26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

La Slovacchia dopo l’assassinio del primo ministro. “Questo è il tuo lavoro!”, “Siamo tutti scioccati”

La Slovacchia dopo l’assassinio del primo ministro. “Questo è il tuo lavoro!”, “Siamo tutti scioccati”

Dopo l’attacco al primo ministro slovacco spuntano accuse contro l’opposizione e i media. Robert Fico è in gravi condizioni. Il primo ministro slovacco Robert Fico è stato ucciso mercoledì poco prima delle 15 davanti a un centro comunitario nella città di Handlová, nella Slovacchia centrale, dove si stava svolgendo una riunione del governo in trasferta . È stato immediatamente portato in ospedale. 

Intorno alle 16 sul profilo Facebook di Robert Fico è apparsa una voce secondo la quale il primo ministro era in pericolo di vita. Sono stati sparati quattro, cinque, forse anche sei colpi. A consegnarli sarebbe stato Juraj C., 71 anni, della città di Lewice, nella Slovacchia centrale, che è stato arrestato. Secondo le dichiarazioni dei testimoni, avrebbe chiamato Fico perché andasse da lui, poi avrebbe estratto una pistola e avrebbe iniziato a sparare.

I proiettili avrebbero dovuto colpire lo stomaco e il petto

Uno dei proiettili avrebbe dovuto colpire Fica allo stomaco, l’altro al petto. Circa un’ora dopo l’attacco, il primo ministro è stato trasportato in elicottero all’ospedale FD Roosevelt di Banská Bystrica. I media riferiscono che non è stato deciso il trasporto a Bratislava perché ci sarebbe voluto più tempo e le condizioni della persona ferita richiedevano un intervento immediato.

Il Primo Ministro Fico si è recato al popolo al termine della riunione di governo per salutarlo. – Volevo solo stringergli la mano – ha detto l’anziano ai giornalisti del quotidiano Denník N. Poi sono stati sparati dei colpi. Secondo i media l’aggressore possedeva legalmente l’arma.

Esperto: Si poteva evitare

Juraj Zábojník, ex capo dell’Ufficio per la protezione dei rappresentanti costituzionali delle missioni statali e diplomatiche, ora esperto di sicurezza, ha affermato alla televisione TA3 che una settimana fa aveva sottolineato la necessità di una protezione speciale per il Primo Ministro e che la situazione era grave.

Parlando dello svolgimento dell’attacco in sé, ha elogiato il fatto che fossero presenti molte guardie di sicurezza, ma ha criticato il fatto che quando sono stati sparati si è creato il caos. Non ha visto nessuno lanciarsi per proteggere il capo del governo. Secondo lui potrebbe essere stato sparato il primo colpo, ma non il secondo, il terzo o il quinto. – Quello che è successo poteva essere evitato – ha detto Zábojník.

Capo del Parlamento: Questo è il tuo compito!

– Interrompo la sessione del Parlamento per un periodo di tempo indeterminato. Hanno sparato al primo ministro della Repubblica slovacca. Questo è il tuo lavoro! – ha detto il vicepresidente del Parlamento Luboš Blaha del partito Smer del leader del governo Fico. Le ultime parole sono state rivolte all’opposizione, cosa che ha suscitato indignazione tra i suoi parlamentari.

A sua volta, un altro vice capo del parlamento, il presidente della coalizione del Partito nazionale slovacco SNS, Andrej Danko, ha accusato i giornalisti dell’attacco. Egli ha indicato i giornali “SME” e “Denník N” nonché il portale di notizie Aktuality.sk, di proprietà di Ringier Axel Springer Media.

Ulteriori accuse contro giornalisti e opposizione sono state avanzate nel corso di una dichiarazione congiunta dei leader della coalizione di governo, sostenuta da tutti i membri del partito che la compone. Mentre il presidente del partito Hlas (La Voce) Peter Żiga cercava di calmare gli animi, i suoi vice Blaha e Danko continuavano i loro attacchi.

Presidente: Smettiamola!
L’attacco è stato immediatamente condannato dalla presidente Zuzana Czaputová. Poi, un quarto prima delle 17, è apparsa davanti alle telecamere e ai microfoni dei media con una breve dichiarazione: – Sono scioccata. Siamo tutti scioccati dal terribile e insidioso attacco al primo ministro Robert Fico, ha esordito. “È successo qualcosa, la cui gravità non possiamo nemmeno immaginare”, ha continuato.

Secondo il capo dello Stato, un attacco fisico al primo ministro è innanzitutto un attacco a una persona, ma è anche un attacco alla democrazia. – La violenza di qualsiasi tipo è assolutamente inaccettabile. La retorica piena di odio a cui assistiamo nella società porta ad atti odiosi. Per favore, smettiamola! – Ha chiamato Zuzana Czaputová. – Pensiamo alla cosa più importante, e al momento è che Robert Fico si riprenda il più rapidamente possibile – ha concluso il presidente.

I russi hanno annunciato un “attacco aereo delle forze armate” sul distretto di Belgorod, ci sono vittime

Tutti condannano l’attacco. L’attacco è stato condannato anche dai leader dell’opposizione, che hanno annullato la manifestazione annunciata per oggi. – Condanniamo inequivocabilmente e fermamente ogni tipo di violenza. Ci auguriamo che non succeda nulla al primo ministro Fico e che questo atto terribile venga spiegato al più presto possibile, ha affermato Michal Szimeczka, capo del partito Progressista Slovacchia.

Igor Matovicz, ex primo ministro e capo del movimento Slovensko (Slovacchia), considerato il critico più duro del capo del governo, ha affermato che Robert Fico è il suo rivale di lunga data. – Questa è politica. Tuttavia, come essere umano, gli auguro una pronta guarigione e condanno profondamente ogni violenza. Pugni e proiettili non risolveranno nulla in politica. Per favore, siamo umani, ha detto.

Parole di condanna e appelli alla calma sono arrivati ​​anche da rappresentanti delle chiese. – Condanno la violenza, l’odio e l’aggressività, che non fanno altro che alimentare il male e approfondire la polarizzazione nella società. Faccio appello alla coscienza di tutti: non restiamo indifferenti, siamo creatori di pace, ha affermato Bernard Bober, presidente della Conferenza episcopale della Chiesa cattolica romana.

– Tale ingiustizia e attacco contro un pubblico ufficiale sono assolutamente inaccettabili dal punto di vista umano e cristiano e dimostrano la nostra incapacità di rispettare le opinioni diverse e di condurre il dialogo in modo colto – hanno affermato i vescovi del Consiglio dei Gerarchi della Chiesa greco-cattolica in Slovacchia. “L’uso delle armi, come espressione estrema di opposizione politica, ideologica o umana, non può in alcun modo sostituirsi al confronto di opinioni e atteggiamenti per il quale la democrazia parlamentare crea spazio”, hanno scritto i membri del presidio della Chiesa evangelica di Augusta e della Chiesa evangelica di Augusta. vescovi.

L’articolo proviene da Deutsche Welle

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles