19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

L’Occidente trema: perché è troppo presto per distruggere il ponte di Crimea e come reagirà Putin

L’Occidente trema: perché è troppo presto per distruggere il ponte di Crimea e come reagirà Putin. Dopo il tanto atteso aiuto militare da parte degli Stati Uniti si è parlato nuovamente del ponte di Crimea (Kerchen) in Ucraina .

L’Occidente trema: perché è troppo presto per distruggere il ponte di Crimea e come reagirà Putin. La Russia usa il “bastone nucleare” per intimidazione e i nostri partner ne hanno francamente paura. Dopo il tanto atteso aiuto militare da parte degli Stati Uniti si è parlato nuovamente del ponte di Crimea (Kerchen) in Ucraina . Vale a dire, sulla sua possibile distruzione da parte dei nostri militari. TSN.ua ha scoperto se ora è opportuno attaccare il passaggio nemico, quando e come può essere distrutto. Ma quale può essere la reazione della Russia a tutto ciò?

Come possiamo distruggere il ponte di Crimea?

L’esperto militare Ihor Romanenko osserva che ora la questione della distruzione del ponte di Crimea non è al primo posto, perché al fronte abbiamo problemi molto più importanti. “Se parliamo di cosa distruggere esattamente il ponte di Crimea, allora abbiamo gli strumenti appropriati per questo. In teoria, potrebbero essere missili da crociera Storm Shadow a lungo raggio o missili SCALP. Il loro numero è limitato, ma esiste la possibilità di utilizzare,” – afferma TSN.ua Ihor Romanenko , esperto militare, tenente generale in pensione e vice capo di stato maggiore (2006-2010).

Aggiunge che per distruggere completamente il ponte di Kerch è necessario l’uso di un complesso sistema di armi aeree, marine e anche subacquee . L’esperto osserva che se il ponte dovesse essere distrutto, ciò dovrebbe essere fatto in modo tale che non abbia più alcuna possibilità di essere ripristinato.

Ponte di Crimea / Screenshot dal documentario / ©
Ponte di Crimea / Screenshot dal film documentario

Distruggere – per cosa?

“Penso che molti ucraini vogliano che questo ponte venga sommerso dall’acqua. E molti non vedono l’ora di farlo. Ma qui sorge una semplice domanda: è il momento giusto per farlo proprio adesso? Personalmente, penso che non vogliamo distruggere adesso questo “ponte sacro di Putin” , perché abbiamo più problemi globali, dobbiamo fermare l’avanzata del nemico al fronte – questa è la cosa più importante adesso”, dice Ihor Romanenko.

Il portavoce dei servizi ha rivelato nuovi dettagli sull’individuazione delle intercettazioni. “I servizi hanno funzionato correttamente”

L’esperto osserva che la decisione di distruggere il ponte di Crimea dovrebbe essere presa in base alla situazione che si svilupperà al fronte . È convinto che il ponte debba essere distrutto, ma quando sarà il suo turno e noi avremo le condizioni favorevoli per farlo.

Quali sono i rischi se il ponte viene distrutto?

“Per qualche ragione, qualcuno nel nostro Paese ha deciso che questo ponte è qualcosa di sacro, che bisogna prenderlo e distruggerlo proprio adesso, come se questo rendesse le cose più facili per tutti. No, non lo farà. La situazione peggiorerà ancora di più Guarda cosa sta facendo la Russia. Mentre solo i nostri partner internazionali iniziano a parlare della consegna di F-16 , la Russia li minaccia immediatamente con la possibilità di attacchi nucleari , dicendo che questi combattenti possono essere portatori di testate nucleari hanno i loro risultati negativi che la consegna dell’F-16 è stata rinviata fino all’autunno,” spiega Ihor Romanenko.

Quale sarà la reazione della Russia all’attacco al ponte

L’esperto afferma che in caso di attacco al ponte di Kerch, l’intimidazione nei confronti dei partner russi non farà che aumentare, e questo non ci garantisce nulla di buono. Di conseguenza, ciò costringerà ancora una volta i nostri partner a sospendere la fornitura di armi .

” La Russia usa un “bastone nucleare” per intimidazione, e i nostri partner ne hanno francamente paura. Pertanto, se distruggiamo il ponte di Crimea adesso, aggiungeremo ancora più benzina sul fuoco. I russi intimidiranno ancora di più i loro partner con il nucleare A proposito, le uniche armi promesse dall’ATACMS sono vecchie testate a lungo raggio. Ma non ci sono ulteriori sviluppi. I partner probabilmente sono spaventati, perché riceveremo i caccia F-16 che i Paesi Bassi hanno già preparato per noi sono stati costretti a posticipare la data di consegna”, dice un esperto militare.

Ponte di Crimea / Screenshot dal documentario / ©

Ponte di Crimea / Screenshot dal film documentario

Spaventa con una mano e sgancia bombe con l’altra

Secondo Igor Romanenko la Russia ha ormai assunto una posizione aggressiva . Putin ricatta costantemente l’Occidente con missili nucleari. “Mentre l’Occidente trema, la Federazione Russa continua ad utilizzare efficacemente i missili antiaerei sui nostri territori di confine. Inizialmente i russi hanno sganciato bombe del peso compreso tra 250 e 1.000 chilogrammi, attaccano con bombe del peso di 1,5 tonnellate e ora manifestano nelle loro fabbriche la produzione di missili antiaerei del peso di tre tonnellate.

Ecco perché abbiamo bisogno di sistemi di difesa aerea a medio e lungo raggio per poter abbattere gli aerei che trasportano queste bombe sui fianchi. Questo è ora molto più importante di quello Ponte di Crimea “, conclude Igor Romanenko. In precedenza, TSN.ua ha riferito che il ponte di Crimea presto finirà .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles