0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

La caduta del banchiere. Ha esaurito i piatti, sebbene il re lo avesse precedentemente visitato

La caduta del banchiere. Ha esaurito i piatti, sebbene il re lo avesse precedentemente visitato

La caduta del banchiere. Era favolosamente ricco, aveva in tasca l’ultimo re di Polonia, Stanisław August Poniatowski, e manteneva contatti attivi in ​​tutta Europa. Ma nessuna di queste cose ha impedito la sua caduta. 231 anni fa la banca di Piotr Fergusson Trepper fallì, il che contribuì in modo significativo alla caduta della Confederazione polacco-lituana. E lo stesso Trepper dovette vendere piatti d’argento per avere qualcosa con cui vivere. Poco dopo incontrò la sua triste fine. La crisi bancaria non è un’invenzione moderna, e il crollo di potenti istituzioni finanziarie avrebbe potuto scuotere le fondamenta dell’intero Stato anche più di due secoli fa, quando nessuno si sognava nemmeno le connessioni globali che abbiamo oggi. 

L’esempio migliore è quello che accadde il 25 febbraio 1793. Quel giorno la più grande banca della Repubblica di Polonia, di proprietà di Piotr Fergusson Tepper, annunciò il fallimento. Insieme a ciò crollarono molti altri istituti bancari. Ciò, a sua volta, causò la temporanea insolvenza delle legazioni prussiana e russa, e anche la corte reale divenne insolvente.

L’ ambasciatore russo ordinò subito che gli archivi del banchiere venissero sigillati affinché non si rivelasse quali tra le figure più eminenti della vita politica contemporanea fossero sul libro paga della corte russa. Ma questi sigilli avevano l’efficacia di un cerotto nel guarire un arto mozzato. Le perdite subite soprattutto dall’aristocrazia erano difficili da stimare. Per anni la maggior parte dei nobili abbandonò l’idea di investire e costruire un’industria sul suolo polacco. Non si trattava più di istituire una banca nazionale. E le ricevute che dimostrano quale politico era nelle tasche della Russia sono state comunque ritrovate. Ma ne parleremo più avanti tra poco.

L'inesistente Palazzo Tepper in ul.  Miodowa 7 a VarsaviaL’inesistente Palazzo Tepper in ul. Miodowa 7 a Varsavia  Autore: sconosciuto – Andrzej Jeżewski, Varsavia nella vecchia fotografia, Wydawnictwo Artystyczno-Graficzne, Varsavia 1960, pagina 48, dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid= 55516177

Il banchiere più ricco del Nord

Prima che tutto ciò accadesse, Piotr Fergusson Trepper era definito dai suoi contemporanei “il banchiere più ricco del Nord”. Era sicuramente il banchiere più ricco della Repubblica di Polonia, con un patrimonio stimato in oltre 60 milioni di PLN. L’importo è praticamente inimmaginabile per l’abitante medio del regno. Solo i più grandi magnati potevano vantare una ricchezza paragonabile.

Cracovia. L’appello del Rev. P Dariusz Raś del parroco della Basilica di Santa Maria. I fedeli hanno scritto una lettera all’arcivescovo Marek Jędraszewski

Chi era? La ricchezza agiva come una calamita. L’elegante società della capitale si riuniva nella casa del banchiere. I Trepper furono visitati in gran numero da stranieri in visita nella capitale polacca, ambasciatori e inviati di corti straniere e dal loro ospite più illustre: il re Stanisław August. Il banchiere ha approfittato di questi collegamenti. Ad esempio, mettere suo figlio come ufficiale nel reggimento Ismailov nella guardia di Caterina II. Lo doveva alla sua amicizia con il principe Repnin, una figura che lasciò un segno nero nella storia della Confederazione polacco-lituana. “Devo questo onore agli sforzi e, oserei dire, all’amicizia che il principe Repnin ha per noi”, ha scritto Trepper in una delle sue lettere. 

Era anche un marito e un padre amorevole. Le sue lettere riflettono il suo orgoglio per i figli che lui e sua moglie hanno avuto fino a dieci. “Noi [io e mia moglie] li abituiamo fin dalla tenera età a considerare il padre e la madre come migliori amici e, in cambio, mostriamo loro che sono la cosa più preziosa per noi. Per trascorrere del tempo con loro, rinunciamo a visitare le aziende più importanti della città. “distinti e coinvolgenti. La fortuna e il rispetto di cui godiamo ci portano costantemente a queste aziende, ma la nostra tenerezza ci tiene vicini ai bambini”, ha scritto Trepper.

Aveva una mano negli affari. Oltre alla banca e al palazzo in via Miodowa a Varsavia, Trepper possedeva proprietà vicino alla capitale e in Podolia. Ha anche svolto attività attive nell’odierna Ucraina. Ma quando nacque, c’erano poche indicazioni che avrebbe raggiunto una tale ricchezza. Era uno dei tanti figli dell’immigrato scozzese Wilhelm Fergusson e Catherine Tepper. Suo padre morì quando Piotr era bambino e la vedova con un gruppo di bambini trovò rifugio e aiuto da suo fratello Piotr Trepper il maggiore. Prese suo nipote sotto la sua protezione, gestirono insieme un’attività e alla fine lo adottò come figlio. Doveva il suo buon inizio a suo zio.

Autunno

Un buon inizio è una cosa, ma Fergusson Trepper ha effettivamente moltiplicato la fortuna di suo zio. Ha fatto affari con banchieri di Amsterdam. Ha agito come intermediario per ottenere prestiti dal re Stanisław August Poniatowski, che era in debito con lui per circa 11,5 milioni di PLN. Concesse anche prestiti al tesoro della Confederazione polacco-lituana e alla corte russa. Ha agito come intermediario nelle forniture per l’esercito russo. Ha anche affittato la lotteria nazionale, pagando 300.000 PLN all’anno al tesoro. zloty.

Tuttavia, i bei tempi non durarono per sempre. La situazione della Polonia stava diventando sempre più difficile, anche se lo stesso Trepper non sembrava preoccupato. “A causa della nostra posizione, entrambe le parti, amici e nemici, avevano bisogno di noi e ci consideravano necessari garanti della solvibilità”, scriveva in una lettera, probabilmente nel 1792. Ma questi erano gli ultimi mesi di pace. 

I diari del figlio del banchiere, Ludwik Wilhelm, fanno più luce sugli eventi successivi. Come ricordava, la causa diretta del crollo della banca di suo padre fu l’invasione delle truppe prussiane nelle terre polacche e la guerra difensiva. «Tutti ritiravano i propri contanti e non volevano rimetterli in circolazione. Ciò ha portato al fatto che la nostra banca, in attesa di afflussi gravi che non arrivavano, ha dovuto sospendere i pagamenti. […] Subito la voce sulle nostre difficoltà si diffuse e prima che mio padre “fosse giunto il momento di fare una dichiarazione, il governo di allora istituì una commissione per indagare sui nostri affari. Questa commissione ci portò alla rovina a causa dei costi richiesti e della mancanza di fiducia”, ricorda.

Morte

È interessante notare che il giovane Trepper era convinto che suo padre avrebbe potuto farcela se solo gli fosse stata data la possibilità. “Dimostrando fiducia in mio padre, che era noto per essere un uomo onesto e che avrebbe saputo affrontare questo caos come nessun altro, gli sarebbe stata data l’opportunità di emergere con onore, forse avrebbe mantenuto un po’ per la sopravvivenza. […] Ma l’odio non parla con la ragione”, ricorda Ludwik Wilhelm. 

“È notevole che una società composta per la maggior parte da nobili, nessuno dei quali aveva alcuna conoscenza del mestiere, si sia assunta il difficile compito di risolvere il fallimento di tanti milioni, senza riferimento all’interessato, senza nemmeno permettergli a partecipare ad attività, anche solo per riferire un’infinità di particolari […] che erano noti solo a lui. […] Il nostro principale debitore era il re. Il suo debito ammontava a quasi mezzo milione di ducati. è stato lui che recentemente ci ha costretto ad accettare fondi esteri” – scrisse nelle sue memorie.

Il crollo della banca di Trepper ha innescato un crollo. Altre istituzioni seguirono le sue orme e crollarono una dopo l’altra. Lo stesso Trepper divenne un nemico pubblico, accusato di aver deliberatamente distrutto il Paese. Dal punto di vista del banchiere, l’unica consolazione era che sua moglie non visse abbastanza da vedere il crollo della famiglia. Morì pochi mesi prima dopo una lunga malattia.

Del “banchiere più ricco del Nord” resta l’ombra. Come ricorda suo figlio, Trepper doveva vendere piatti d’argento per guadagnarsi da vivere. In realtà quella fu la fine. Il 20 aprile 1794 una folla incitata fece irruzione nei suoi edifici in via Miodowa. Gli assaltatori cercavano i libri dei banchieri, aspettandosi di trovare prove della corruzione delle élite da parte dei russi. E l’hanno trovato. Si è scoperto che Poniatowski e tutta la sua cerchia ristretta avevano uno stipendio fisso. Piotr Fergusson Trepper morì pochi giorni dopo per le ferite riportate durante l’attacco. “È difficile mantenere l’amore per la patria, che è diventata la tomba dei nostri progetti più cari e dove nostro padre è stato ucciso da un assassino di ferro”, scrisse nei suoi diari suo figlio, che vendette tutto ciò che poteva pur di lasciare Varsavia.


Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles