26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Molla tutto e guarda il cielo. Sono 20 anni che non esistono condizioni del genere per l’aurora boreale

Molla tutto e guarda il cielo. Sono 20 anni che non esistono condizioni del genere per l’aurora boreale. Il loro accumulo è così grande che nella notte tra venerdì e sabato possiamo avere le migliori condizioni

Molla tutto e guarda il cielo. Le onde elettromagnetiche delle eruzioni solari di giovedì stanno già raggiungendo la Terra. Il loro accumulo è così grande che nella notte tra venerdì e sabato possiamo avere le migliori condizioni per osservare l’aurora boreale in Polonia da 20 anni. Potenti espulsioni di massa coronale rilasciate dal Sole stanno già raggiungendo la Terra. Ciò significa che ci sono buone probabilità di poter osservare l’aurora boreale dalla Polonia di notte. 

Queste potrebbero essere le migliori condizioni per osservare l’aurora boreale sulla Polonia per diversi, o forse anche circa 20 anni. non sto scherzando

– si legge sulla fanpage “Con la testa tra le stelle”, gestita da Karol Wójcicki, divulgatore di astronomia. 

Aurora boreale sulla Polonia. Vale la pena osservare il cielo venerdì

Le informazioni sulla potenziale visibilità dell’aurora sono apparse venerdì intorno a mezzogiorno. In serata si è scoperto che la prima delle espulsioni di massa coronale solare ha colpito il satellite DSCOVR e dopo le 19:30 “l’onda d’urto del vento solare denso e veloce sta già attraversando la Terra”, ha scritto Wójcicki. Le prossime parti del vento solare dovrebbero raggiungerci intorno alle 21:30-22:00.

Se puoi, scendi in campo. Non preoccuparti per le nuvole!!! Una notte del genere accade una volta ogni diverse decine di anni

– scrive Wójcicki. Aggiunge che c’è “un’alta probabilità che l’aurora copra le medie latitudini, compresa la Polonia meridionale, la Repubblica Ceca , la Slovacchia e persino l’Ungheria”.

“Le truppe russe saranno nel Dnipro, Kharkiv, Kryvyi Rih”: il generale di brigata ha avvertito della minaccia

Wójcicki nota inoltre che la visibilità dell’aurora dipenderà dal momento dell’impatto dell’espulsione della massa coronale sulla Terra. Le previsioni mattutine non erano molto ottimiste per la Polonia e dicevano che l’11 maggio sarebbe stata l’alba. Ma Wójcicki ha scritto che, in base alla sua esperienza, l’impatto si era già verificato molte volte e forse anche questa volta sarà lo stesso. I successivi articoli del blog confermano che ci sono buone probabilità che le onde d’urto raggiungano la Polonia molto prima e che l’aurora sia molto visibile.

Il sole potrebbe aver raggiunto il suo massimo. Prima di quanto sospettassero gli scienziati

Tutto questo grazie ai brillamenti solari avvenuti giovedì. Innanzitutto, gli astronomi hanno registrato brillamenti di classe X e M, e poi, due giorni dopo, la regione AR3664 ci raggiungerà sotto forma di tempesta geomagnetica il 10 e 11 maggio – commenta Helena Ciechowska del Centro di previsione eliogeofisica,” si legge nel ingresso del Centro Ricerche Spaziali Pan.  Grazie a ciò, l’aurora boreale può essere visibile in Polonia nella notte dal venerdì al sabato. 

L’elevata attività del Sole deriva dal suo ingresso nel periodo di massimo, che avviene in media una volta ogni 11 anni. Secondo i calcoli degli astronomi, ciò dovrebbe accadere nel 2025. Ma gli scienziati dicono da mesi che ciò avverrà prima. Scott McIntosh, eliofisico e vicedirettore del Centro nazionale per la ricerca atmosferica in Colorado, ha dichiarato a Live Science che ritiene che il sole abbia già raggiunto il suo massimo. Tuttavia, potrebbero volerci molti anni prima di poterlo confermare con certezza. 

In ogni ciclo, l’attività solare aumenta per diversi anni, raggiungendo il massimo, e poi diminuisce per diversi anni fino a raggiungere il minimo. Durante questo periodo, i poli magnetici nord e sud cambiano posizione. Non è chiaro quale sia la ragione dei cicli solari e perché durano 11 anni (circa la metà di questo tempo l’attività aumenta e l’altra metà diminuisce). Attualmente, il Sole è nel suo 25° ciclo, che (secondo NASA e NOAA) è iniziato a dicembre 2019.

I brillamenti delle macchie solari possono trasformarsi in tempeste magnetiche . Questi rappresentano una minaccia reale non solo per i satelliti artificiali in orbita e forse per gli astronauti nelle stazioni spaziali, ma anche, tra gli altri, per le centrali elettriche sulla Terra. Si ritiene che potenti tempeste magnetiche come quelle del 1859 e del 1989 causerebbero oggi una catastrofe globale . Fortunatamente, i brillamenti più piccoli (o espulsioni di massa coronale) terminano solo con una forte aurora boreale, come quella che potrebbe essere visibile oggi dalla Polonia. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles