non si può escludere – ndr) ci saranno anche condizioni meteorologiche, elicotteri così vecchi, che sono già stati riparati più volte. In effetti, questa è una versione reale”, ha detto Mohammad Farajalla.

Omicidio e liquidazione

La versione numero due, secondo l’esperto, è omicidio e liquidazione. “Anche questa è una versione forte. E sotto questa versione possono esserci due versioni. La seconda versione è che potrebbe trattarsi di una lotta interna per il posto del successore dell’ayatollah, come ho detto, questo è il vero potere, il potere vero, ed è già iniziato, tutti capiscono che l’Ayatollah non è una “tartaruga”, può vivere quanto necessario, ma la sua morte deve essere considerata come una realtà la decisione di chi potrà essere il successore dell’Ayatollah Ayatollah.

Alcuni credono che il figlio dell’ayatollah sia ora un candidato più adatto. Alcuni guardano a Raisi e al suo blocco d’influenza. E questa lotta per il potere potrebbe davvero esserci, dato che è un candidato forte. Ha mostrato mano ferma quando ha disperso i manifestanti. È l’autore dell’idea di aiutare la Russia nella guerra contro l’Ucraina. È tra gli autori dell’idea di attaccare Israele, cioè è uno di quegli ampi movimenti radicali che hanno abbastanza sostegno all’interno dell’Iran. Si tratta quindi di un avversario forte che era conveniente eliminare”, ha aggiunto l’esperto.

Omicidio, ma esterno

Il terzo scenario, secondo lui, è l’omicidio, ma esterno. “Forse c’è un’alleanza di servizi speciali che sono davvero stanchi dell’Iran. L’Iran si è fatto molti nemici. L’Iran ha invaso nuovamente diversi stati arabi. L’Iran ha cercato di destabilizzare completamente la situazione in Arabia Saudita con i suoi satelliti, e questo è un intero storia L’Iran, ovviamente, ha scontri storici con gli Stati Uniti e Israele Nonostante le buone parole (recentemente – ndr) del presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, non ha mai sostenuto l’Azerbaigian, al contrario, ha svolto un ruolo negativo. la guerra tra Azerbaigian e Armenia.

Inoltre, l’Iran ha tirato su di sé enormi “legami di potere” che non è riuscito a sollevare. L’Iran sta giocando il gioco dell’egemonia nella guerra in Ucraina, ha trovato una finestra di opportunità aiutando la Russia nella guerra contro l’Ucraina. E, naturalmente, il momento più importante è che l’Iran ha impedito un enorme accordo che avrebbe dovuto essere raggiunto sei mesi fa.

“Big Deal” è un accordo enorme che Iran, Russia e Cina hanno sfondato grazie all’attacco di Hamas , come sappiamo. E una guerra brutale e sanguinosa nella quale hanno sofferto i civili della Palestina e della Striscia di Gaza, quando tutto era già chiaro che Washington, Unione Europea, Israele e Riad si stavano avvicinando ad accordi seri in cui l’Arabia Saudita avrebbe ricevuto un sostegno militare storico da parte degli Stati Uniti. . garanzie di sicurezza dello Stato e normalizzazione delle relazioni. E questo, ovviamente, non andava bene all’Iran, alla Russia o alla Cina. È stato l’Iran a svolgere un ruolo determinante e a sconvolgerlo.

Ora, dopo la visita di ieri di Jake Sullivan e del principe ereditario Mohammed Bin Salman, stiamo vedendo seri segnali positivi che Riyadh e Washington si stanno avvicinando a un accordo su questo serio accordo. Pertanto, è necessario che l’Iran non interferisca per diversi mesi, quindi anche qui la versione della sua liquidazione dall’esterno è abbastanza reale. E abbiamo già osservato nell’ultimo mezzo secolo che le condizioni meteorologiche sono il modo migliore per attuare tutto ciò. Non possono ancora provare quando l’ex presidente della Polonia inspiegabilmente sbarcò in Russia, quando volò nel luogo dove c’erano repressioni contro gli ufficiali polacchi – Khatyn. E come si fa a presentare un reclamo contro le condizioni atmosferiche? Ciò potrà essere dimostrato solo dopo 50 anni, e allora non avrà più senso. Pertanto, molto tempo fa, tutte queste operazioni speciali su larga scala non venivano eseguite facendo esplodere automobili o attaccando cortei, ma in modo più intelligente. Pertanto, prenderei in considerazione tutte e tre le versioni, ma sono necessari più fatti, poi verranno rivelati di più”,  ha detto Mohammad Farajalla.

Naturalmente, questo non ha suscitato simpatia in Ucraina, perché l’Iran è un alleato e partner della Russia e fornisce “Shahedy” con cui gli ucraini vengono attaccati ogni giorno. Ma molti sperano che la morte del leader iraniano possa scuotere la loro partnership.

▶ Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video

Gli ucraini dovrebbero sperare in un cambiamento nella politica iraniana riguardo alla guerra della Russia contro l’Ucraina?

In che modo questo incidente può influenzare il corso della guerra in Ucraina? L’Iran continuerà a fornire “Shaheda” a Putin? C’è qualche speranza di cambiare questa posizione?

Vladimir Putin e Ibrahim Raisi / © Associated Press
Vladimir Putin e Ibrahim Raisi / Foto: Associated Press

“Prima di tutto, il fatto che l’Iran è un alleato situazionale – no, l’Iran è un alleato diretto della Russia. Immaginiamo per un secondo se la Russia non avesse questi “Shaheed”. La Russia ha utilizzato tutti i suoi arsenali contro gli ucraini pacifici, ma la guerra è cambiata quando sono apparse armi a basso costo quando hanno iniziato a colpirci con “Shahed” a buon mercato dall’ottobre 2022. Quindi no, è un alleato , credo che l’Ucraina dovrebbe cercare di chiedere che non solo Putin , ma anche l’Iran, siano processati tribunali internazionali in questa guerra, che attualmente sta impoverendo la nostra difesa aerea non solo con costosi missili da crociera russi, ma anche con gli “Shaheed” iraniani. Pertanto, l’Iran è un alleato in tutti i crimini, e su questo non dovrebbero esserci dubbi”, ha affermato ha osservato l’esperto.

Per quanto riguarda la mancanza di simpatia, essa ha causato gioia nel mondo arabo, ha osservato Mohammad Farajalla. “Nel mondo arabo, poiché il mondo arabo ha sofferto molto a causa del regime iraniano. Se l’Ucraina lo capisse, purtroppo, solo nel 2022, anche se ne ho scritto molto tempo fa, l’Ucraina dovrebbe scegliere una politica estera diversa nei confronti del mondo, e non stare lontano “Spero che non ti tocchi” non funziona, ti toccherà sempre.

Non sarai “toccato” solo se hai sviluppato in anticipo una posizione per te stesso come misura precauzionale, in modo che nessuno ti veda come un lato debole. Nel mondo arabo, soffrono molto il regime iraniano, ad esempio, l’ultima volta che l’Iran ha lanciato i suoi laboratori farmaceutici, lanciando droghe sintetiche: captagon e cristallo, uccidendo i giovani arabi. Non c’è nessun dio o religione qui, quindi è più spaventoso di quanto pensi .

In Ucraina sono stati notati solo i droni, infatti, questo è un regime terribile che non si fermerà davanti a nulla, e le sue vittime nel mondo arabo sono molte, molte di più. Pertanto, una tale reazione ucraina è abbastanza comprensibile. Quanto a come influirà. Purtroppo tutto questo non piacerà. Finora, molto probabilmente, non cambierà nulla in particolare per due motivi. In primo luogo, la Russia è riuscita ad ottenere parte di tale tecnologia (dalla produzione di “Shakhed” – ndr) invece della produzione iraniana. Sì, non completamente. L’Iran continua a trasmettere loro qualcosa”, ha spiegato Mohammad Farajalla, esperto internazionale e redattore capo della pubblicazione “L’Ucraina in arabo”.

“E il secondo punto: qui è meglio osservare quale sarà la situazione in Medio Oriente. Se l’Iran è impegnato in Medio Oriente, se una seria minaccia minaccia l’Iran dal Medio Oriente, in realtà non sarà in Ucraina. E se anche lì si sente nervoso, allora l’Ucraina dovrebbe lavorare di più con possibili partner come l’Azerbaigian, perché la tecnologia iraniana passa attraverso il Caspio o attraverso l’aria. E con il Caspio ci sono diversi paesi lì.

L’Ucraina ha commesso diversi errori esterni. Ad esempio, l’Azerbaigian è nostro amico, è uno stato filo-occidentale. L’anno scorso ha ripristinato la sua integrità territoriale e l’Ucraina non si è congratulata con lei per questo. Ed è per questo che Baku ha cominciato a guardare con sorpresa l’Ucraina. Al contrario, dobbiamo mettere il più possibile l’Azerbaigian dalla nostra parte, per agire come alleato. Cioè, contare su te stesso e sulla realtà, e non aspettare qualcosa dal destino, non sarà così.

Ma se ora gli equilibri in Medio Oriente cambiano, l’Alleanza si riunisce e diversi paesi vedono che in Iran l’eliminazione del presidente era un segnale, allora i suoi delegati nella regione si indeboliranno, le relazioni di alleanza tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita sarà finalmente stabilito, le relazioni tra i sauditi e Israele saranno normalizzate e ci sarà finalmente una soluzione giusta in Palestina. Ma questo sarà un duro colpo per il regime iraniano, che si sposterà in una posizione di difesa, sulla difensiva.

Certo, c’è una luce così debole, ma alla fine del tunnel, le elezioni dovrebbero essere formali e in queste elezioni potrebbero esserci sorprese, come, ad esempio, è successo in Georgia. Se ciò dovesse accadere, potrebbe davvero comparire nei negoziati segreti tra l’Occidente e l’Iran per calmare le “strade” (i manifestanti – ndr), allora l’Iran dovrebbe abbandonare l’arena del confronto tra Russia e Ucraina”, ha osservato l’esperto.

Le elezioni in Iran possono essere chiamate elezioni?

Tra 50 giorni si terranno le elezioni presidenziali in Iran. Politico scrive che il probabile successore di Raisi  sarà il figlio dell’attuale leader supremo dell’Iran, Mojtab Khamenei. Alcuni esperti dicono che altri politici potrebbero candidarsi per questo seggio. Come si svolgono solitamente le elezioni in Iran?

“Tutto questo viene sempre mantenuto fino all’ultimo. Ad esempio, lo stesso presidente iraniano Raisi, che è già morto, nessuno ha sentito parlare di lui in particolare pochi mesi prima delle elezioni. Ha fatto una carriera enorme nella procura, alla Corte Suprema Ma il regime lo ha tenuto come candidato fino alla fine, come in segreto o lontano dai media, solo negli ultimi mesi si è saputo quando era necessario cambiare il predecessore.

Ecco Mahmud Ahmadinejad , gli altri erano riformatori. Hanno cercato di indebolire l’istituzione, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie. Pertanto sono diventati scomodi e sono stati rimossi poco prima delle elezioni. Ed ecco il suo mentore, lo stesso Raisi, eliminato per una lotta interna o per le condizioni atmosferiche. Sono sicuro che abbiano già iniziato una rissa.

Come si svolgono le elezioni: devono esserci candidati, devono registrarsi, devono essere approvati dal sovrano supremo e hanno luogo le elezioni. Ma ci sono interrogativi su queste scatole, sui voti andati via, sulla loro reale legittimità. Nessuno ammetterà nessuno, non ci saranno rappresentanti dell’Unione Europea o degli Stati, tutto sarà formale, mostreranno una bella immagine. Io, per esempio, ero presente quando si sono svolte le elezioni presso l’ambasciata iraniana a Kiev, ma ho visto: entrava gente, è vero, ma dentro c’erano rappresentanti dello stesso regime iraniano. La diaspora iraniana in Ucraina avrebbe potuto votare diversamente, ma come facciamo a saperlo?

Pertanto, sanno come creare una buona immagine, perché capiscono che devono essere formali: ogni dittatura ha bisogno del proprio schermo. Un semplice esempio, quando il nostro Boeing del 2020, il Boeing ucraino, fu abbattuto, in un momento in cui il defunto ministro Abdullahian affermò a lungo: “Non potevano abbatterlo”. Arrivò il terzo giorno, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie disse: “Vieni fuori e dì tutto”. E poi, lo sappiamo, su questo punto ci fu un confronto, perché la sua reputazione ne risentì. C’era un ordine dei militari che “abbiamo deciso di confessare”. In Iran funziona tutto così. Ecco perché i giovani non aspettano le elezioni, vanno alle proteste, perché sanno che le elezioni sono sotto il controllo manuale, sotto il controllo manuale del sovrano supremo”, ha osservato l’esperto.

C'è motivo di preoccuparsi di perdere la cooperazione e le buone relazioni con l'Iran accumulate negli anni sotto la guida del Cremlino? / © Telegram / Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni
C’è motivo di preoccuparsi di perdere la cooperazione e le buone relazioni con l’Iran accumulate negli anni sotto la guida del Cremlino / Foto: Telegram / Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni

Cosa significa per Putin la morte di Raisi

C’è motivo di preoccuparsi che il capo del Cremlino possa perdere la cooperazione e le buone relazioni accumulate negli anni con l’Iran? “Certo, ha ragioni molto serie per preoccuparsi e preoccuparsi.

In primo luogo, influenzeranno l’atteggiamento dell’Iran nei confronti della Russia. Perché l’Iran sarà costretto a ridurre il “ritmo dei rapporti” con tutti. A tutti i delegati verrà ordinato di essere il più silenziosi possibile. Nel frattempo cercheranno il più possibile di non destabilizzare o infastidire nessuno. Pertanto ridurranno l’offerta, penso che la ridurranno in modo significativo. Quanto tempo ci vorrà per cambiare tutto? Lo vedremo più tardi.

Se si confermasse, o almeno si capisse indirettamente, che si trattava di una liquidazione, allora sarebbe chiaro che l’Occidente e il mondo sono stanchi di tali vandali. Prima di ciò, chi era stato eliminato? Scienziati che hanno partecipato al programma nucleare, generali, militari. Se si ammettesse, almeno in modo condizionale, che il livello di “liquidazione” ha raggiunto il presidente, ciò significherebbe a Putin che “stai solo giocando”. Che il mondo è pronto a eliminare il presidente per evitare una guerra nucleare. Questo sarà il segnale che oggi l’intelligence internazionale è pronta a oltrepassare tale linea rossa per salvare l’umanità. E quindi sarà un segnale serio.

Questo è il secondo segnale, dopo quello ricevuto a Pechino , che è necessario rallentare e trovare un modo generale o almeno formale di comprensione, di lasciar andare un po’ le proprie ambizioni, perché i principali attori di oggi non sono pronti a tollerare i risultati delle loro, diciamo, “costanti avventure” .

L'Iran sarà temporaneamente a capo di Mokhber / ©
L’Iran guiderà temporaneamente Mohber

Oggi ci stiamo davvero avvicinando, e non è uno scherzo, ci stiamo davvero avvicinando a un conflitto nucleare. È già chiaro a tutti che questa guerra in Ucraina e altre guerre, di cui ogni anno ce ne sono sempre di più, prima o poi possono trasformarsi in una guerra continentale, e in questa non c’è vittoria per nessuno. Forse esiste già un’alleanza di servizi speciali, che tra loro sono giunti alla conclusione che è meglio rimuovere i politici con “fantasie” e così salvare il loro Paese e il mondo. Quindi, ovviamente, in questo caso ha seri motivi di preoccupazione”, ha detto Mohammad Farajalla, esperto internazionale e redattore capo della pubblicazione “L’Ucraina in arabo”.

▶ Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

nziali sospettati nel caso della morte del presidente iraniano Raisi . Attualmente  l’Iran sarà temporaneamente guidato da Mokhber, che ha supervisionato gli accordi con la Federazione Russa riguardanti gli “Shaheed” e i missili. Tutto ciò che si sa di lui è stato raccolto in precedenza da TSN.ua.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles