3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

La Russia non ha un piano di guerra per il 2025: quello che Putin sta pianificando in questo momento

La Russia non ha un piano di guerra per il 2025: quello che Putin sta pianificando in questo momento

La Russia attualmente non ha alcun piano per la guerra del 2025 e finge che la cosiddetta “SVO” non esaurisce il loro paese. dittatore russo Vladimir Putin è fiducioso di poter realizzare tutti i suoi piani invasivi nel 2024. Pertanto la Federazione Russa non parla nemmeno del 2025. Lo ha detto il pubblicista e commentatore politico Vitaly Portnikov, scrive 24 Kanal.

Secondo lui, se la Russia non riuscirà a ottenere le “vittorie” desiderate Nel 2024, il Paese aggressore non si fermerà e continuerà ad attuare il piano del 2025. Allo stesso tempo, la mancanza di piani di guerra per il 2025 può essere spiegata solo dal fatto che, dal punto di vista di Putin, l’anno prossimo “non ci sarà più l’Ucraina, ma ci sarà uno Stato unitario: Russia, Bielorussia e Ucraina”. “.

“Solo la metà dell’Ucraina – l’est e il sud-est – farà parte della Russia, e il resto sarà lasciato al governo fantoccio dell’Ucraina (secondo il progetto della Russia – ndr), che farà parte dello Stato sindacale. Cioè, verrà attuato il piano, che avrebbe dovuto aver luogo nel periodo del 24 febbraio 2022, quando è iniziata la “guerra lampo”, ha ipotizzato il pubblicista.

Qual è l’obiettivo di Putin?

Il presidente russo Putin sta cercando di realizzare una “guerra lampo”; a causa dell’esaurimento dell’Ucraina, che non ha nascosto nemmeno durante la “linea retta” 14 dicembre.

“La domanda sorge spontanea: se la guerra finirà nel 2024, in quali posizioni? Un Paese con problemi irrisolti di integrità territoriale potrà entrare a far parte dell’Unione Europea? Anche se esiste una sorta di accordo politico sulla riconciliazione con lo Stato che occupa parte del suo territorio”, ha detto Portnikov.

Secondo lui ci sono due aspetti importanti da capire:

  • oppure la Russia riconosce che nel 2024 tutti i territori da essa occupati saranno liberati dall’Ucraina e la guerra finirà di conseguenza,
  • oppure la Russia occuperà altri territori nel 2024 e porrà fine alla guerra.

In ogni caso, gli ucraini, insieme agli europei, devono rispondere alla domanda più importante: è possibile accogliere nell’UE uno Stato in cui le questioni di integrità territoriale non sono state risolte in termini di diritto internazionale? in quale parte del territorio è controllata da un altro paese aggressore o parte del territorio non è riconosciuta come stato da altri stati dell’UE? “A proposito, questo vale per Ucraina, Moldavia, Georgia, Serbia, Kosovo. “Problemi che dovranno essere risolti a livello globale”, ha osservato Vitaly Portnikov.

Liquidazione del sottocomitato di Smolensk. La Russia è entusiasta della decisione del governo di Tusk

Portnikov ha citato l’esempio dell’isola di Cipro, che è collegata alla Turchia, un paese della NATO. Il 36% del territorio è controllato dalla Repubblica turca di Cipro del Nord. Il paese non è annesso ad Ankara, ma è uno stato autoproclamato. “Da una tale visione d’insieme, la questione della Moldavia e della Georgia può essere risolta. Allo stesso tempo, la situazione con l’Ucraina è diversa. 4 regioni dell’Ucraina e della Repubblica Autonoma di Crimea sono state annesse alla Russia”, ha detto l’osservatore politico.

Pertanto, l’ammissione dell’Ucraina all’Unione europea con confini riconosciuti a livello internazionale è allo stesso tempo “un’invasione da parte dell’Unione europea del diritto costituzionale della Russia”. “Non sono assolutamente contrario a tale usurpazione, perché credo che il diritto costituzionale russo non abbia alcun significato accanto al diritto internazionale. Tuttavia, non so come risponderanno gli europei a questa domanda. Stiamo parlando della posizione europea, non della nostra”, ha osservato Portnikov.

I ciprioti si sono impegnati a indire un referendum sulla riunificazione dell’isola quando saranno ammessi nell’UE. L’hanno sostenuto, ma gli abitanti della parte dell’isola che faceva parte dell’Unione Europea hanno votato contro il ripristino dell’integrità territoriale. Questo caso è diventato un esempio di come non puoi fidarti di coloro con cui negozi. Vi ricordiamo che il 14 dicembre il Consiglio europeo ha deciso di avviare i negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’UE. Lo ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi decisione una vittoria per l’Ucraina e una vittoria per tutta l’Europa.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles