7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Di cosa parlano le persone alla protesta dei polacchi liberi? “Ho paura che non escano.” C’erano anche degli estintori

Di cosa parlano le persone alla protesta dei polacchi liberi? “Ho paura che non escano.” C’erano anche degli estintori

Di cosa parlano le persone alla protesta dei polacchi liberi? Alla protesta dei polacchi liberi potete imparare dallo striscione che “Tusk puzza”, ma potete anche ottenere un estintore (vuoto) da un braunista deluso dal PiS. Tuttavia, i paragoni più comuni sono con la legge marziale. – Vogliono dar loro la caccia. Temo che non usciranno da questa prigione, dice un partecipante alla protesta davanti al Sejm

.  – Soprattutto Kamiński – dice la sua amica con la bandiera biancorossa. Le donne già parlano dopo la decisione di Andrzej Duda sulla procedura di clemenza, ma non tutti i manifestanti hanno ricevuto l’informazione. – Sì, non sappiamo come andrà a finire questo sciopero della fame – dice il manifestante. 

Protesta dei polacchi liberi. Di cosa hanno parlato i partecipanti? 

Pochi giorni prima della manifestazione dei “Polacchi liberi”, Diritto e Giustizia ha annunciato una grande mobilitazione, visibile nel pomeriggio a Varsavia. Nel centro della capitale potreste facilmente incontrare gruppi di una dozzina di persone che si dirigono verso il Sejm. Si vedono da lontano sostenitori e attivisti che portano bandiere e striscioni bianchi e rossi. Qua e là si sentono slogan e canti antigovernativi, soprattutto anti-Tus, “corvo rosso” e così via. Vicino a Piazza Salvatore incontro un gruppo guidato da un uomo con una maglietta con la scritta “costituzione”. Lech Wałęsa ne indossa uno identico. 

Puoi anche vedere molta polizia. In precedenza gli agenti avevano circondato la sede dell’Agenzia televisiva per l’informazione in piazza Powstańców, dove la folla alla fine non è arrivata. La protesta inizia ufficialmente alle 16. Nelle strette strade vicino al Sejm la gente forma una massa compatta, e davanti allo schermo televisivo all’angolo tra le vie Wiejska e Piękna c’è una tale folla che è difficile lasciare la folla. Gli organizzatori avvertono i partecipanti di allontanarsi un po’ gli uni dagli altri, ma nessuno ci prova nemmeno. Non è possibile farlo comunque. 

Ogni tanto si sentono segnalazioni di svenimenti. Mi infilo dove è un po’ più tranquillo e ascolto i manifestanti. Dalla conversazione risulta che provenivano da Limanowa. – Stretto, stretto, ma è così che deve essere. La gente era gentile, ma non c’era abbastanza spazio per una folla del genere, dice uno degli uomini. Il secondo risponde che il posto è buono perché è il Sejm. – Hanno messo delle barriere, hanno tanta paura – risponde. Dice che la situazione in Polonia gli ricorda la legge marziale. 

Finalmente inizia il discorso di Jarosław Kaczyński. Il presidente del PiS ringrazia tutti coloro che sono venuti “in questa giornata invernale, spiacevole, tutti i giorni feriali”. Dice che se fosse stato caldo la manifestazione sarebbe stata due o anche tre volte maggiore. Lui sottolinea che la protesta riguarda soprattutto la Polonia, che accusa il governo di attaccare i media liberi e di violare lo stato di diritto. “Alla fine, intendono distruggere la carica di presidente”, dice. Dopo Kaczyński parlano le mogli degli ex capi della CBA Roma Wąsik e Barbara Kamińska condannati. La folla li saluta con applausi. Dopo ulteriori discorsi inizia la marcia verso l’ufficio del Primo Ministro. “Una volta con la falce, una volta con il martello, marmaglia rossa” – puoi sentire il canto. 

Un monumento di valore, la più grande sinagoga di Kazimierz a Cracovia, sta crollando. SKOZK dichiara aiuto

Estintore da un braunista

In via Górnośląska incontro un uomo che porta un piccolo estintore appeso al collo. Ne ha diversi nella borsa. Chiedo di cosa si tratta. – Beh, se fosse necessario far uscire qualcosa – scherza. Spiega di essere deluso dal governo PiS, ma sostiene la protesta contro Wąsik e Kamiński. Mi assicuro che l’estintore sia vuoto. – Vuoto, vuoto, l’hanno preparato i colleghi di Korona – dice. Deluso dal PiS, il braunista attacca con una gruccia al collo un volantino della Corona sull’estintore: “Unisciti a noi come sostenitore o membro della Confederazione della Corona di Polonia di Grzegorz Braun e cambia la Polonia con noi”. 

Un estintore vuoto alla protesta dei polacchi liberiEstintore vuoto durante la protesta dei polacchi liberi  Gazeta.pl

Un testo a parte si potrebbe scrivere sugli striscioni della protesta dei polacchi liberi. Sono moderati: “il minerale SBAGLIATO” (riferito al Consiglio Militare di Salvezza Nazionale, che governò la Polonia durante la legge marziale) o “il Sole del Perù – vai nella Repubblica Federale di Germania” (il Sole del Perù – una decorazione peruviana che Tusk ha ricevuto nel 2008). Ce ne sono anche di leggermente obsoleti: “Tusk va in prigione, non a Bruxelles”. Possono essere estremamente volgari – “Maiale rosso svevo, vai a Berlino” o semplicemente bizzarri – “La zanna puzza”. 

“Hans G. ha annunciato. Donald T. porta il Quarto Reich in Polonia” – leggo su un ampio striscione tenuto da due uomini. Spiegano che si tratta di un uomo d’affari registrato da Natalia Nitek-Płażyńska, moglie del deputato PiS Kacper Płażyński. Nella registrazione Hans G. afferma che “tutti i polacchi dovrebbero essere uccisi”. Coloro che reggono lo striscione ricordano la storia e constatano con tristezza che l’imprenditore tedesco è stato assolto da un tribunale polacco. 

Striscione alla protesta dei Poli LiberiStriscione di protesta dei polacchi liberi  Gazeta.pl

Kaczyński: Lasciamoli fermare davanti a queste prigioni

Non tutti raggiungono l’ufficio del Primo Ministro. Lungo il percorso si possono vedere gruppi che lasciano il corteo e ritornano alle loro auto o autobus. Accanto alla sede del capo del governo ad Al. Ujazdowskie sento ancora paragoni con la Repubblica popolare polacca. – Non vedevo così tanti poliziotti a Varsavia dai tempi della legge marziale, dice una delle donne. La sua amica non è d’accordo. Dice che si aspettava più polizia. – Kierwiński li ha seppelliti, non vuole litigare – dice. 

Kaczyński torna a parlare alla Cancelleria del Primo Ministro. Infine, il presidente del PiS si rivolge ai manifestanti che sulla via del ritorno si dirigeranno verso Radom o Ostrołęka: – Si fermino un attimo davanti a queste prigioni, è facile trovare questi luoghi e indicazioni su Internet. Dobbiamo gridare a voce altissima e con decisione: liberateli, noi siamo con voi, sarete liberi e vinceremo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles