15.7 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Nella spazzatura è stata trovata una valigia della Rivolta di Varsavia. Le lettere a sua madre erano nascoste sotto la fodera

Nella spazzatura è stata trovata una valigia della Rivolta di Varsavia. Le lettere a sua madre erano nascoste sotto la fodera

Una vecchia valigia è stata ritrovata in un container pieno di cose provenienti da un appartamento in fase di svuotamento. Secondo l’annotazione scritta all’interno, nel 1944 una residente di Varsavia portò le sue cose fuori dalla città. L’oggetto è già stato trasferito al Museo dell’Insurrezione di Varsavia.

Tutta la storia è iniziata con il gruppo Facebook Attenzione, sta arrivando il camion della spazzatura, dove gli utenti si informano su oggetti che potrebbero interessare a qualcuno, che hanno visto vicino ai cassonetti della spazzatura o che intendono buttare via. Nel mese di maggio uno degli utenti del gruppo di Varsavia ha aggiunto una voce con informazioni su un contenitore pieno di cose, probabilmente provenienti dallo svuotamento di un appartamento, che si trovava in via Szymanowskiego.

L’utente, la signora Magdalena, ha mostrato parte di ciò che si trova nel contenitore: dalle decorazioni per l’albero di Natale, passando per gli elementi per la tavola, fino ai vecchi mobili. Una foto separata mostrava una valigia foderata di carta all’interno con le parole: “Una valigia portata fuori dalla rivolta di Varsavia il 5 agosto 1944 da Katarzyna Bojarska nata Pietrusińska”. Nella valigia sono state messe due rose artificiali: una bianca e una rossa.

Il Sejm non ha avuto nemmeno il tempo di iniziare seriamente i suoi lavori e questo indicatore è già aumentato vertiginosamente. Nuova indagine CBOS

Le informazioni sul container sono state inviate al Museo dell’insurrezione di Varsavia, ma quando i dipendenti del museo si sono recati all’indirizzo indicato, la valigia non c’era più. Poco dopo si scoprì che la signora Magdalena lo aveva preso consapevolmente, proprio per donarlo al museo.

Lettere di una figlia portata fuori città

Sebbene la valigia potesse sembrare vuota, sotto il rivestimento di carta c’erano lettere di sua figlia, Donata Bojarska (poi Żurowska), del marzo, aprile 1943 e novembre 1944. Come ha spiegato Anna Kotonowicz di MPW in un’intervista a Radio Kolor, ” probabilmente La signora Caterina portò via la figlia dalla città per proteggerla dai pericoli. – Questa è una corrispondenza molto personale indirizzata alla madre. In esso, sua figlia parla dei suoi pensieri e dei suoi dubbi riguardo all’occupazione, ha detto

Secondo le informazioni di warszawa.wyborcza.pl , la signora Donata viveva in via Szymanowskiego e dopo la sua morte l’appartamento fu occupato da suo figlio Jan Żurowski. L’uomo è morto l’anno scorso e i locali sono stati liberati poco dopo

Tra gli oggetti gettati via figurano anche dattiloscritti e le prime copie dei libri di falegnameria scritti da Żurawski, appunti e lettere catalogate, ma anche attrezzature per camera oscura e oggetti devozionali. Sul sito web dei cimiteri municipali di Varsavia potete trovare informazioni che Katarzyna Bojarska nata Pietrusin nacque il 13 luglio 1890 e morì il 24 gennaio 1981.

Il Museo dell’Insurrezione di Varsavia fa appello ai souvenir

“Vorremmo ringraziare la vigilanza delle persone che hanno trovato un souvenir di valore e ci hanno informato del ritrovamento, e allo stesso tempo chiediamo: tenete gli occhi ben aperti! Per trasferire qualsiasi cimelio della Rivolta di Varsavia che avete o trovate, scrivete a: jbialobrzeska@1944.pl o chiama: 22 539 79 85,” ha detto il museo.

Quali souvenir accetta il Museo dell’Insurrezione di Varsavia?

  • Fotografie del periodo dell’insurrezione di Varsavia, nonché quelle della Varsavia prebellica, dell’occupazione e del dopoguerra (foto che documentano la distruzione della capitale);
  • Documenti sull’occupazione e sulla cospirazione e altri cimeli relativi a Varsavia e ai suoi abitanti e, soprattutto, ai partecipanti alla Rivolta di Varsavia;
  • Articoli prebellici o postbellici, se indirettamente (o in modo interessante) collegati al periodo sopra indicato;
  • Oggetti contemporanei che si riferiscono al periodo della Rivolta di Varsavia, ad esempio arte contemporanea (dipinti, sculture e altre opere d’arte);
  • Musei tedeschi, foto, documenti;
  • Ricordi, resoconti, diari sul periodo della rivolta e dell’occupazione a Varsavia.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles