3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Turchia. Media: Un terrorista ha preso degli ostaggi in una fabbrica vicino a Istanbul

Turchia. Media: Un terrorista ha preso degli ostaggi in una fabbrica vicino a Istanbul. “La polizia sta cercando di convincere l’aggressore a rilasciare gli ostaggi”, ha riferito la filiale turca della BBC.

Turchia. Media: Un terrorista ha preso degli ostaggi in una fabbrica vicino a Istanbul. In Turchia, un uomo non identificato ha preso diversi ostaggi nella fabbrica dell’azienda americana Procter & Gamble vicino a Istanbul. “La polizia sta cercando di convincere l’aggressore a rilasciare gli ostaggi”, ha riferito la filiale turca della BBC. Giovedì 1 febbraio in Turchia una persona non identificata ha preso diversi ostaggi nello stabilimento della Procter & Gamble. La fabbrica si trova nella periferia orientale di Istanbul. L’azione vuole essere una protesta contro la guerra nella Striscia di Gaza.

Turchia. L’aggressore ha preso degli ostaggi nella fabbrica Procter & Gamble vicino a Istanbul

Secondo la filiale turca della BBC , giovedì un uomo non identificato con una pistola in mano è entrato nell’edificio principale della fabbrica. Il portale riferisce che l’aggressore ha preso in ostaggio sette persone. Sul posto sono stati inviati un gran numero di poliziotti, gendarmi e squadre mediche, compresi agenti delle forze speciali. I servizi hanno sospeso la circolazione stradale nella zona.

Secondo il quotidiano turco Milleyt, un uomo armato ha fatto irruzione in una fabbrica a Gebze e ha preso degli ostaggi. Afferma di avere una bomba con sé. L’autore del reato ha dipinto sul muro uno slogan di solidarietà con la Striscia di Gaza . È apparsa online una foto dall’interno della fabbrica di un uomo con una sciarpa sul viso e un dispositivo simile a una bomba. Posa con una pistola in mano. Inoltre, sul muro sono state dipinte bandiere turche e palestinesi con la scritta “La porta sarà aperta. Per Gaza. O Musalla o la morte”.

“Ci stiamo preparando al peggio”: scioccato il maggiore generale con la previsione di una nuova offensiva russa

Guerra in Medio Oriente. Ci saranno colloqui di pace per un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza

Giovedì è stato riferito che il leader di Hamas Ismail Haniyeh avrebbe preso parte ai colloqui per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. I negoziati si terranno in Egitto . I negoziatori del Qatar e dell’Egitto sperano che sia la parte palestinese che quella israeliana accettino la proposta di tregua di sei settimane, che consentirebbe agli aiuti umanitari di raggiungere i residenti dell’enclave palestinese. Secondo una fonte anonima vicina ad Hamas, durante la tregua, i combattenti di Hamas avrebbero liberato donne, bambini e uomini sopra i 60 anni rapiti durante l’attacco di ottobre a Israele.

In cambio, la parte israeliana rilascerebbe i prigionieri palestinesi in Israele. Nei colloqui in Egitto si negozierà anche l’eventuale ritiro delle forze israeliane dalla Striscia di Gaza e l’aiuto alla ricostruzione dell’enclave. La guerra nella Striscia di Gaza è in corso dal 7 ottobre, quando circa 1.140 persone, per lo più civili, furono uccise in un attacco di Hamas contro Israele.

I militanti hanno anche catturato circa 250 ostaggi, di cui oltre 130 sono ancora detenuti a Gaza. Secondo il Ministero della Sanità controllato da Hamas, quasi 27.000 persone, soprattutto donne e bambini, sono morte a causa dell’invasione israeliana dell’enclave. Gli esperti delle Nazioni Unite stimano che la ricostruzione della Striscia di Gaza costerà decine di miliardi di dollari e potrebbe richiedere fino a 70 anni.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles