13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

L’adesione all’UE “per parti”: perché la Moldavia sta seriamente prendendo in considerazione tale possibilità e quali conseguenze avrà sull’Ucraina

L’adesione all’UE “per parti”: perché la Moldavia sta seriamente prendendo in considerazione tale possibilità e quali conseguenze avrà sull’Ucraina

Chisinau non esclude l’adesione all’UE in due fasi: prima la riva destra del Dniester e poi la riva sinistra. Ma potrebbe costituire un pericoloso precedente per l’Ucraina e dare il consenso allo status quo voluto da Putin. Non solo con l’Ucraina, in occasione del vertice del 14-15 dicembre a Bruxelles, l’UE ha avviato i negoziati ufficiali di adesione. Gli stati membri hanno preso una decisione simile per quanto riguarda la Moldavia. 

Contenuto

  1. Cosa sta facendo Putin: la Russia potrebbe entrare in guerra contro la Moldavia
  2. Adesione all’UE: riforme, armi e contrasto alle intenzioni di occupazione di Putin
  3. Temporaneamente senza Transnistria: perché questo è un pericoloso precedente per l’Ucraina

E non è sorprendente, perché i nostri paesi sono entrati in un unico pacchetto. Pertanto, se il cancelliere tedesco Olaf Scholz non avesse detto al primo ministro ungherese Viktor Orbán di andare a prendere un caffè all’ultimo momento, mentre gli altri 26 leader degli Stati membri stavano prendendo questa decisione davvero storica, la Moldova non avrebbe ricevuto l’apertura ufficiale delle trattative. negoziati.

Domenica 17 dicembre, a Chisinau, su invito del presidente Maia Sandu, che promette di aderire all’UE entro il 2030, si è tenuta una festosa azione pro-europea e i deputati hanno portato (anche se non tutti) le bandiere dell’UE al parlamento moldavo. Solo l’ex presidente filorusso Igor Dodon, grande ammiratore di Putin, non era contento. Secondo lui, la Moldavia ha ricevuto la decisione di aprire i negoziati di adesione con un “pagamento anticipato” a causa della “situazione geopolitica piuttosto difficile”.

Infatti, sia l’Ucraina che la Moldavia devono ancora attuare tutte le raccomandazioni della Commissione Europea (CE), in modo che all’ultimo vertice UE prima delle elezioni del Parlamento Europeo del marzo 2024, gli Stati membri aprano tecnicamente questi negoziati di adesione per Ucraina e Moldavia. Ma la decisione politica è già stata presa. Inoltre, a dire il vero, la chiave per accedere all’UE in questo momento non sono le riforme, ma la vittoria dell’Ucraina. La fine della guerra e la risoluzione della questione dell’occupazione russa dei territori dell’Ucraina e della Moldova non sono una condizione per l’adesione all’UE, come, ad esempio, nel caso della NATO. Tuttavia, questo sarà un fattore significativo quando gli Stati membri dell’UE adotteranno questa decisione politica.

Come ha reagito il Cremlino alla storica decisione dell’UE di aprire i negoziati di adesione per Ucraina e Moldavia? Chisinau sta seriamente pensando alla possibilità di aderire “per parti” all’Unione europea, temporaneamente senza la Transnistria, occupata dalla Russia? Ma come dipende dalla vittoria dell’Ucraina? TSN_ lo dirai in questo testo. 

Cosa sta facendo Putin: la Russia potrebbe entrare in guerra contro la Moldavia

Dopo la storica decisione del vertice UE di Bruxelles del 14 dicembre, la propaganda di Mosca e del Cremlino è rimasta in silenzio per quasi un giorno. Solo nel pomeriggio del 15 dicembre l’addetto stampa del presidente russo Dmytro Peskov ha affermato che l’adesione di Ucraina e Moldavia potrebbe destabilizzare l’UE. Inoltre, secondo lui, gli Stati membri hanno preso questa decisione per infastidire la Russia. E la portavoce non meno folle del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, ha affermato che le conseguenze delle decisioni conflittuali dell’UE nei confronti dell’Ucraina e della Moldavia dovranno essere pagate dai cittadini degli stati europei, minacciando allo stesso tempo vendetta per Chisinau unendosi ai quattro pacchetti di sanzioni dell’Ue contro la Russia.

Secondo i leader fuorviati del Cremlino, il mondo ruota attorno a loro, quindi qualsiasi decisione presa dall’UE o dalla NATO è necessariamente diretta contro la Russia. Tuttavia, non solo noi e la Moldavia l’abbiamo capito. Secondo Putin, prima di aderire alla Nato, la Finlandia non aveva problemi con la Russia, “ma ora ci saranno”, e al confine verrà creato un nuovo distretto militare di Leningrado, dove si concentreranno le unità russe.

A differenza dell’Ucraina e della Finlandia, la Moldavia non ha un confine comune con la Russia. Le forze di difesa ucraine hanno distrutto i piani di Putin di conquistare la regione di Odessa e di sfondare un corridoio verso la Transnistria, occupata dalla Russia, con la successiva occupazione della Moldavia. Ma questo non significa che il Cremlino abbia seppellito questa idea. Secondo il capo dell’esercito belga Michel Hoffmann, la Moldavia e i Paesi baltici potrebbero essere i prossimi obiettivi di Mosca. Inoltre, nella Transnistria occupata sono ancora di stanza un gruppo operativo di truppe russe (OGRV) di circa 1.000 persone – l’erede della 14a armata sovietica – e 500 “peacekeepers” russi che, secondo il Cremlino, stanno semplicemente sorvegliando un magazzino con più di 20.000 soldati e tonnellate di munizioni nel villaggio di Kobasna, a 2 km dal confine con l’Ucraina.  

“Anche se le forze di Mosca appaiono attualmente indebolite dalla guerra contro l’Ucraina, questa debolezza è temporanea. Se la Russia vince, rilancerà la sua macchina militare e ricostruirà le sue forze armate. La Russia è già passata ai binari militari. Pertanto, l’Europa deve urgentemente preparare e mettere in chiaro chi può difendersi e, se necessario, contrattaccare”, ritiene Michel Hoffmann.

Putin non ha abbandonato i suoi obiettivi primari nella guerra contro l’Ucraina. Durante la prima linea diretta e conferenza stampa dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina il 14 dicembre, il “Fuhrer” del Cremlino ha nuovamente menzionato la denazificazione e la smilitarizzazione. E la propaganda russa generalmente ha un nuovo metodo. Ora chiamano ucraini e russi un “popolo diviso”, paragonandoli alla Corea del Nord e del Sud, e un tempo alla Germania dell’Ovest e dell’Est. E nulla impedirà domani a Putin di dire la stessa cosa sulla Moldavia o sugli Stati baltici.

I propagandisti russi non nascondono da tempo le vere intenzioni del Cremlino nei confronti della Moldavia. La retorica di Mosca si è intensificata ancora di più dopo la chiusura dei canali televisivi russi, l’espulsione dal Paese del capo della filiale moldava dell’agenzia statale d’informazione russa Sputnik, con il divieto di ingresso nel Paese per 10 anni, il blocco dei mass media russi siti web e dichiarazioni sul ritiro della Moldova dalla CSI entro la fine del 2024. Secondo il presidente Maia Sandu, Mosca continuerà i suoi tentativi di destabilizzare il Paese dall’interno prima delle elezioni presidenziali dell’autunno 2024.

Alla vigilia delle elezioni locali in Moldavia nel novembre di quest’anno, Maya Sandu ha dichiarato che, con l’aiuto dei “wagneriani”, la Russia voleva organizzare un colpo di stato nel paese. Il capo del Servizio di informazione e sicurezza Oleksandr Mustyatse ha poi aggiunto che Mosca ha speso più di 55 milioni di dollari per questo, ma è ingenuo pensare che il Cremlino si fermerà qui. Dopotutto, già nel febbraio di quest’anno, il presidente Zelenskyj aveva messo in guardia sui tentativi della Russia di organizzare un colpo di stato in Moldavia. E in seguito il primo ministro del paese, Dorin Rechan, è andato ancora oltre, affermando che la Russia intendeva impadronirsi dell’aeroporto di Chisinau.

Secondo Maia Sandu, la Russia continuerà i suoi attacchi ibridi e la sua influenza utilizzando le forniture di gas, in particolare verso la non riconosciuta Transnistria. Del resto, proprio di questo parlava Putin in una recente conferenza stampa legata alla linea diretta: “Ebbene, se il Paese più povero d’Europa, che riceve vettori energetici a prezzi sufficientemente bassi, vuole seguire l’esempio della Germania, che ora riceve i vettori energetici dagli Stati Uniti dalla Federazione Russa a un prezzo del 30% più alto rispetto a prima. Se hanno soldi extra, lasciali fare. Lo stesso vale per altre direzioni. Ad esempio, il mercato agricolo russo, che è utilizzato piuttosto attivamente dai produttori moldavi, che non vogliono, non ne hanno bisogno”.

Ma c’è una sfumatura importante: dal dicembre 2022 la Moldova non acquisterà più gas da Gazprom, essendo tecnicamente e commercialmente integrata nella rete energetica europea. Tuttavia, il gas russo viene ricevuto dalla DRES moldava in Transnistria, dove la Moldavia acquista l’elettricità, che il Cremlino annovera nel mitico debito di Chisinau nei confronti di Gazprom per il gas presumibilmente consumato.

Adesione all’UE: riforme, armi e contrasto alle intenzioni di occupazione di Putin

La presidente Maya Sandu spera che la Moldova sia pronta ad aderire all’UE entro il 2030. Ma questa è la scadenza finale e, secondo lei, sarebbe positivo se ciò avvenisse contemporaneamente all’Ucraina. Naturalmente, la Moldavia, come l’Ucraina, dovrà ancora percorrere un difficile percorso di riforme e adattamento alla legislazione, alle norme e agli standard europei. In realtà, le conclusioni del Consiglio dell’UE sulla Moldavia affermano che il paese dovrebbe continuare la riforma dei tribunali, la lotta alla corruzione e la deoligarchizzazione. In linea di principio, tutto ciò che l’Ucraina dovrebbe fare sulla strada dell’integrazione europea.

Tuttavia, aderire all’UE non significa solo riforme. Secondo l’alto rappresentante dell’UE per la politica estera, Josep Borrell, Putin non rinuncerà alla guerra, non accetterà di “accontentarsi di un pezzo di Ucraina” e di permettere al resto del Paese di aderire all’UE. Pertanto, a suo avviso, l’Europa dovrebbe prepararsi a lungo per un conflitto ad alta intensità. E, secondo il capo del Ministero degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, l’Europa dovrebbe trasferire la propria industria della difesa sui “binari (militari – ndr) della crisi”.

Così, decidendo di aprire negoziati ufficiali di adesione per Ucraina e Moldavia, l’UE ha dimostrato la sua forza strategica quando la posta in gioco è estremamente alta, gli Stati Uniti stanno attraversando la crisi politica preelettorale e Putin sta solo aspettando che Rammstein crolli a causa della crisi mancanza di leadership americana. E anche se i leader dei paesi membri ripetono che l’UE è innanzitutto un’unione politica ed economica, sarà l’ulteriore aiuto militare degli alleati che avvicinerà significativamente sia l’Ucraina che la Moldavia all’adesione. Nella primavera di quest’anno, l’UE ha lanciato una missione di partenariato in Moldova per aumentare la resilienza del settore della sicurezza del paese alle minacce ibride e alle interferenze straniere, principalmente russe. Tuttavia, non si tratta del trasferimento di armi alla Moldavia, che peraltro è uno Stato neutrale.

“Se il Cremlino decidesse di attaccarci, cosa faremo?”, ha detto il primo ministro Dorin Recan subito dopo aver approvato la nuova strategia di sicurezza della Moldavia, aggiungendo che il suo Paese ha bisogno di un sistema di difesa aerea modernizzato.

Inoltre, non bisogna dimenticare che Mosca non smette di cercare di destabilizzare la Moldavia dall’interno per rallentare il suo movimento di integrazione europea. Secondo la presidente dell’Associazione degli esperti in materia di sicurezza e questioni globali (ESGA, Romania), Angela Gramada, a Chisinau ci sono voci che sostengono che l’attuale governo vuole che il Paese entri in guerra (Ihor Dodon e altri). Secondo lei, il Cremlino continuerà a sostenere i partiti filo-russi in Moldavia, che dispongono di abbondanti risorse finanziarie. Hanno le proprie piattaforme per promuovere la propaganda e la disinformazione: siti web, televisione e reti di influenza locali. I messaggi che promuovono si adattano alle nuove realtà: l’aumento dei prezzi, una situazione sempre più difficile con l’approvvigionamento di gas (che la Moldavia non può fare a meno del carburante russo), ecc.

“Sebbene il partito Shor (Ilana Shor, che vive in Israele da diversi anni e ha organizzato proteste antigovernative in Moldavia con soldi russi – ndr) sia stato ufficialmente bandito, i suoi leader si sono raggruppati e hanno preso il controllo di altre forze politiche. Il declino nella popolarità del partito al potere – i deboli risultati di “Azione e Solidarietà” alle elezioni locali vengono già utilizzati per spiegare l’erosione della fiducia in questa forza politica. E questo è un argomento che appare costantemente nei discorsi dei funzionari russi, soprattutto dal Ministero degli Affari Esteri russo”, spiega Angela Gramada a TSN.ua.

Provincia di Łódź. È andata a raccogliere funghi con la nonna ed è tornata a casa da sola. Ritrovato il corpo

Temporaneamente senza Transnistria: perché questo è un pericoloso precedente per l’Ucraina

Tuttavia, probabilmente la maggior parte delle domande sono state sollevate dalle dichiarazioni delle attuali autorità della Moldavia riguardo alla possibile adesione all’UE in due fasi: prima la riva destra del Dniester e poi la riva sinistra. Secondo il ministro degli Esteri della Repubblica di Moldavia Nik Popescu, da Bruxelles arriva un chiaro segnale che il conflitto irrisolto (cioè la Transnistria – ndr) non crea ostacoli all’adesione del Paese all’Ue: “Ci auguriamo che riuscirà a regolare questo conflitto fino al momento dell’adesione. Se ciò non fosse possibile, saranno necessari alcuni chiarimenti su questo status e su come funzionerà l’intera Repubblica di Moldova all’interno dell’UE.”

È chiaro che, a differenza dell’Ucraina, la Moldavia non dispone di un esercito potente e di armi moderne per risolvere con la forza la questione della disoccupazione della Transnistria. Inoltre, Maya Sandu ha ripetutamente sottolineato la risoluzione pacifica del conflitto. E il presidente Zelenskyj ha affermato che le azioni dell’esercito ucraino in Transnistria sono possibili solo con il consenso di Chisinau, ma non è stata avanzata alcuna richiesta in tal senso. E Josep Borrell ha affermato che, nonostante l’occupazione della parte settentrionale da parte della Turchia, Cipro è entrata nell’UE nel 2004, quindi la Moldavia può fare lo stesso.

Un’esperta di integrazione europea e di relazioni bilaterali Ucraina-UE, Maria Golub, sottolinea che non esistono disposizioni che obblighino l’Ucraina a porre fine alla guerra (o la Moldavia a risolvere la questione della Transnistria – ndr) prima dell’effettiva adesione all’UE. Ciò non è menzionato negli accordi perché non esistevano precedenti del genere al momento della loro preparazione. Secondo Maria Golub è sicuramente interessante studiare l’esempio dei Balcani occidentali, che sono ancora lontani dalla piena adesione, e dove ci sono questioni territoriali irrisolte una sopra l’altra. Tuttavia, nel nostro caso, è meglio guardare al processo di ammissione di Cipro. La Turchia occupa la parte settentrionale di Cipro dal 1974 e la questione è ancora irrisolta. Ma ciò non ha impedito in alcun modo a Cipro di aderire all’UE nel 2004.

“C’è un altro punto che deve essere preso in considerazione: febbraio 2022. Dopo l’inizio dell’aggressione su vasta scala, tutto è cambiato radicalmente, principalmente nel posizionamento dell’UE come attore geopolitico e militare. Ora stanno ripensando in modo abbastanza consapevole il loro ruolo, la capacità dell’UE di difendere e proteggere, si stanno muovendo in qualche modo verso la creazione di un’alleanza di difesa, anche se questo è un grande dibattito. Rivedranno sicuramente la loro politica di sicurezza comune nella direzione di un rafforzamento. A breve termine, tutti capiscono “La NATO è un’alleanza fondamentale. Ma al momento si discute molto su come, in situazioni critiche, sia possibile rispondere alle sfide da soli”, ha commentato Maria Holub su TSN.ua.

La pista di pattinaggio di Cracovia è come nuova e costa più di un milione di zloty. Sembra impressionante. Foto, video

Secondo l’esperto ci sono buone e cattive notizie per noi.

Innanzitutto, l’Ucraina non è più percepita come un’area grigia, ma come parte di questa futura unione di difesa. Inoltre, tutti capiscono che l’esercito ucraino è il più forte dell’UE con una reale esperienza di combattimento.

Tuttavia, in secondo luogo, temono che, avvicinandosi all’UE, l’Ucraina si muova effettivamente nella direzione di questa possibile unione di difesa comune, di un sistema di sicurezza comune europeo. E la Russia, secondo loro, potrebbe in qualche modo interpretarlo nel modo sbagliato. Hanno ancora un approccio: pensiamo, quale potrebbe essere una linea rossa per Putin?

Quindi, effettivamente, vediamo che l’integrazione europea passo dopo passo è possibile. Ma è vantaggioso per l’Ucraina, la Moldova e, soprattutto, la stessa UE? Da un lato, questa è un’opportunità per il paese candidato di non perdere tempo e unirsi al blocco, non avendo ancora la forza e i mezzi per disoccupare e reintegrare i suoi territori. D’altro canto, questo, come nel caso della NATO, significa accettare lo status quo imposto da Putin.

“La NATO è l’opzione più potente per l’Ucraina. Non siamo invitati alla NATO. E i segnali di una partecipazione parziale sono, francamente, deliranti. Non abbiamo mai ricevuto un invito da nessuno dei partner. Ed è difficile per me immaginare come questo può essere,” – ha detto il presidente Zelenskyj durante la conferenza stampa finale della scorsa settimana, rispondendo alla domanda sulla possibile adesione dell’Ucraina alla NATO in alcune parti temporaneamente prive dei territori attualmente occupati dalla Russia.

In questo caso, se l’UE si sta già muovendo verso la creazione di un’unione di difesa comune, dovrebbe impiegare tutte le sue forze per aiutare sia l’Ucraina che la Moldavia ad aderire all’UE entro confini riconosciuti a livello internazionale. Dopotutto, come ricorda giustamente Angela Gramada, in Moldavia esiste ancora il fattore Gagauzia, dove anche la Russia può facilmente destabilizzare la situazione. Secondo l’ex diplomatico rumeno Sebastian Slavitescu, la prospettiva dell’adesione della Moldavia all’UE è un’opportunità per il blocco di espandere la propria influenza nell’Europa orientale.

“Un altro aspetto importante è la posizione della Moldavia, che confina con l’Ucraina e si trova vicino al confine orientale dell’UE, in un luogo strategicamente importante. Questa regione è stata storicamente soggetta a conflitti e influenze esterne, soprattutto da parte della Russia. La questione irrisolta della La Transnistria, sostenuta dalla Russia, aumenta le preoccupazioni dell’UE riguardo alla sicurezza regionale. L’integrazione nell’UE significherà l’obbligo di sostenere la Moldavia nella risoluzione di tali conflitti e nella protezione dei suoi confini, il che contribuirà alla più ampia sicurezza europea”, ha concluso Sebastian Slavitescu per TSN. .ua.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles