24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

L’opposizione turca ha sconfitto il partito di Erdogan nelle principali elezioni locali

L’opposizione turca ha sconfitto il partito di Erdogan nelle principali elezioni locali. Un cambiamento nel panorama politico è possibile in Turchia.

Domenica i turchi hanno inferto al presidente Tayyip Erdogan e al suo partito il più grande colpo elettorale nelle elezioni locali nazionali che hanno ripristinato l’opposizione come forza politica e consolidato il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu come principale sfidante del presidente. Lo scrive Reuters  . Dopo lo spoglio della maggioranza dei voti, Imamoglu ha guidato con un margine del 10% nella corsa per la carica di sindaco di Istanbul, la città più grande della Turchia, mentre il suo Partito popolare repubblicano ha mantenuto Ankara e ha vinto altri 15 seggi a sindaco in tutto il Paese.

È stata la peggiore sconfitta per Erdogan e il suo Partito Giustizia e Sviluppo in più di due decenni al potere e potrebbe segnalare un cambiamento nel panorama politico diviso del paese. Erdogan lo ha definito un “punto di svolta” nel discorso. 

Gli analisti dicono che lui e il suo potere politico hanno avuto risultati peggiori di quanto previsto dai sondaggi d’opinione, a causa dell’inflazione alle stelle, del disamore degli elettori islamici e, a Istanbul, dell’appello di Imamoglu. “Coloro che non capiscono il messaggio della nazione alla fine perderanno”, ha detto Imamoglu, 53 anni, a migliaia di sostenitori esultanti domenica sera tardi, alcuni dei quali hanno cantato affinché Erdogan si dimettesse. “Stasera, 16 milioni di cittadini di Istanbul hanno inviato un messaggio sia ai nostri oppositori che al presidente”, ha detto l’ex uomo d’affari, entrato in politica nel 2008 e ora ampiamente pubblicizzato come un probabile contendente alla presidenza.

Erdogan, che è stato anche sindaco della sua città natale di Istanbul negli anni ’90, ha condotto una intensa campagna nel periodo precedente alle elezioni municipali, che gli analisti hanno descritto come un indicatore sia del suo sostegno che della resilienza dell’opposizione. Rivolgendosi alla folla riunita presso la sede del partito politico, Erdogan ha detto che la sua alleanza ha “perso terreno” in tutto il paese e che prenderà provvedimenti per rispondere ai messaggi degli elettori. “Se abbiamo commesso un errore, lo correggeremo” negli anni a venire, ha affermato. “Se ci manca qualcosa, lo recupereremo.”

Più di 50mila grivnie al mese: quanto costa affittare un appartamento a Kiev, Dnipro, Lviv e in altre città

Altrove ad Ankara, altre migliaia di sostenitori hanno sventolato bandiere turche e del partito durante un discorso del sindaco rieletto del CHP Mansur Yavas, che ha sconfitto il suo rivale del Partito Giustizia e Ordine in un’altra delusione per Erdogan.Secondo il 92,92% delle urne aperte a Istanbul, la città più grande d’Europa e motore economico del Paese, Imamoglu ha ricevuto il 50,92% di sostegno, rispetto al 40,05% del candidato dell’AKP Murat Kurum, ex ministro del governo nazionale di Erdogan.

Risultati ufficiali parziali pubblicati dall’Agenzia statale Anadolu hanno mostrato che l’AKP e il suo principale alleato hanno perso posizioni di sindaco in 19 comuni chiave, comprese le principali città di Bursa e Balikesir nel nord-ovest industrializzato, forse riflettendo la tensione sui lavoratori. I risultati hanno mostrato che la forza politica dell’attuale presidente ha guadagnato quasi l’1% dei voti a livello nazionale, per la prima volta in 35 anni.

Mert Arslanalp, professore associato di scienze politiche all’Università Bogazici di Istanbul, ha affermato che si tratta della “sconfitta elettorale più pesante” di Erdogan da quando è salito al potere nazionale nel 2002. Aggiungiamo che in precedenza  Erdoğan aveva annunciato che avrebbe lasciato la politica .Ricordiamo che l’8 marzo il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyi ha visitato la Turchia. Durante l’incontro con Recep Erdogan ha suggerito di invitare la Russia ad un vertice di pace. Tuttavia, il leader ucraino ha affermato di non vedere alcun motivo per invitare i rappresentanti del paese aggressore.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles