13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Orban contro l’Ucraina nell’UE: cosa stanno facendo gli ungheresi e di quali passi radicali è capace Bruxelles

Orban contro l’Ucraina nell’UE: cosa stanno facendo gli ungheresi e di quali passi radicali è capace Bruxelles

Orban filo-russo: cosa dovrebbe fare l’Ucraina con il veto dell’Ungheria sulla nostra adesione all’UE, e perché questo problema dovrebbe essere risolto non solo da Kiev, ma anche da Bruxelles, perché l’attuale corso di Budapest rappresenta una minaccia per l’intero blocco europeo.

Contenuto

  1. Vittoria in Europa: populisti di destra in marcia
  2. Vittoria negli Usa: la scommessa sulla vittoria di Trump
  3. La vittoria della Russia: scenari per l’Ucraina

Negli ultimi mesi gli ucraini hanno sentito molte cose spiacevoli dal primo ministro ungherese Viktor Orbán e dai suoi funzionari governativi. Tuttavia, secondo i sondaggi di settembre, il 65% degli ungheresi ritiene che il proprio Paese si stia muovendo nella direzione sbagliata. Nel lungo testo “Putinizzazione della politica ungherese: Orban, fan del Cremlino, bloccherà gli aiuti militari e l’adesione dell’Ucraina all’UE”, TSN.ua ha già scritto come Budapest ufficiale giochi apertamente dalla parte del criminale di guerra Putin, non solo contro Kiev, ma anche contro l’intera UE.

Attualmente, alla vigilia del vertice UE del 14 e 15 dicembre, dove l’Ucraina si aspetta una decisione davvero storica sull’apertura dei negoziati ufficiali di adesione, l’Ungheria minaccia di bloccarla. E finora gli Stati membri del blocco non sanno come superare il probabile veto di Budapest. In precedenza, l’Ungheria si era lamentata della mitica oppressione della minoranza nazionale ungherese in Ucraina, in particolare per quanto riguarda la lingua di insegnamento nelle scuole ucraine, chiedendo un aumento del numero di ore di insegnamento in ungherese.

Tuttavia, ora sembra che questa condizione fosse solo una copertura, perché Viktor Orban afferma che l’UE dovrebbe prima firmare un accordo di partenariato strategico con Kiev, e non avviare i negoziati di adesione, che, a suo avviso, dovrebbero essere rinviati tra il 5 e il 10. anni . La pubblicazione Politico scrive che l’UE ha un radicale “piano B”: se Orbán al vertice UE del 14 e 15 dicembre bloccherà definitivamente la decisione del blocco di aprire negoziati ufficiali di adesione per l’Ucraina, l’articolo 7 del Trattato sull’UE, che consente porre fine al diritto di voce del paese membro riguardo alle decisioni del blocco.

Ma non per niente Politico valuta questo scenario come il più radicale, perché finora non c’è unità tra gli stati membri riguardo all’applicazione dell’articolo 7 all’Ungheria, che potrebbe addirittura portare alla sua uscita dall’UE. Pertanto, l’Unione sta attualmente valutando opzioni di compromesso che, a loro avviso, non sono troppo ottimistiche per Kiev: la suddivisione di 50 miliardi di euro di aiuti per l’Ucraina (la decisione di approvare questo pacchetto per il 2024-2027, che dovrebbe andare alla ripresa , anche la ricostruzione e la modernizzazione del nostro Paese dovrebbero essere adottate al vertice UE di dicembre – ndr) per importi annui inferiori; e fare lo stesso con gli aiuti militari all’Ucraina da parte del Fondo europeo per la pace per 20 miliardi di euro per i prossimi 4 anni.

I già difficili rapporti tra Ucraina e Ungheria, soprattutto alla vigilia del vertice UE, per noi importante, sono stati inaspriti dall’annuncio della SBU che al quinto presidente, Petro Poroshenko, è stato vietato di recarsi all’estero per lavoro, perché , secondo i dati del controspionaggio ricevuti, avrebbe dovuto incontrare Orban, che i servizi speciali della Federazione Russa intendevano utilizzare nel loro IPSO contro l’Ucraina. L’Ungheria ha già reagito: il rappresentante ufficiale del governo, Zoltan Kovacs, ha definito questa un’altra prova del fatto che l’Ucraina non è pronta per l’adesione all’UE.  

Pertanto, per capire dove si sta muovendo l’Ungheria, cosa fare in Ucraina e come superare l’opposizione di Budapest sul cammino verso la nostra integrazione europea, TSN. ua ha chiesto al vicedirettore esecutivo del Consiglio di politica estera “Prisma ucraino” Serhii Gerasymchuk di scriverci un articolo d’autore sull’Ungheria, e in particolare sul perché il problema non è solo la politica di Viktor Orban.

Vittoria in Europa: populisti di destra in marcia

Victor nella traduzione dal latino significa – vincitore. In una certa misura, questo vale anche per Viktor Orbán, il primo ministro ungherese, che con la sua forza politica “Fidesz” ha vinto più volte le elezioni per il parlamento nazionale. Nel 1998, dopo aver vinto le elezioni parlamentari, è diventato il più giovane capo del governo. Nonostante nel 2002 la sua forza politica fosse stata sconfitta alle elezioni, Viktor Orbán non si arrese e continuò la lotta politica. E ha dato i suoi risultati. Nel 2010 Fidesz vinse nuovamente le elezioni e ottenne anche la maggioranza costituzionale. Da allora inizia la formazione di Viktor Orbán come autocrate e la persona più influente in Ungheria. Da allora e fino ad oggi, Viktor Orbán è rimasto immutato a capo del governo ungherese, capace di manipolare con successo le crisi che mobilitano i suoi elettori e preservano il suo status di vincitore. Tuttavia, le vittorie a livello nazionale non bastano al primo ministro ungherese, e in Ungheria si trova alle strette. Orban cerca nuove vittorie.

Già all’inizio di giugno 2024 nell’UE si terranno le elezioni per il Parlamento europeo. Le tendenze negli Stati membri indicano che, nonostante il schiacciante sostegno all’adesione all’UE tra i cittadini degli Stati membri, votano per gli euroscettici alle elezioni nazionali. Gli euroscettici in Slovacchia hanno dimostrato ottimi risultati solo di recente , dove lo “SMER” di Robert Fico ha vinto le elezioni parlamentari, ed è entrato in coalizione con il Partito nazionale slovacco (SNS), noto per le sue opinioni di estrema destra. Nelle elezioni in Polonia, la forza politica “Legge e Giustizia” ha vinto la fazione più numerosa, che non sarà in grado di formare un governo, ma ha già avviato una campagna piuttosto aggressiva basata sulla critica all’UE per rafforzare la sua presenza nel Parlamento europeo. Parlamento. Inoltre, è entrata in parlamento la “Confederazione” di estrema destra, che cerca anche di entrare nel Parlamento europeo con slogan antieuropei.

Nei Paesi Bassi , lo scandaloso partito di estrema destra antieuropeo “Partito della Libertà” (PVV), guidato da Geert Wilders, ha vinto le elezioni parlamentari, il che aumenta le sue possibilità di ottenere ottimi risultati alle elezioni del Parlamento europeo. Dopotutto, gli indicatori della populista “Alleanza per l’Unione dei Romeni” (AUR), che probabilmente sarà rappresentata anche nel Parlamento europeo (una forza politica francamente antiucraina, che, secondo i sondaggi di novembre, ha raggiunto (20% dei consensi, che è un problema per i socialdemocratici), crescono anche nella Romania al potere – ndr).

Questa distribuzione delle forze avvantaggia Viktor Orban. Per molto tempo il suo Fidesz è stato anche membro del rispettabile “club” del Partito popolare europeo (PPE). Tuttavia, nel 2021, dopo che la leadership del PPE ha notato pratiche antidemocratiche in Ungheria, Fidesz ha lasciato il blocco del PPE sbattendo forte la porta. Da allora, Viktor Orbán ha scommesso principalmente sugli euroscettici e spera che nel nuovo Parlamento europeo Fidesz riesca ad occupare una posizione dominante nella relativa fazione, se non addirittura a guidarla.

“I russi potrebbero avvicinarsi di nuovo a Kiev”: una dichiarazione inaspettata di un ufficiale dell’intelligence ucraina

Vittoria negli Usa: la scommessa sulla vittoria di Trump

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la situazione di Viktor Orbán in questo ambito non è delle migliori. Se Donald Trump apprezza Viktor Orbán (anche se a volte confonde di quale paese sia il primo ministro), i rapporti con l’amministrazione Biden non sono facili. Si dice che Orbán abbia addirittura sottolineato con sarcasmo che gli Stati Uniti avevano deliberatamente nominato David Pressman ambasciatore in Ungheria (anche prima della sua nomina a Budapest, il diplomatico aveva affermato che la democrazia in Ungheria è in declino, quindi è necessario resistere all’influenza russa sull’Ungheria governo – ndr), tanto da “pressare” il governo ungherese. Ecco come stanno le cose adesso. L’ambasciatore Pressman è uno dei sostenitori e critici più accesi dell’Ucraina del governo antiliberale di Viktor Orban.

Ma anche qui il “vincitore” ungherese (Orbán – ndr) non si arrende, non rinunciando alla speranza che Donald Trump torni nuovamente alla Casa Bianca alle prossime elezioni presidenziali (negli Usa nel novembre 2024 – ndr). . Allora la posta in gioco dell’Ungheria nella politica internazionale aumenterà in modo significativo.

La vittoria della Russia: scenari per l’Ucraina

Una menzione speciale meritano le relazioni dell’Ungheria con la Russia. Nella speranza della vittoria degli euroscettici nell’UE e di Trump negli USA, Viktor Orban non ignora il fattore russo. È consapevole che i cambiamenti di tendenza sulla sponda euro-atlantica potrebbero influenzare i rapporti di Bruxelles e Washington con Mosca. Allora l’Ungheria, che finora ha mantenuto aperti tutti i canali diplomatici con la Russia, potrà svolgere il ruolo di mediatore e trarne notevoli dividendi politici.

Anche senza questo, Budapest ha ripetutamente espresso la volontà di diventare una piattaforma per i negoziati ucraino-russi. L’Ungheria dipende in gran parte dalle forniture di petrolio e gas russi. La centrale nucleare nella città di Paksh viene costruita a spese di Rosatom, quindi non sorprende che Viktor Orban cerchi costantemente di bloccare le sanzioni europee contro le industrie interessate.

Allo stesso tempo, vengono perseguiti non solo obiettivi economici, ma anche politici. Viktor Orban soddisfa il desiderio di Mosca di bloccare le sanzioni, rallentare il sostegno all’Ucraina e rinviare la decisione sui negoziati di adesione dell’Ucraina all’UE, in modo che, essendo formalmente nell’UE e nella NATO, possa avere buoni rapporti con il Cremlino, e quindi adattarsi idealmente alla situazione. ruolo di mediatore. È vero, Viktor Orban non crede nella vittoria dell’Ucraina, quindi tali negoziati attraverso la sua mediazione possono diventare solo negoziati sulla resa.

Attualmente sembra impossibile cambiare il punto di vista di Viktor Orbán. Indipendentemente dalle concessioni che l’Ucraina farà su questioni delicate per l’Ungheria, Budapest inventerà sempre nuove scuse per mantenere le relazioni in tensione.

Ci sono solo due fattori che potrebbero cambiare radicalmente il punto di vista di Budapest.

Il primo fattore è la caduta del governo di Viktor Orban. Nonostante Fidesz abbia la stragrande maggioranza nel parlamento ungherese, la situazione sociale è tutt’altro che stabile.

I lavoratori del bilancio tentano periodicamente di scioperare. Medici, insegnanti e perfino rappresentanti del blocco del potere non ricevono i pagamenti extra promessi a Fidesz durante le elezioni, e questo li fa infuriare. Tuttavia, l’opposizione è troppo debole ed eterogenea, quindi è possibile che elezioni anticipate diano ancora una volta al vincitore Viktor Orbán l’opportunità di ottenere un’altra vittoria.

Il secondo fattore è la vittoria dell’Ucraina. Victor Orban, il vincitore, ama e rispetta i vincitori. Quindi, se l’Ucraina vincesse la guerra con la Russia, la retorica di Budapest cambierebbe ovviamente. Ma per questo, Kiev ha bisogno di risorse, del sostegno dell’Occidente, di unità interna e, in definitiva, di una visione chiaramente articolata della vittoria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles