2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Orban beve ancora sangue: riuscirà l’UE a bypassare il veto dell’Ungheria e ad approvare più di 70 miliardi di euro per l’Ucraina

Orban beve ancora sangue: riuscirà l’UE a bypassare il veto dell’Ungheria e ad approvare più di 70 miliardi di euro per l’Ucraina

Orban beve ancora sangue. Al vertice UE di Bruxelles della scorsa settimana, nonostante l’opposizione del filo-russo Viktor Orban, l’Ucraina ha ricevuto una decisione davvero storica: l’apertura dei negoziati ufficiali per l’adesione al blocco.osì ha “inviato” il cancelliere tedesco Olaf Scholz del Primo Ministro ungherese di chiacchierare davanti a un caffè mentre i leader degli Stati membri prendevano questa decisione che sicuramente passerà ai libri di storia. Nel commento della Bild, il ministro degli Esteri ucraino lo ha definito “un atto della leadership tedesca nell’interesse dell’Europa”.

Tuttavia, ciò non elimina forse il problema più grande: la continuazione degli aiuti militari e finanziari, sia da parte dell’UE che degli USA. Al vertice dell’UE a Bruxelles, Orban è riuscito a bloccare 50 miliardi di euro per l’Ucraina per i prossimi 4 anni. Il Congresso degli Stati Uniti, che da diversi mesi attraversa una grave crisi politica a causa della resistenza repubblicana, non può approvare un pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari per l’Ucraina, in un momento in cui già sul fronte si registra una grave carenza di munizioni, soprattutto 155 mm, e il deficit di bilancio ucraino è stimato a 41-43 miliardi di dollari nel 2024. Dopotutto, ricordiamo, gli alleati occidentali ci forniscono non solo aiuti militari, ma anche aiuti di bilancio diretti, che vengono utilizzati per finanziare Assistenza sociale ucraina. 

Secondo Oleg Ustenko, consigliere del presidente ucraino, se non riceveremo l’aiuto finanziario dai nostri alleati all’inizio di gennaio, passeremo al “piano B”. – prestiti L’altro giorno, la Commissione Europea (CE) trasferirà 1,5 miliardi di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina, che ci aiuterà a sopravvivere per un po’. Tuttavia, senza un’ampia assistenza finanziaria da parte dell’Occidente, per noi sarà estremamente difficile.

Il Ministero delle Finanze ha riferito che dall’inizio dell’invasione russa su vasta scala, l’Ucraina ha ricevuto più di 68,5 miliardi di dollari in aiuti al bilancio dai suoi alleati. Non possiamo spendere questi soldi per l’esercito. Le spese per la difesa sono finanziate dall’Ucraina dal suo bilancio. A scapito degli aiuti esteri, copriamo stipendi e pensioni. Ecco perché stiamo lottando così duramente per ottenere questi soldi. Soprattutto da parte degli Stati Uniti, perché, a differenza dell’UE, forniscono aiuti di bilancio diretti a fondo perduto, non prestiti. 

Allora, quando l’UE sarà in grado di superare il veto delle forze filo-russe in modo che l’Ucraina riceva il sostegno militare e finanziario necessario per il 2024? TSN.ua lo dirà in questo testo.  

Caffè per 10 miliardi: come l’Ue può aggirare il veto di Orban su 50 miliardi

Avendo preso la decisione politica di aprire ufficialmente i negoziati di adesione per l’Ucraina, i leader dell’UE hanno inviato un segnale forte agli USA: se l’Europa riuscirà a superare il veto del filo-russo Orban, allora anche il Congresso americano potrà placare la Trumpisti e repubblicani, che bloccano il voto sul pacchetto di aiuti per l’Ucraina per il 2024, legandolo alle richieste di rafforzare il confine con il Messico, che sono semplicemente impossibili da soddisfare. 

Anche se prima era sempre il contrario: all’inizio gli Stati Uniti hanno mostrato leadership, prendendo le decisioni necessarie per sostenere l’Ucraina, e poi anche l’UE si è fatta avanti. Come avvenne un anno fa con i carri armati tedeschi Leopard, quando per la prima volta fu necessaria la decisione di Washington sugli americani Abrams. Tuttavia, secondo i risultati del 2023, è stata l’UE, e non gli Stati Uniti, a diventare il principale “donatore”, fornendo 17,9 miliardi di dollari in assistenza macrofinanziaria. 

Tuttavia, gli osservatori e gli esperti occidentali, riassumendo il vertice dell’UE svoltosi a Bruxelles la settimana scorsa, hanno affermato che ricevere aiuti finanziari per l’Ucraina è ora ancora più importante della decisione politica di avviare i negoziati di adesione. Ma Volodymyr Zelenskyj, come scrive il Financial Times, scommette sulla seconda. Anche se il primo giorno del vertice l’Ungheria, dalla parte della quale si trovava anche l’Austria, ha bloccato sia l’apertura dei negoziati che i soldi per l’Ucraina. 

Sembrava che anche la concessione della CE e personalmente della sua presidente Ursula von der Leyen, che ha sbloccato 10,21 miliardi di euro per l’Ungheria dai fondi europei (congelati per problemi con lo Stato di diritto nel Paese, la libertà di parola e la corruzione) per L’Ungheria, nella speranza che Orbán faccia delle concessioni Ma ha preteso fino all’ultimo lo sblocco di tutti i 31,3 miliardi di euro, cosa che ha colpito fortemente anche Ursula von der Leyen, che desidera fortemente rimanere alla carica di presidente della CE dopo le elezioni al Parlamento europeo nel giugno 2024. 

Quando, infine, alla fine del primo giorno del vertice UE di Bruxelles, Olaf Scholz, incapace di resistere, offrì a Orbán di bere un caffè dall’altra parte della sala, molti scherzarono dicendo che era il caffè più caro del mondo. mondo a 10 miliardi di euro. E lo stesso Cancelliere tedesco l’ha definita una “proposta amichevole dell’UE”. Tuttavia, ufficialmente a Bruxelles la decisione di aprire i negoziati di adesione per l’Ucraina in assenza del primo ministro ungherese è stata definita in modo più creativo e diplomatico “assenza costruttiva”. 

Conto dei mesi: quanto durerà l’Ucraina senza aiuti 

Ma il problema più grande, su cui i leader dell’UE torneranno nel vertice straordinario di gennaio, resta: come superare il veto di Orbán e approvare un pacchetto di aiuti all’Ucraina da 50 miliardi di euro (33 miliardi di prestiti e 17 miliardi di sovvenzioni, che dovrebbero andare al risanamento, alla ricostruzione e alla modernizzazione del nostro Paese in cambio di un elenco specifico di riforme), incluso nel bilancio dell’intero blocco per diversi anni? Il primo ministro ungherese ha anche bloccato l’approvazione di quest’ultimo finché non saranno sbloccati altri 21,1 miliardi di euro per l’Ungheria. “Questa è una grande opportunità per chiarire che l’Ungheria dovrebbe ottenere ciò a cui ha diritto”, ha detto Viktor Orbán. 

Riassumendo i risultati del vertice, i leader dell’UE hanno promesso: con o senza il consenso di Orban, l’Ucraina riceverà i suoi soldi. In realtà, riguardo al cosiddetto “piano B” se ne è parlato a Bruxelles alla vigilia del vertice. Anche se la leadership dell’UE non ha rivelato ufficialmente come si potrebbe aggirare il veto ungherese, i singoli leader degli Stati membri hanno affermato che tutto ciò potrebbe essere fatto su base bilaterale nel quadro, ad esempio, di un accordo intergovernativo con l’Ucraina da un lato , e l’UE dall’altro. Cioè, in parole povere, si tratta della creazione di un ulteriore “paniere ucraino”, che ciascuno degli Stati membri dell’UE (eccetto l’Ungheria, ovviamente) ricostituirà in base alla propria quota. 

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina ha accolto con favore l’approvazione della decisione di principio di stanziare 50 miliardi di euro. Tuttavia, per superare, ad esempio, l’opposizione dell’Austria all’apertura dei negoziati ufficiali di adesione all’Unione Europea con l’Ucraina, abbiamo dovuto escludere la Banca Raiffeisen austriaca dall’elenco delle società sponsorizzatrici della guerra, dove era inclusa per non essersi ritirata dalla Russia. Sebbene questa fosse ufficialmente la condizione di Vienna per l’adozione del 12° pacchetto di sanzioni anti-russe. Tuttavia è troppo presto per rilassarsi. 

A Zaluzhny è stata trovata una “intercettazione telefonica”: sono apparsi nuovi dettagli: i mass media

Viktor Orbán – il cavallo di Troia di Putin nell’UE – come lo chiamano alcuni leader degli Stati membri, beve ancora sangue. Nella seconda metà del 2024, subito dopo le elezioni al Parlamento europeo (e nella nuova composizione del Parlamento europeo, Orban vuole formare il suo gruppo populista di destra e filo-russo), l’Ungheria presiederà l’UE. Pertanto, ci saranno molte altre spiacevoli sorprese per noi. E lo stesso Orban è già minaccioso: può bloccare ogni fase del processo di integrazione europea dell’Ucraina almeno 75 volte (perché i negoziati ufficiali di adesione consistono di 35 capitoli, per la cui apertura e chiusura tutti gli Stati membri devono votare separatamente). 

Tuttavia, il limite della pazienza con l’Ungheria sta superando anche gli stessi paesi membri. Secondo il vice primo ministro per l’integrazione europea ed euro-atlantica dell’Ucraina Olga Stefanishyna, il Consiglio europeo nel vertice di Bruxelles ha considerato la possibilità di privare Orban del diritto di veto. TSN.ua ne ha già scritto alla vigilia del vertice di Bruxelles: l’UE voleva applicare all’Ungheria l’articolo 7 del Trattato sull’UE, che consente di sopprimere il diritto di voto di uno Stato membro riguardo alle decisioni in blocco. E questa opzione è ancora sul tavolo. 

Tuttavia, se è più o meno chiaro con il pacchetto di aiuti all’Ucraina per 50 miliardi, allora il sostegno militare del Fondo europeo per la pace per 20 miliardi di euro per i prossimi 4 anni, che Orbán minaccia anche di bloccare, mentre tutto è confuso. Ma anche la Germania si è opposta allo stanziamento di una somma così ingente, proponendo di “tagliare” parte quote annuali nel quadro di questo pacchetto di aiuti militari, che dovrebbe compensare gli Stati membri per i costi di acquisto e trasferimento di munizioni, missili e carri armati all’Ucraina. 

Nel suo articolo CNN,, con riferimento agli alti funzionari occidentali, scrive che senza l’aiuto degli Stati Uniti e dell’UE, l’Ucraina durerà solo pochi mesi. E pubblicazioni autorevoli, come Foreign Policy e The Economist, nei loro ultimi numeri per il 2023, sottolineano che l’Europa non può più fare pieno affidamento sugli Stati Uniti. E questo nel momento in cui il ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha dichiarato, non per la prima volta, che i paesi europei hanno 5-8 anni prima di una possibile futura guerra con la Russia. 

“Le minacce di Putin contro gli Stati baltici, la Georgia e la Moldavia dovrebbero essere prese molto sul serio. Non è solo il tintinnio delle armi. Potrebbero esserci dei pericoli davanti a noi alla fine di questo decennio. Ora Putin sta aumentando significativamente la produzione di armi in Russia. “Secondo la decisione della Duma, l’aumento sarà superiore al 60%”, – ha avvertito il capo del Ministero della Difesa della Repubblica Federale di Germania. Soprattutto dopo che l’altro giorno il “Führer” del Cremlino ha nuovamente minacciato la Finlandia, dicendo che dopo la sua adesione alla NATO, Mosca aveva problemi da Helsinki. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles