2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Come hanno “rotto” Orban: l’Ucraina ha ricevuto 50 miliardi di euro dall’UE, ma gli aiuti militari sono ancora bloccati

Come hanno “rotto” Orban: l’Ucraina ha ricevuto 50 miliardi di euro dall’UE, ma gli aiuti militari sono ancora bloccati

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán è stato messo alle strette. L’Ucraina ha ricevuto 50 miliardi di euro dall’UE. Tuttavia gli aiuti militari continuano ad essere bloccati e la ragione non risiede solo nella posizione di Budapest. Al vertice straordinario del 1° febbraio a Bruxelles, l’UE ha preso una decisione davvero rivoluzionaria: stanziare 50 miliardi di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina nell’ambito del programma Ucraina fino al 2027. 

Hanno votato a favore tutti i 27 leader degli Stati membri, compreso il primo ministro ungherese Viktor Orbán, che lo ha bloccato per molto tempo. Già a marzo quindi potremo ricevere la prima tranche da 4,5 miliardi di euro. Naturalmente, in cambio di riforme. Allo stesso tempo, a giudicare dalla dichiarazione del vertice straordinario, ogni anno la Commissione europea fornirà una valutazione dell’attuazione delle riforme da parte dell’Ucraina per ricevere aiuti nell’ambito del programma Ukraine Facility, che comprende la garanzia dei diritti delle minoranze nazionali (questa è l’eterna Ungheria richiesta per l’Ucraina – ndr), in base alla quale il Consiglio europeo può addirittura sospendere i pagamenti

Perché i leader si sono riuniti in un vertice straordinario per approvare il pacchetto di aiuti per l’Ucraina? Perché, innanzitutto, gli aiuti americani a Kiev si sono interrotti a causa del Congresso bloccato da Donald Trump. E c’è già un “buco” nel bilancio ucraino. In secondo luogo, prima delle elezioni del Parlamento europeo nel giugno di quest’anno, i leader si riuniranno per l’ultimo vertice il 21 e 22 marzo. Pertanto, era importante avere tempo per concordare subito un ampio pacchetto di aiuti per l’Ucraina.

Inoltre, nel bilancio a lungo termine dell’Unione europea è stato possibile inserire un macrofinanziamento di 50 miliardi di euro, cosa alla quale Orban si è categoricamente opposto. Ciò ti consente di non votare nuovamente a favore di questa decisione ogni anno. Cioè, anche qui Budapest non ha ricevuto una concessione da Bruxelles, anche se ha insistito, e i 26 leader degli Stati membri hanno promesso una discussione annuale del pacchetto da 50 miliardi di euro con la possibilità di una sua revisione tra due anni, ma questo non è obbligatorio. Tuttavia, l’UE non ha mai raggiunto un accordo su un pacchetto di aiuti militari per l’Ucraina del valore di 20 miliardi di euro, mentre il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, promette nientemeno che 21 miliardi entro il 2024.

Come siete riusciti a superare il veto di Orban? Quale dei leader europei lo ha messo con le spalle al muro? E che dire delle armi provenienti dall’UE? Quando lo sarà, insieme al milione di proiettili di artiglieria promessi? TSN lo dirai in questo testo.

L’influenza di Maloney e Scholz: Putin sarà scontento di Orbán

TSN.ua ha più volte scritto che il deficit del bilancio ucraino quest’anno ammonterà a oltre 40 miliardi di dollari, di cui spese scoperte – circa 29 miliardi di dollari. Il governo non si è nascosto: se non riceveremo assistenza finanziaria dagli Stati Uniti ( le iniezioni dirette al bilancio americano ammontavano in media a 1,1 miliardi di dollari al mese) e all’UE, allora rischiamo di ritardare il pagamento delle pensioni e degli stipendi ai dipendenti pubblici. E in vista del blocco del Congresso e della sospensione degli aiuti americani all’Ucraina (anche se il Tesoro americano ha recentemente promesso di stanziare altri 11,8 miliardi di dollari a Kiev per coprire il deficit di bilancio), prendere una decisione positiva al vertice straordinario di Bruxelles è diventato particolarmente importante.

“Durante la sua visita a Vilnius, il presidente Zelenskyi ha detto che quest’anno l’Ucraina ha bisogno di 34 miliardi di euro di assistenza macrofinanziaria. Naturalmente, l’Europa non è in grado di fornire una tale somma da sola, quindi abbiamo bisogno di uno stretto coordinamento con i paesi alleati, soprattutto con gli Stati Uniti, che stanno valutando un pacchetto simile. Sarebbe quindi un peccato se l’UE rinviasse ancora oggi la decisione sul sostegno (all’Ucraina, ndr)”, ha dichiarato il presidente lituano Gitanas Nauseda.

Il primo ministro polacco Donald Tusk è stato ancora più categorico, sottolineando che non esiste la cosiddetta stanchezza nei confronti dell’Ucraina nell’UE, ma esiste un problema di stanchezza nei confronti di Viktor Orban, che sta giocando un gioco molto strano ed egoista. “È ora che Viktor Orbán decida se l’Ungheria fa parte della nostra comunità oppure no. Questa è una storia in bianco e nero. La mia intuizione suggerisce che troveremo alcuni argomenti forti per convincere alla fine Orbán”, ha sottolineato Donald Tusk.

E gli argomenti sono stati trovati. Allo stesso tempo, la Commissione europea e la sua presidente, Ursula von der Leyen, non hanno dovuto sbloccare 10 miliardi di euro dei fondi strutturali dell’UE per l’Ungheria (che erano stati congelati a causa del ritiro del governo Orbán dalla democrazia, dallo stato di diritto e dalla libertà dei media) ), come è avvenuto prima del vertice UE di dicembre, quando i leader dei paesi membri hanno preso la decisione davvero storica di avviare negoziati formali per l’adesione di Ucraina e Moldavia al blocco, mentre Orban andava a bere un caffè. Per questo Ursula von der Leyen è ancora criticata nell’UE. Si diceva addirittura che questa decisione le sarebbe potuta costare la carica di presidente della Commissione europea dopo le elezioni del Parlamento europeo di giugno.

Allora come avete convinto Orbán? A giudicare dall’evolversi degli eventi, la decisione di revocare il veto è stata presa questa mattina, dopo un incontro a porte chiuse con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro italiano Giorgia Meloni, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e, appunto, Ursula von der Leyen.

Soprattutto Scholz e Maloney hanno un’influenza particolare su Orban. Prima di tutto, in Ungheria c’è un’azienda tedesca piuttosto potente, che paga molte tasse al bilancio del paese. In secondo luogo, dopo le elezioni del Parlamento europeo di giugno, Orbán spera di aumentare il numero di politici di estrema destra eletti, tra cui Maloney (ha incontrato Orbán separatamente a Bruxelles alla vigilia del vertice). Quindi, se vuole entrare in questa futura “coalizione”, Orbán dovrà fare i conti con l’opinione di attori più influenti.

Tuttavia, a giudicare dalle fonti di molti media occidentali, Viktor Orban ha già conquistato così tanto tutti nell’UE da essere semplicemente messo con le spalle al muro. Alla vigilia del vertice straordinario di Bruxelles del 1° febbraio  , Politico ha addirittura osservato che i leader degli Stati membri stanno prendendo seriamente in considerazione l’“opzione nucleare” – l’applicazione all’Ungheria dell’articolo 7 del Trattato sull’Unione europea, che permette di privare il paese del diritto di veto nell’UE. Ma alla fine non si è arrivati ​​a questo. 

Anche se, secondo The Guardian, nel concordare un macrofinanziamento a lungo termine di 50 miliardi di euro per l’Ucraina, i leader degli Stati membri hanno concordato due compromessi: se necessario, dopo due anni, la proposta della Commissione europea di rivedere questo pacchetto sarà presentato nel quadro del nuovo bilancio dell’UE, che dipenderà dall’attuazione delle riforme da parte di Kiev; Alla stessa Ungheria è stato promesso che la valutazione della Commissione europea sullo stato di diritto nel paese sarebbe stata equa e obiettiva (il che dà a Orbán speranza per lo scongelamento di parte dei fondi strutturali dell’UE).

“Non è passata la regola secondo cui ogni anno l’Euroconsiglio deve decidere sullo stanziamento di una determinata somma di questi 50 miliardi per l’anno successivo. Cioè abbiamo uno strumento finanziario pluriennale, e il problema del superamento del veto (L’Ungheria – ndr) è scomparsa – non sarà più lì.” , – ha detto il ministro degli Affari esteri ucraino Dmytro Kuleba subito dopo la decisione dell’UE.

Dove sono i soldi per le armi: il pacchetto militare è ancora bloccato

Sebbene dopo il vertice dell’Unione europea del 1° febbraio a Bruxelles, Viktor Orbán sulla sua pagina Facebook abbia parlato della “vittoria dell’Ungheria”, affermando che Budapest “non darà soldi all’Ucraina” per la guerra, in realtà non è così. Tuttavia, è sorprendente il motivo per cui non ha rivendicato un’altra “vittoria”: anche gli aiuti militari all’Ucraina per un valore di 20 miliardi di euro sono ancora bloccati fino al 2027. E il problema non riguarda solo la posizione dell’Ungheria. “La situazione sul campo di battaglia sta diventando molto seria. L’UE deve fare di più”, ha affermato il primo ministro danese Mette Frederiksen.

Prima del vertice di dicembre dello scorso anno, in cui Orban bloccò lo stanziamento di 50 miliardi di euro di macrofinanza a lungo termine all’Ucraina, l’UE aveva anche offerto un pacchetto separato di aiuti militari a Kiev del valore di 20 miliardi di euro per i prossimi quattro anni. Ma neanche questo è stato raggiunto, e non solo a causa del veto di Orbán. Molti altri Stati membri si sono opposti all’introduzione di una somma così ingente nel bilancio dell’UE, che secondo loro aumenterebbe le spese del blocco. Ed è abbastanza sorprendente che la Germania sia quella che lo critica di più.

Attualmente la decisione su un pacchetto di aiuti militari per l’Ucraina del valore di 20 miliardi di euro non è nell’agenda dell’UE. I leader stanno invece discutendo di destinare 5 miliardi di euro al Fondo europeo per la pace, da dove i paesi membri verranno compensati per i costi degli aiuti militari all’Ucraina. Allo stesso tempo, Berlino chiede agli altri stati dell’UE di aumentare i loro contributi agli aiuti militari all’Ucraina, perché la Germania, secondo i leader tedeschi, invia la maggior parte delle armi a Kiev. 

“Ci stiamo preparando al peggio”: scioccato il maggiore generale con la previsione di una nuova offensiva russa

Ad esempio, durante le discussioni al Bundestag sulla possibilità di fornire all’Ucraina missili Taurus a lungo raggio, il ministro della Difesa Borys Pistorius ha risposto bruscamente che era “stufo” di queste conversazioni, come se la Germania non fornisse più nulla a Kiev. Per questo, secondo la pubblicazione Euractiv , Parigi e Berlino vogliono modificare lo schema di ricostituzione del Fondo europeo per la pace con obblighi finanziari obbligatori per ciascun paese, ad eccezione dell’Ungheria.

Durante i due anni di guerra su vasta scala, l’UE ha fornito all’Ucraina 28 miliardi di euro in aiuti militari. Quest’anno, secondo Josep Borrell, l’Ucraina riceverà 21 miliardi di euro centralmente dall’UE e separatamente dagli Stati membri. Bruxelles promette anche di accelerare la produzione di proiettili di artiglieria. Entro il 1 marzo, è improbabile che l’Ucraina riceva il milione di munizioni promesso. Tuttavia, i funzionari europei promettono che questo numero sarà sicuramente superiore a 500mila proiettili (finora abbiamo ricevuto solo il 30% del milione di munizioni promesso).

La capacità di produzione di munizioni dell’UE dovrebbe raggiungere 1,4 milioni entro il 2024 e aumentare a 2 milioni entro il 2025. Tuttavia, anche questo è molto lento, perché anche adesso, senza l’aiuto della Corea del Nord, la Russia produce fino a 2 milioni di proiettili di artiglieria all’anno . Ecco perché tutti nell’UE concordano sulla necessità di un meccanismo comune europeo per gli appalti militari. Senza questo, secondo il ministro degli Esteri lituano Gabrielus Landsbergis, l’UE potrà acquistare “solo tende e coltelli da tasca”.

Pertanto, la discussione sugli aiuti militari all’Ucraina molto probabilmente continuerà e la decisione verrà presa durante l’ultimo vertice dei leader europei prima delle elezioni del Parlamento europeo di fine marzo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles