19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

“Un ragazzo di 14 anni soffre ancora”: a Odessa stanno verificando se il bambino è stato picchiato dai soldati

“Un ragazzo di 14 anni soffre ancora”: a Odessa stanno verificando se il bambino è stato picchiato dai soldati. Sono diventati noti nuovi dettagli sul rapimento di un adolescente di 14 anni

La polizia sta accertando chi ha molestato il bambino che passeggiava lungo la strada centrale del paese. Sono diventati noti nuovi dettagli sul rapimento di un adolescente di 14 anni da parte di uomini in uniforme militare nel villaggio di Priozerne, nella regione di Odessa. Come ha detto in un commento a TSN.ua Oksana Terzi , capo del dipartimento di protezione sociale del consiglio di insediamento di Suvorov, nonostante siano passati diversi giorni dall’incidente, il ragazzo sente ancora dolore fisico per i colpi infertigli dai soldati armati uomini in uniforme militare.

“Al momento sono in corso le indagini che stanno cercando i colpevoli. Le condizioni del ragazzo sono instabili, sente ancora dolore . Il bambino è sottoposto a una visita medico legale, uno psicologo sta lavorando con lui.

Stiamo facendo tutto ciò che è necessario” che ci viene richiesto”, ci ha detto Oksana Terzi. Secondo lei, il ragazzo è orfano. “Si prende cura di lui sua nonna, che è la sua tutrice”, dice Oksana Terzi. A ciò aggiunge che al momento non si sa con certezza di quale struttura fossero dipendenti questi uomini in uniforme militare e con il disegno delle mascelle sui passamontagna. L’unica cosa che si sa è che dopo aver appreso della sua età, è stato rilasciato a 7 chilometri dal villaggio. Inoltre, secondo Oksana Terzi, i rapitori del bambino erano armati con armi automatiche.

A sua volta, la portavoce della polizia dell’Oblast di Odessa, Lyubov Gordievska , ha confermato che le forze dell’ordine hanno avviato un procedimento penale ai sensi dell’articolo “Privazione illegale della libertà o rapimento di una persona”. Se giudicati colpevoli, i soggetti coinvolti rischiano fino a 3 anni di carcere. Alla domanda sui dipendenti di quale struttura fossero i rapitori, la polizia dell’Oblast’ di Odessa ci ha detto che non hanno commentato questo. A loro volta, i contributori sui social network hanno suggerito che questi potrebbero essere dipendenti del TCC, che hanno sbagliato significativamente l’età del ragazzo, scambiandolo per un adulto.

Attacco nella regione di Odessa: le autorità hanno riferito dove hanno colpito gli invasori

Allo stesso tempo, il TCC e SP regionale di Odessa hanno risposto alle accuse come segue: “Per quanto riguarda l’accusa dei dipendenti del TCC e SP nella detenzione di un minore nel distretto di Izmail, è in corso un’indagine ufficiale. Tutte le circostanze dell’evento sono state attentamente studiate, il comando ha fornito la massima assistenza alle forze dell’ordine che agiscono nell’ambito delle indagini sul reato ai sensi della parte 1 dell’articolo 146 del codice penale ucraino, le cui informazioni sono incluse nell’EDPR .”

Cosa si sa della detenzione dell’adolescente

Quel giorno, il ragazzo stava camminando lungo la via centrale di Priozerny verso la sua ragazza. Accanto a lui si fermò un minibus bianco. Tre soldati magri con mitragliatrici corsero fuori da lì e gli ruppero le braccia. I rapitori indossavano passamontagna con mascelle dipinte di bianco sulla testa. Il ragazzo vedeva solo gli occhi degli uomini. E l’autista si sedette al volante.

Dopo aver scoperto la sua età in macchina, lo hanno lasciato all’ingresso di un altro villaggio. L’adolescente è tornato a casa a piedi per 5-7 chilometri. È anche noto che l’adolescente viene allevato solo da sua nonna.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles