7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Joński sulla commissione investigativa: “Gowin ha detto una cosa molto importante”. Riguarda Morawiecki

Joński sulla commissione investigativa: “Gowin ha detto una cosa molto importante”. Riguarda Morawiecki. Conversazione mattutina con Gazeta.pl”. 

Joński sulla commissione investigativa: “Gowin ha detto una cosa molto importante”. – Sono sconvolto che il presidente abbia trasformato il palazzo presidenziale in un magazzino per criminali – ha detto giovedì Dariusz Joński della Coalizione civica in “Conversazione mattutina con Gazeta.pl”. – Questo non può essere spiegato. Ha screditato la carica di presidente, ha aggiunto.

L’intervistatore Jacek Gądek ha chiesto innanzitutto a Dariusz Joński della detenzione di Mariusz Kamiński e Maciej Wąsik nel Palazzo Presidenziale. – Sono indignato che il presidente abbia trasformato il Palazzo Presidenziale in un rifugio per criminali. Ciò che il presidente dice riguardo alla grazia, a quanto mi risulta, è che la sua linea di condotta è ordinata da Nowogrodzka. Il presidente non è ancora diventato indipendente e deve dare spiegazioni. Ma questo non può essere spiegato.

 Ha screditato la carica di presidente – ha detto il deputato della Coalizione Civica. Ha anche affermato che Diritto e Giustizia vuole costruire un nuovo mito attorno ai politici detenuti di questo partito. – Il carburante di Smolensk è finito, quindi PiS vuole costruire un nuovo mito basato su due uomini. Hanno due eroi – ha detto l’ospite della “Conversazione mattutina Gazeta.pl”.

– Se posso raccomandare qualcosa al Presidente è che non faccia più nulla in merito a questa questione. Penso che i signori Kamiński e Wąsik avranno ulteriori problemi, perché sul caso Pegazus esiste una commissione investigativa. La questione verrà spiegata molto bene e sappiamo che dietro c’erano questi signori – ha avvertito Joński. – Il presidente dovrebbe ringraziare che questo caso sia stato risolto dalla polizia . 

Penso che, in effetti, il presidente si sia perso d’animo, perché cosa sarebbe successo se Kamiński e Wąsik avessero pernottato al Palazzo Presidenziale? Allora il presidente potrebbe avere dei problemi – ha risposto il deputato KO alla domanda sulla dichiarazione di Andrzej Duda, il quale ha detto di essere “scioccato” dalla detenzione degli ex capi della CBA e del Ministero degli Interni e dell’Amministrazione.

Possiamo aspettarci di tutto, anche se non ci sono basi e non credo che a nessuno verrà in mente questa idea

– Joński risponde alla domanda sulla possibilità di elezioni parlamentari anticipate.

È in arrivo un improvviso calo di pressione. Anche 30 hPa in meno durante il giorno. I meteoropati sentiranno i sintomi

Gowin davanti alla commissione d’inchiesta sulle elezioni buste: pressioni insolite

Con il nostro ospite abbiamo parlato anche della testimonianza del vice primo ministro del governo della Destra Unita, Jarosław Gowin, davanti alla commissione d’inchiesta del Sejm sulle elezioni per corrispondenza, che non hanno avuto luogo. – Gowin ha detto una cosa molto importante : Morawiecki , annunciando le elezioni del 16 aprile 2020, sapeva che non ci sarebbero state elezioni per corrispondenza – ha ricordato Joński. Ha aggiunto che si aspetta che i lavori della commissione d’inchiesta siano completati entro un massimo di due trimestri. – Jarosław Kaczyński sarà interrogato il più presto possibile. Sicuramente apparirà – ha assicurato l’ospite di Jacek Gądek. Joński ha sottolineato che “non esiterà a formulare e presentare conclusioni alla procura una volta completate le udienze e il lavoro della commissione investigativa parlamentare”. 

Joński ha ammesso che, in qualità di presidente della commissione, non vede il motivo di citare come testimoni i candidati a quelle elezioni. Lui però non ha escluso che la chiamata del presidente Andrzej Duda venga presa in considerazione. – Come presidente avrebbe potuto partecipare, come ha testimoniato ieri Jarosław Gowin. Lui ha detto che il presidente lo ha chiamato e gli ha detto di fare di tutto affinché queste elezioni non abbiano luogo – ha riferito Joński in “Conversazione mattutina con Gazeta.pl”.

La commissione investigativa del Sejm per indagare sulla legalità, regolarità e finalità delle azioni intraprese per preparare e condurre le elezioni del Presidente della Repubblica di Polonia nel 2020 sotto forma di voto per corrispondenza ha interrogato martedì e mercoledì l’ex vice primo ministro Jarosław Gowin. Il politico che si è opposto a questa idea ha riferito che gli erano state esercitate pressioni e che l’Ufficio centrale anticorruzione avrebbe dovuto essere interessato a lui e suo figlio.

Secondo l’ex vice capo del governo della Destra Unita, lui e i suoi parenti hanno subito pressioni “insolite”. – Qui ho uno screenshot della lettera CBA al Parco tecnologico di Cracovia. È vero che questo risale al 15 marzo 2021, cioè dopo che si è risolta la controversia sulle elezioni in busta, ma è stato in quel momento che Jarosław Kaczyński mi ha detto che probabilmente non pensavo che mi avrebbe lasciato farla franca con il mio atteggiamento riguardo alle elezioni – ha detto Gowin durante l’audizione davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles