15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Il presidente della commissione per l’influenza russa in Polonia mette in guardia contro Tusk e altri quattro politici

Il presidente della commissione per l’influenza russa in Polonia mette in guardia contro Tusk e altri quattro politici

Il presidente della commissione per l’influenza russa, prof. Sławomir Ceckiewicz e i suoi membri hanno presentato oggi una relazione parziale sul loro lavoro. – La Commissione sull’influenza russa raccomanda che a D. Tusk, J. Cichocki, B. Klich, T. Siemoniak, B. Sienkiewicz non vengano affidati incarichi pubblici responsabili della sicurezza dello Stato. La loro scarsa supervisione ha portato ad azioni sbagliate da parte del Servizio di controspionaggio militare, ha dichiarato mercoledì Andrzej Zybertowicz, membro di questo comitato. A sua volta il generale Andrzej Kowalski ha sottolineato che la collaborazione della SKW con l’FSB è contraria agli interessi polacchi.

– Presentiamo un rapporto parziale di tre mesi di lavoro della commissione per indagare sull’influenza russa; è costretto dalla mozione a licenziare i membri della commissione – ha dichiarato mercoledì durante la conferenza stampa il presidente della commissione Sławomir Ceckiewicz . Ha aggiunto che il rapporto si basa su materiali aperti, alcuni dei quali sono stati declassificati poche ore fa.

Commissione sull’influenza russa: Tusk, Siemoniak, Cichocki, Klich, Siemoniak, Sienkiewicz non dovrebbero essere responsabili della sicurezza della Polonia

Andrzej Zybertowicz, membro del comitato per l’influenza russa , ha affermato che “le raccomandazioni personali si compongono di due parti”.La prima parte – come ha indicato – riguarda il gruppo di persone “responsabili della supervisione dei servizi segreti polacchi, compresa la SKW”. La seconda parte – ha aggiunto – riguarda “tre funzionari della SKW in relazione alle seguenti persone: il primo ministro Donald Tusk e il ministro Jacek Cichocki, i ministri: Bogdan Klich , Tomasz Siemoniak e Bartłomiej Sienkiewicz “ . – La Commissione raccomanda di non affidare loro compiti, incarichi e funzioni pubbliche legate alla responsabilità della sicurezza statale – ha affermato Zybertowicz.

Zybertowicz ha aggiunto che “è stata la loro supervisione superficiale, superficiale e non sistematica che ha portato alle irregolarità nelle attività del Servizio di controspionaggio militare, documentate nel rapporto. Pertanto, per quanto riguarda gli ex capi del servizio di controspionaggio militare, il generale Janusz Nosek e il generale Piotr Pytla, e il vice capo del servizio di controspionaggio militare, colonnello Krzysztof Dusza, il comitato raccomanda di non affidare loro compiti, posizioni e funzioni legate al responsabilità per la sicurezza della Repubblica di Polonia .

“Gene. Nosek, il generale Pytel e il colonnello. Le anime non dovrebbero ricoprire incarichi legati alla sicurezza della Repubblica di Polonia.

Giustificando ciò, Zybertowicz ha sottolineato che “essendo ufficiali di lunga data dei servizi segreti polacchi, contrariamente alle dovute norme di cautela del controspionaggio e violando la pragmatica dei servizi, hanno violato questa pragmatica, tra l’altro. in modo tale da non garantire che gli incontri con i rappresentanti dei servizi esteri fossero adeguatamente documentati”.

– I suddetti funzionari hanno intrattenuto personalmente o tramite funzionari a loro subordinati numerosi contatti con rappresentanti dell’FSB, senza informare l’autorità di sicurezza nazionale, vale a dire l’Agenzia per la sicurezza interna, alla quale per legge è affidato il coordinamento di tutte le aree di sicurezza, e hanno presentato un quadro incompleto dei loro contatti con i superiori politici dell’FSB – ha sottolineato.

Inoltre, come ha detto, dopo che le informazioni sui contatti della SKW con l’FSB sono trapelate ai media, “i generali Nosek e Pytel si sono impegnati in attività di disinformazione. Negli anni 2012-2014 hanno ingannato l’opinione pubblica sulla natura delle loro attività nell’ambito dei loro contatti con l’FSB e negli anni 2015-2022 hanno dipinto un’immagine falsa e altamente dannosa della Repubblica di Polonia .

– Analizzare i materiali disponibili, comprese le testimonianze dei suddetti Durante l’indagine della Procura abbiamo avuto l’impressione che i politici responsabili della sicurezza dello Stato non fossero interessati alla sicurezza dello Stato e che questa portata della loro responsabilità non fosse per loro una priorità, ha detto.

Ceckiewicz presenta la relazione

Zybertowicz ha aggiunto che è urgentemente necessaria una revisione della politica energetica polacca, dell’influenza della Federazione Russa nel terzo settore, dei media e della politica estera; ciò che occorre verificare è il ruolo delle entità economiche con capitale russo sul mercato polacco.

In precedenza Sławomir Cenkiewicz ha annunciato che l’organizzazione della conferenza, così come la presentazione della relazione, che a causa del lavoro della commissione durato meno di tre mesi, deve essere trattata come una relazione parziale, è stata costretta dalla mozione a respingere tutti membri della commissione che indaga sull’influenza russa. Egli ha sottolineato che il lavoro della commissione è stato accompagnato da false informazioni apparse nello spazio pubblico “sul non fare nulla, sull’essere scrocconi e sul prendere molti soldi”.

Egli ha spiegato che secondo la legge la Commissione riceve ogni tipo di aiuto da parte della Cancelleria del Primo Ministro; aveva a disposizione cinque “stanze abbastanza modeste” e nessuna limousine. – Dopo tre mesi posso dire che abbiamo lavorato praticamente ogni giorno – ha sottolineato Cenkiewicz. Come ha detto, la commissione era composta da 8 persone perché uno dei membri non ha ricevuto la lettera di nomina. Durante questo periodo, ha detto, la commissione si è riunita 18 volte.

Ceckiewicz ha espresso la speranza che la commissione possa esistere più a lungo. – Anche se opera in una composizione diversa, tutti i membri della commissione sono del parere che questo tipo di organismo statale, come la commissione per le indagini sull’influenza russa, sia assolutamente necessario in Polonia e noi faremo di tutto e ci rivolgeremo a coloro al potere, chiunque esso sia, a mantenere tale commissione, anche se con una composizione diversa , ha affermato.

Ceckiewicz ha affermato che il comitato ha lavorato sia su materiale pubblico che su materiale riservato. Lui ha dichiarato che dopo diverse riunioni plenarie la commissione ha deciso di occuparsi dei contatti e della cooperazione tra il servizio di controspionaggio militare e il servizio di sicurezza federale della Federazione Russa nel periodo 2010-2014. Ha sottolineato che il comitato ha ottenuto molto materiale, spesso cruciale. Come ha informato il generale Andrzej Kowalski, membro della commissione , ci sono 15 tesi principali di questo rapporto. 

Gen. Kowalski: SKW sotto l’influenza della Federazione Russa

– La prima tesi, fondamentale per questa ricerca: il Servizio di controspionaggio militare, essendo un’istituzione i cui compiti principali sono quelli di proteggere le forze armate polacche dalle minacce dei servizi speciali stranieri, è stato influenzato dalla Federazione Russa – ha sottolineato .

– Dopo aver esaminato un gran numero di documenti, traendo tutte le sue conoscenze dai documenti statali, la Commissione ha concluso che questa tesi era molto probabile: c’era un’influenza russa sulle operazioni del controspionaggio polacco – ha detto il generale Kowalski. Ha osservato che “naturalmente possiamo parlare di un gruppo molto ristretto di funzionari, per fortuna, ma stiamo pur sempre parlando della gestione di questa istituzione”. Come continuava la seconda tesi, “questa influenza è stata ottenuta cedendo all’influenza del Servizio di sicurezza federale, utilizzando il consenso della leadership statale, compreso il consenso del Primo Ministro, Donald Tusk, per cooperare con l’FSB” . 

– Capo del servizio di controspionaggio militare, generale Janusz Nosek, con la partecipazione dei suoi subordinati, tra cui: Il generale Piotr Pytel e il colonnello. Dal 2010 Krzysztof Dusza ha stretto i contatti con l’FSB, che hanno portato il 13 settembre 2013 a San Pietroburgo a firmare un accordo tra la SKW e l’FSB sulla cooperazione e la collaborazione nel campo del controspionaggio militare, ha affermato il generale Kowalski.

 Abbiamo trovato molto importante la parte della relazione in cui si descrive il soggetto che firma l’accordo dall’altra parte. Il pubblico sa poco del servizio di controspionaggio militare stesso, per non parlare dell’FSB, ha osservato il generale Kowalski.

Rapporto: Negli anni 2010–2014 l’FSB ha svolto attività di intelligence nei confronti della Polonia

Ha spiegato che “l’FSB è un servizio segreto eccezionalmente aggressivo, eccezionalmente offensivo, eccezionalmente pericoloso, non solo in Russia ” .  – L’errore più grande, e purtroppo lo abbiamo riscontrato in molti documenti e in molte dichiarazioni dei protagonisti degli eventi descritti, è che l’FSB sia ingiustificatamente considerato un servizio interno russo. Per molti anni, almeno dal 2004, dall’ultima grande riforma di questo servizio, ma in realtà dalla metà degli anni ’90, l’FSB ha svolto compiti di intelligence, ha guidato squadre speciali di ufficiali con compiti di intelligence, sia coprendo più da vicino l’estero, sia in seguito l’iniziativa è stata estesa ad altre zone d’Europa, compresa la Polonia , ha spiegato.

– Negli anni 2010–2014 l’FSB ha svolto attività di intelligence in Polonia. Pertanto, è molto difficile per noi capire perché siamo riusciti a selezionare in modo sorprendentemente coerente una piccola entità nell’FSB, ad es. il controspionaggio militare, e supporre che collaboreremo solo con questa piccola parte, e il resto non ci riguarda. Questa è una pessima supposizione. L’FSB è un servizio altamente centralizzato e fortemente gestito in cui tutti gli elementi, compreso il controspionaggio militare, hanno compiti di intelligence, ha affermato il generale Kowalski.

Attacco notturno con droni e missili: quanti bersagli aerei sono stati abbattuti dalla difesa aerea e dove mirava il nemico

Membro della commissione sull’influenza russa, Brig. Gen. Andrzej Kowalski, elencando le principali tesi del rapporto di questa commissione, ha informato che tra aprile 2010 e dicembre 2011 la cooperazione tra il Servizio di controspionaggio militare e l’FSB è stata portata avanti senza il consenso formale del Primo Ministro e all’insaputa del capo del Ministero della Difesa Nazionale confermato nei documenti.

“Cooperazione del servizio di controspionaggio militare con l’FSB senza il consenso formale del Primo Ministro e del capo del Ministero della difesa nazionale”

– Questo è un elemento molto importante (…). I servizi segreti non possono operare come credono. Ogni ufficiale che entra nel servizio speciale sente durante uno dei primi corsi di formazione che il servizio è un servizio rispettoso della legge, un servizio dello Stato di diritto. I servizi segreti non possono fare altro che quanto descritto nella legge, ha sottolineato.

Lui ha sottolineato che la legge sul servizio di controspionaggio militare e sul servizio di intelligence militare prevede che il consenso alla cooperazione con un servizio segreto straniero venga dato dal Primo Ministro “ma dopo aver chiesto il parere del Ministro della Difesa nazionale”. – Deve essere un consenso scritto – ha sottolineato. Kowalski ha sottolineato che nessuna regolamentazione regola il modo in cui questa cooperazione dovrebbe essere descritta. – Il Servizio di controspionaggio militare ritiene che il consenso del 2011 sia una base sufficiente per avviare i colloqui per la firma di un accordo con l’FSB – ha affermato.

– Se si suppone che funzioni in modo tale che il Primo Ministro firmi un consenso alla cooperazione e poi scopra che è stato firmato un accordo, che ha 11 articoli ed è molto ampio nel suo contenuto, è un sistema che funziona molto male , perché possiamo tranquillamente affermare che il Primo Ministro non aveva idea del livello in cui l’accordo veniva preparato, ha osservato.

Parlando di un’altra tesi, ha affermato che la commissione conferma la fondatezza delle accuse mosse nel dicembre 2017 dalla Procura distrettuale di Varsavia contro la direzione del Servizio di controspionaggio militare “per aver nascosto l’intera portata della cooperazione al Primo Ministro”.

Rapporto: L’accordo tra la SKW e l’FSB è in contraddizione con gli obiettivi della Polonia e della NATO

Questo ambito doveva essere più ampio “rispetto ai consensi richiesti e concessi in modo errato in una situazione in cui la minaccia maggiore per la difesa dello Stato e la sicurezza delle forze armate polacche proveniva dai servizi speciali della Federazione Russa e gli obiettivi dell’FSB erano in contraddizione con gli obiettivi della Polonia e della NATO.”

Kowalski ha sottolineato che l’accordo del 2013 tra FSB e SKW è dannoso per la Repubblica di Polonia “anche in quanto è in conflitto con gli obblighi della Repubblica di Polonia nei confronti della NATO” .  – Una delle disposizioni dell’accordo firmato con l’FSB ci mette chiaramente nella situazione in cui dovremmo informare sulle operazioni della NATO contro la Russia a noi note. Una situazione molto pericolosa, una circostanza pericolosa che effettivamente danneggia gli interessi alleati, ha detto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles