19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

TORTURATO CON LA CORRENTE ELETTRICA E VUOLE ESSERE IMPRIGIONATO PER 20 ANNI

Torturato con la corrente elettrica e vuole essere prigionato per 20 anni: La Storia di un ragazzo di 18 anni rapito dai militari russi

La famiglia ha vissuto un vero inferno e spera in un miracolo. Torturato con la corrente elettrica e vuole essere prigionato per 20 anni. La storia di questa famiglia inizia diversi anni fa. A quel tempo, la famiglia ucraina combatté coraggiosamente per la vita della loro piccola figlia Maria, a cui fu diagnosticata una terribile malattia: l’atrofia muscolare spinale. I medici hanno affermato che i bambini con tale diagnosi non vivono fino a 2 anni e i genitori hanno fatto tutto il possibile per salvare il bambino. L’unica possibilità di salvezza si chiamava l’iniezione di Zolgensma per quasi 2,5 milioni di dollari. Quindi il paese si è unito e ha raccolto una somma folle in 4 mesi. Ma le prove della famiglia non finiscono qui.Quali problemi hanno colpito la famiglia durante la guerra e perché la madre della ragazza chiede aiuto al mondo intero – vedi esclusivamente su TSN.ua. La vita di Mariyka – la fuga dall’occupazione – un nuovo problema

La piccola Maria Sakhno è riuscita a farsi l’iniezione più costosa del mondo e ora la famiglia sta riabilitando sua figlia affinché possa rimettersi in piedi. Mariyka ha già iniziato a parlare, dice Darya, sua madre. Torturato con la corrente elettrica. Ma due anni fa, quando scoppiò la guerra, la vita della famiglia si capovolse di nuovo e dovettero lasciare Novaya Kakhovka, già occupata dai russi, con due gemelli, uno dei quali era Mashunya. L’auto era disseminata di dispositivi per la ragazza. E l’intera famiglia di Daria è rimasta nel territorio temporaneamente occupato, compresi i suoi genitori, la nonna, la sorella e il fratello.  Ma il vero inferno è iniziato nel maggio 2023, quando il fratello di Daria ha smesso di contattarla, è scomparso senza lasciare traccia mentre andava in bicicletta dalla nonna per portarle cibo e medicine.

Ciò che si sa del destino del ragazzo

Torturato con la corrente elettrica solo una cosa era chiara: Kirill, 18 anni, è stato rapito dai soldati russi. Per quasi un anno non si seppe nulla della sorte del fratello di Daria, né dove fosse e nemmeno se fosse vivo. La ragazza bussò a tutte le porte, la madre cercò il figlio nei villaggi vicini, ma in risposta tutti si limitarono ad agitare la mano. Nel frattempo, i soldati russi hanno cominciato a interrogare gli amici del ragazzo.

Successivamente, Kirill è stato portato fuori dalla regione di Kherson, da allora non c’erano più informazioni sul ragazzo. Torturato con la corrente elettrica . E 10 mesi di ricerca continua hanno dato risultati. Si è scoperto che l’ucraino è stato trasportato in Russia, prima a Taganrog e poi a Rostov, dove Kiril è ancora detenuto nel centro di custodia cautelare n. 1. È accusato di “spionaggio”, dicono, il ragazzo ha “ceduto” le posizioni russe durante l’occupazione della regione di Kherson da parte dell’esercito ucraino. Dalle prove risulta solo una foto generica che ha passato al suo amico. Ma per questo vogliono rinchiuderlo in una prigione russa fino a 20 anni.

È morto un bambino di tre mesi. Il corpo è stato ritrovato dalla madre. Sul posto polizia e procura

Immagina: questa è tutta la vita. Darya dice che, rendendosi conto che trattenevano suo fratello illegalmente, hanno iniziato a torturarlo e costringerlo a confessare un “crimine”. Attualmente gli occupanti non permettono alla famiglia di parlare con Kirill nemmeno telefonicamente, un avvocato ha accesso al ragazzo. 

Come liberare i civili ucraini dalla prigionia

Darya osserva che anche le organizzazioni pubbliche stanno rispondendo a dove lei avrebbe potuto rivolgersi. La questione è complicata dal fatto che attualmente non esiste un meccanismo chiaro per il rilascio dei civili ucraini dalla prigionia. Solo di tanto in tanto la parte ucraina riesce a restituire i bambini. Nel dicembre 2023, il commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada ucraina, Dmytro Lubinets, ha affermato che, secondo i dati ufficiali, ci sono attualmente circa 28.000 civili ucraini prigionieri in Russia. Non si sa nulla delle loro condizioni e di dove si trovino, perché per lo più gli occupanti vietano loro di corrispondere e contattare i loro parenti.

Le persone vengono spesso detenute solo per strada, afferrate e gettate nei centri di custodia cautelare e nelle camere di tortura russe improvvisate senza alcun processo o indagine. I civili vengono raramente restituiti come parte degli scambi. Il fatto è che il diritto internazionale vieta di tenere in cattività i non combattenti e, di conseguenza, la procedura per lo scambio di prigionieri di guerra non si applica a loro. Nei territori occupati, i russi a volte rilasciano questi ostaggi se non li interessano più. Le persone si ritrovano sotto occupazione senza documenti e per loro raggiungere il territorio controllato dalle autorità ucraine è un compito difficile.

Il fattore Bielorussia nella guerra: come Lukashenko aiuta la Russia a uccidere gli ucraini

Ci sono voci secondo cui puoi comprare i tuoi parenti dai russi. E in effetti ci sono conversazioni del genere, i parenti dei prigionieri vengono contattati da sconosciuti e convinti di poter acquistare un parente per una certa cifra. Tuttavia, gli avvocati categoricamente non consigliano di negoziare nulla con tali incogniti.  Sfortunatamente, i difensori dei diritti umani ucraini sono impotenti in questa situazione e consigliano cosa fare alle persone i cui parenti sono stati catturati dalla Russia. 

Non essere lasciato fuori

Ci siamo rivolti a Dmytro Lubinets, il commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada ucraina, per sapere a che punto si trova attualmente lo sviluppo del meccanismo per il rilascio dei civili ucraini dalla prigionia russa e se ciò è possibile. Non appena riusciremo a registrare un’intervista o almeno a sapere qualcosa sulla sorte di Kirill, vi informeremo immediatamente. Nel frattempo, Darya si è rivolta agli ucraini. 

Gli ucraini sono invitati a non rimanere indifferenti ai problemi degli altri. Abbiamo già dimostrato più di una volta che dobbiamo solo unirci: possiamo fare qualsiasi cosa. Che si tratti di una raccolta fondi o di qualche altra situazione evidente. Attualmente migliaia di famiglie aspettano i loro parenti dalla prigionia russa ed è tempo di pensare a come possono essere aiutati.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles