3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Come l’Europa si prepara a una grande guerra: il pericolo per i Paesi baltici, la campagna su Suwalki e gli eserciti sulla carta senza investimenti nell’industria della difesa

Come l’Europa si prepara a una grande guerra: il pericolo per i Paesi baltici, la campagna su Suwalki e gli eserciti sulla carta senza investimenti nell’industria della difesa

La cattura del corridoio di Suval “taglierà fuori” gli stati baltici dalla Polonia e dagli altri stati della NATO, e li renderà molto più vulnerabili ad un possibile attacco da parte della Russia. Un articolo del tabloid tedesco Bild, che fa riferimento a un documento segreto del Ministero della Difesa tedesco sui preparativi per la guerra con la Russia in caso di sconfitta dell’Ucraina, ha suscitato grande scalpore sia nella stessa Ucraina che nell’Unione europea.

 La pubblicazione racconta la leggenda delle “esercitazioni NATO” nel 2024, quando la Russia attaccherà la Polonia o gli Stati baltici. Non si tratta cioè di dati dell’intelligence militare sui piani del nemico, come hanno scritto ad esempio la stessa Bild e altri media occidentali alla vigilia di un’invasione russa su vasta scala con indicazioni di attacco, ma piuttosto uno scenario di addestramento. 

Contenuto

  1. Scoraggiare Putin: rafforzare le difese con eserciti sulla carta
  2. Ci sono sempre meno armi: per la NATO costa meno aiutare l’Ucraina

Oltre ai piani del tutto irrealistici di Putin di mobilitare altri 200.000 già a febbraio (non lo farà prima delle sue “elezioni” presidenziali), o che uno scontro diretto tra NATO e Russia possa iniziare nel 2025, la leggenda citata nell’articolo della Bild , è uno scenario del tutto normale per praticare giochi ed esercitazioni militari. Inoltre, è noto dal settembre dello scorso anno che questa primavera l’Alleanza si sta preparando per la più grande esercitazione Steadfast Defender dai tempi della Guerra Fredda, con la partecipazione di circa 90.000 soldati (questo secondo il capo delle Forze Armate Unite della L’Alleanza Chris Cavoli, anche se solo lo scorso autunno contava più di 41.000 soldati – ndr), più di 50 navi e fino a 700 missioni di combattimento aereo in Germania, Polonia e negli Stati baltici. 

Tuttavia, è ingenuo pensare che Putin non voglia mettere a repentaglio l’articolo 5 della NATO sulla difesa collettiva, che, di fatto, non è mai stato utilizzato in tutti i 75 anni di esistenza dell’Alleanza. Sebbene i paesi europei non ci credano, credendo che l’Ucraina abbia distrutto l’esercito russo professionale e che Mosca semplicemente non ne abbia la forza, questo è tutt’altro che vero. La Bielorussia possiede già armi nucleari tattiche russe. A differenza dei paesi democratici, Putin può mobilitare un gran numero di persone molto rapidamente. L’economia russa è quasi passata ai binari militari. Pertanto, l’UE inizia a considerare le opzioni peggiori, soprattutto nel caso della seconda “venuta” di Donald Trump alla Casa Bianca. 

Come si sta preparando l’Europa per una possibile grande guerra con la Russia? TSN.ua lo dirà in questo testo. 

Scoraggiare Putin: rafforzare le difese con eserciti sulla carta

L’Europa ha diversi anni per prepararsi a una possibile guerra su vasta scala con la Russia. E non è il tabloid tedesco Bild o altre pubblicazioni occidentali a scrivere di questo. Queste sono le dichiarazioni pubbliche dei leader europei e dei generali dell’esercito che circolano da sei mesi. Ad esempio, l’altro giorno, in un’intervista al Times, il primo ministro estone Kaia Kallas ha affermato che l’Europa ha 3-5 anni per prepararsi alla guerra sul fianco orientale della NATO. All’inizio di gennaio, anche il primo ministro polacco Donald Tusk ne aveva parlato, sottolineando che l’Europa è molto indietro rispetto alla Russia nel ritmo di produzione di armi. 

Tuttavia, non prima di altri se ne cominciò a parlare negli ambienti esperti tedeschi. Il Consiglio tedesco per le relazioni internazionali (DGAP), che consiglia il Ministero degli Esteri tedesco, ha pubblicato all’inizio di novembre una nota analitica, in cui si parla di 6-8 anni in cui la Russia potrà ripristinare completamente il suo potenziale militare di attacco dopo la fine del guerra contro l’Ucraina. E già a dicembre, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius aveva affermato che l’Europa aveva 5-8 anni per prepararsi. Gli Stati baltici, la Moldavia e la Georgia sono in pericolo. 

Ma finora queste dichiarazioni non hanno portato ad azioni concrete. Attualmente, la prima delle tre divisioni tedesche destinate a rafforzare la deterrenza della NATO non sarà pronta per il dispiegamento nel 2025. La seconda divisione, prevista per il dispiegamento nel 2027, dovrà affrontare la stessa sorte. Ci vorranno almeno due anni per stabilire nuove linee di produzione di missili, carri armati e creare unità militari più grandi. Gli analisti della DGAP osservano che invece del servizio militare obbligatorio, la Germania dovrebbe passare all’addestramento militare obbligatorio per tutti i soggetti di età compresa tra i 18 e i 65 anni, e il rafforzamento della difesa dovrebbe diventare una parte di routine della vita politica ed economica del paese. 

Una ragazza di 13 anni di Cracovia ha trovato una grossa somma di denaro. Il suo atteggiamento è encomiabile

La Polonia e la Romania comunicano già apertamente ai propri cittadini sui voli dei missili russi nei loro cieli. E le loro società non lo percepiscono più come qualcosa di straordinario. Ciò può anche essere attribuito a uno degli elementi di preparazione delle persone a una possibile guerra. Oltre al fatto che mercoledì 17 gennaio, secondo quanto riportato dai media e dai giornalisti occidentali, la Russia ha deciso di testare il suo EW a Kaliningrad, “abbattendo” il lavoro del GPS in metà della Polonia e nella zona di il corridoio Suwalsky. 

E questo non fa che confermare le parole del capo del Comitato militare della NATO, Rob Bauer, secondo cui la guerra può scoppiare in qualsiasi momento, non tra tre o sei anni. Il Cremlino e la Duma di Stato russa non nascondono da tempo il loro desiderio di impadronirsi del corridoio Suval, che separa la Bielorussia dalla Kaliningrad russa. Non per niente Putin ha piazzato armi nucleari tattiche russe a Lukashenko, vicino al confine polacco. Inoltre, il sequestro del corridoio Suval “taglierà fuori” gli stati baltici dalla Polonia e dagli altri stati della NATO, e li renderà molto più vulnerabili ad un possibile attacco da parte della Russia. 

Nelle previsioni degli analisti e degli esperti militari occidentali, questo è lo scenario più probabile. Del resto se ne parla anche nell’articolo della Bild. E, probabilmente, anche questo, i soldati si eserciteranno durante l’addestramento tra febbraio e marzo di quest’anno. Tuttavia, questo non risolve il problema più grande. Attualmente, otto gruppi tattici alleati sono concentrati sul fianco orientale della NATO. Ma l’attuazione della decisione del vertice dell’Alleanza di Madrid del 2022 di aumentare da 40.000 a 300.000 forze d’attacco pronte per un rapido dispiegamento entro un mese rimane sulla carta. 

La Polonia ha dichiarato che aumenterà il suo esercito a 300.000 effettivi, diventando l’esercito più numeroso d’Europa. Dopo l’Ucraina, ovviamente. Tuttavia, anche adesso la Polonia, dove esiste solo un esercito a contratto volontario, si trova ad affrontare un enorme problema: dove portare le persone? Il Ministero della Difesa del Paese sta gradualmente adottando misure in questa direzione. Ad esempio, il 13 gennaio è entrato in vigore un nuovo decreto sulle modifiche al servizio militare in tempo di guerra: la mancata presentazione al commissariato militare dopo aver ricevuto una convocazione entro sei ore comporta una maggiore responsabilità fino alle accuse penali. 

Anche la promessa della Germania di schierare la sua brigata di 5.000 uomini in Lituania, che ha solo un esercito di 16.000 uomini, entro il 2027 si trova ad affrontare difficoltà, soprattutto finanziarie. Gli analisti del Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS) sottolineano molto giustamente che scoraggiare la guerra è una strategia molto migliore e più economica che intraprenderla. Inoltre, il posizionamento di una brigata tedesca in Lituania rappresenta la prima volta per la Bundeswehr che le sue truppe saranno di stanza all’estero. Tuttavia, sembra che durante questi due anni di guerra russa su vasta scala, la volontà politica degli europei non sia aumentata. Inoltre, tutto ciò è moltiplicato dalla paura di una seconda “venuta” di Trump. Non essendo sostenitori delle alleanze militari, gli europei temono che, in caso di attacco a uno dei loro paesi, l’America sotto la guida di Trump potrebbe non solo non venire in soccorso, ma addirittura ritirarsi dalla NATO. 

Ci sono sempre meno armi: per la NATO costa meno aiutare l’Ucraina

La strategia migliore e più economica per l’Alleanza per contenere la Russia è fornire all’Ucraina le armi di cui ha bisogno per vincere. Al forum economico di Davos, il presidente Zelenskyj ha delineato chiaramente cosa accadrà se l’Occidente non continuerà a fornire aiuti militari e finanziari all’Ucraina: 

“Questo è un esperimento terribile da portare avanti con l’uno o l’altro aiuto. Se non c’è aiuto, cosa succederà? Saremo deboli sul campo di battaglia. Ci sarà una grande carenza di artiglieria, missili per la difesa aerea. Non lo faremo essere in grado di respingere gli attacchi con missili balistici. Ci sarà un gran numero di morti e feriti. Ci sarà una grande crisi per tutta l’Europa. Senza l’aiuto degli Stati Uniti, dell’UE, dell’Ucraina sarà più debole, e questo sarà un’opportunità per la Russia di prendere il sopravvento su di noi. Non appena ci prenderanno il sopravvento, credetemi, sarà una guerra della NATO con la Federazione Russa. Penso, francamente, che Putin lo voglia”. 

Secondo il ministro della Difesa lituano Arvydas Anushauskas, a causa della guerra contro l’Ucraina, la capacità della Russia di effettuare provocazioni nella regione baltica è limitata. Quindi, vicino ai confini con gli Stati baltici, dispone di aviazione, missili, armi nucleari tattiche e marina. Ma a Mosca mancano le truppe di terra che ha inviato sul fronte ucraino. Tuttavia, anche dopo l’inizio di una guerra su vasta scala, l’Occidente ha nuovamente sottovalutato la Russia. A differenza delle democrazie occidentali, può mobilitare molto rapidamente nuovi soldati nell’esercito e indirizzare l’economia su linee militari. 

Inoltre, come dimostra la pratica, gli alleati della Russia – Bielorussia, Iran, Corea del Nord e Cina – aiutano Mosca in modo più efficace e rapido rispetto ai partner occidentali dell’Ucraina. Secondo Boris Ruge, vicesegretario generale della NATO per gli affari politici e la politica di sicurezza, l’Alleanza è abbastanza potente da difendersi dall’aggressione russa. Tuttavia, nel suo recente discorso programmatico, il ministro della Difesa britannico Grant Shapps ha affermato che l’era dei dividendi della pace è finita e che il mondo è sull’orlo della guerra. 

“Putin ritiene che l’Occidente mancherà di stabilità. Se lo ricompensiamo con una vittoria nella guerra, non farà altro che aumentare il rischio di un’escalation. Non solo perché è ossessionato dall’idea di restaurare l’impero russo. invierà anche un segnale ad altri potenziali aggressori. Ecco perché il primo ministro Rishi Sunak ha firmato a Kiev lo storico accordo di sicurezza tra Gran Bretagna e Ucraina, che ha lanciato l’alleanza secolare che stiamo costruendo con i nostri amici ucraini”, ha affermato Grant Shapps . 

Tuttavia, sembra che i principali alleati dell’Ucraina – Stati Uniti e Germania – ancora non lo capiscano. Da un lato, le dichiarazioni ufficiali provenienti da Washington e Berlino indicano che hanno già abbandonato l’idea di negoziati con Putin per porre fine alla guerra. Almeno per ora. Ad esempio, il segretario di Stato americano Anthony Blinken, parlando al forum economico di Davos, ha affermato che la Russia non è realmente interessata ai negoziati e alla fine della guerra. Tuttavia, prima dell’inizio del forum di Davos, Bloomberg ha scritto che il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Biden, Jake Sullivan, consegnerà un messaggio della Casa Bianca a Volodymyr Zelensky in Svizzera per passare dall’offensiva alla difensiva sul campo di battaglia. Pertanto, come ha detto il ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski, ci sono abbastanza Chamberlain tascabili (per analogia con il primo ministro britannico Neville Chamberlain, che era un sostenitore dell’appeasement di Hitler – ndr). 

Tuttavia, i discorsi belli e patetici sulle armi non ci aggiungono nulla. Secondo il ministro della Difesa ucraino Rustem Umyerov, la realtà di questa guerra è che la Russia supera significativamente le forze di difesa ucraine negli attacchi giornalieri di artiglieria. In diverse aree del fronte e nelle fasi delle ostilità, il nemico spara 5-10 volte più proiettili di artiglieria di noi. Inoltre, dopo le notizie che arrivano da Usa e Germania, c’è sempre meno ottimismo. 

In primo luogo, mercoledì 17 gennaio il Bundestag non ha votato la proposta di fornire all’Ucraina i missili tedeschi a lungo raggio TAURUS in grado di danneggiare gravemente il ponte di Kerch. Si trattava infatti di un’iniziativa del gruppo di opposizione CDU/CSU, per cui la coalizione non l’ha votata, promettendo di presentare un proprio disegno di legge entro la fine di febbraio. Tuttavia, non ci sono garanzie che venga votato e che il governo Sholtz lo attuerà. Perché, come è noto, proprio Scholz e la sua SPD sono contrari alla fornitura del TAURUS all’Ucraina. 

In secondo luogo, per quattro mesi l’amministrazione Biden non è riuscita a raggiungere un accordo con i repubblicani al Congresso sull’approvazione di un ulteriore sostegno finanziario e militare non solo all’Ucraina, ma anche a Israele e Taiwan. I repubblicani, soprattutto i trumpisti, attribuiscono questo alla maggiore sicurezza al confine con il Messico e alle leggi sull’immigrazione al punto da deportare i migranti dagli Stati Uniti. I democratici sono contrari a tali misure draconiane, perché sperano di ottenere il sostegno di questo elettorato alle elezioni di novembre (eleggeranno non solo il presidente, ma anche i deputati). 

Mercoledì 17 gennaio il presidente Biden ha incontrato anche i leader del Congresso di entrambi i partiti. Tuttavia il compromesso non è visibile. Il presidente della Camera dei rappresentanti, il trumpista Mike Johnson, ha dichiarato che non metterà ai voti la questione di ulteriori aiuti all’Ucraina per più di 60 miliardi di dollari, finché i democratici non accetteranno di rafforzare la legislazione sull’immigrazione. Nel frattempo, la prossima settimana il Senato si prepara ad approvare un documento bipartisan sul rafforzamento della sicurezza al confine con il Messico e su ulteriori aiuti all’Ucraina. 

“Per la prima volta sono ottimista. Per la prima volta, secondo me, le possibilità che il disegno di legge venga approvato al Senato sono maggiori delle possibilità che il disegno di legge non venga approvato”, ha detto il leader democratico del Senato Chuck Schumer. 

Tuttavia, ciò non significa affatto che il disegno di legge passerà alla Camera dei Rappresentanti. Nel frattempo, Putin sta già minacciando apertamente i paesi baltici, affermando che i russi vengono “gettati all’estero, il che influisce sulla sicurezza della Russia”. E l’URSS, secondo la sua versione, è crollata per colpa dell’Ucraina. Il folle vicepresidente del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa, Dmytro Medvedev, ha scritto su Telegram che “l’esistenza dell’Ucraina sui territori storici russi” è un pretesto costante per l’azione militare da parte della Russia e per l’adesione dell’Ucraina all’UE o La NATO non lo impedirà. Pertanto, se la Russia non viene fermata adesso in Ucraina, è molto probabile che domani Putin e Medvedev diranno la stessa cosa sugli Stati baltici o sulla Polonia. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles