24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Petrolio dal Kazakistan. Ecco il dietro le quinte del lobbying dei politici tedeschi

Petrolio dal Kazakistan. Ecco il dietro le quinte del lobbying dei politici tedeschi. La firma dell’accordo è stata preceduta dalle pressioni dei parlamentari dei partiti filorussi rappresentati nel Bundestag. 

La Germania importa petrolio dal Kazakistan. La firma dell’accordo è stata preceduta dalle pressioni dei parlamentari dei partiti filorussi rappresentati nel Bundestag. Secondo le autorità polacche, il petrolio kazako ha le proprietà chimiche del petrolio russo..

L’importazione di petrolio dal Kazakistan alla raffineria di Schwedt è stata presentata a metà del 2022 dal proprietario di maggioranza della raffineria PCK, la società russa Rosneft, come un possibile compromesso se la Germania rinunciasse al petrolio russo. A metà del 2023, questo è realmente accaduto. In Kazakistan in precedenza i colloqui sulla fornitura di petrolio erano stati condotti da politici del partito della sinistra (Die Linke) e dell’AfD, che hanno esperienza nella cooperazione con la Russia.

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina a metà del 2022, il governo tedesco ha deciso di rinunciare al petrolio russo. Questa decisione ha riguardato principalmente due raffinerie della Germania dell’Est: PCK a Schwedt e Leuna. Il proprietario della raffineria della Germania dell’Est a Schwedt, la russa Rosneft, ha proposto di acquistare petrolio dal Kazakistan. Tuttavia, la raffineria di Leuna, che appartiene al gruppo francese Total, ha iniziato a diversificare efficacemente le proprie forniture di petrolio. Attualmente, Leuna riceve principalmente petrolio trasbordato al Naftoport polacco di Danzica. Questa è quasi la metà della domanda dell’impianto.

Kiev e la regione vengono attaccate dagli UAV d’attacco: la difesa aerea funziona

Deputato tedesco con passaporto russo

Il partito populista di destra Alternativa per la Germania (AfD) non ha sostenuto la decisione del governo tedesco di abbandonare il petrolio russo. Nell’autunno del 2022 l’AfD ha inviato al governo tedesco una richiesta con domande per sospendere la decisione di abbandonare il petrolio russo. La proposta ha attirato l’attenzione sulla mancanza di prove sull’efficacia delle sanzioni. Uno degli autori di questa mozione è stato il presidente del gruppo dei parlamentari tedesco-centroasiatici al Bundestag, Eugen Schmidt (AfD). 

Il deputato è nato in Kazakistan e, secondo il settimanale tedesco “Der Spiegel”, oltre a quello tedesco, a causa del suo status di sfollato, possiede anche un passaporto russo. Schmidt sarebbe apparso anche alla televisione di stato russa, commentando criticamente la politica occidentale A metà settembre 2022, il governo tedesco ha posto PCK in amministrazione controllata sulle azioni di Rosneft che appartenevano alle sue società figlie in Germania. Rosneft rimane tuttavia l’azionista di maggioranza a Schwedt.

Nell’estate del 2022, l’ex vice primo ministro del Brandeburgo e attualmente membro del Bundestag, Christian Görke del partito “Sinistra” (Die Linke), si è interessato alla questione della raffineria di Schwedt. Nella seconda metà di novembre 2022 Görke si è unito al gruppo parlamentare tedesco-centroasiatico al Bundestag. Come l’AfD, l’“ala sinistra” non ha sostenuto la decisione del governo tedesco di rinunciare al petrolio russo. Il portavoce della “sinistra” della Germania dell’Est al Bundestag, Sören Pellmann, ha messo in guardia soprattutto contro gli alti prezzi dei carburanti e la perdita di posti di lavoro a Schwedt a causa dell’abbandono del petrolio russo.

Un politico di “sinistra” salva una raffineria tedesca in Kazakistan

Görke non è direttamente collegata alla regione in cui si trova la raffineria PCK. Il suo collegio elettorale di Cottbus – Spree-Neisse si trova nel Brandeburgo meridionale. Nonostante ciò, è stato il primo politico tedesco a recarsi in Kazakistan nella seconda metà di dicembre 2022 dopo lo scoppio della guerra su vasta scala in Ucraina. Il suo ufficio parlamentare ha confermato che il 20 dicembre ha parlato delle forniture di petrolio alla Germania con Asset Magauov, viceministro dell’Energia della Repubblica del Kazakistan, e con Magzum Mirzagaliyev, presidente del consiglio di amministrazione di KazMunayGas.

Sempre il 20 dicembre, il plenipotenziario del governo tedesco per la raffineria PCK, il viceministro dell’Economia tedesco Michael Kellner del Partito Verde, ha parlato con Magzum Mirzagaliyev tramite collegamento in videoconferenza. L’addetto stampa del Ministero dell’Economia tedesco ha confermato alla Deutsche Welle che non ci sono state istruzioni da parte del Ministero né discussioni con il deputato Görke sull’adozione di misure riguardo all’importazione del petrolio kazako.

Ad Astana Christian Görke ha portato con sé Andrè Nowak, capo di gabinetto del deputato Andrè Hahn della “Sinistra”. Hahn appartiene al gruppo parlamentare per la cooperazione tedesca con l’Asia centrale, ma anche al gruppo parlamentare tedesco-russo del Bundestag.

– Ho accompagnato il deputato Christian Görke grazie alla mia pluriennale esperienza nella collaborazione con il Kazakistan – ha spiegato Andrè Nowak rispondendo ad una domanda della Deutsche Welle. Nowak ha molti anni di esperienza nella collaborazione con politici dell’Asia centrale. Ha fatto parte anche del gruppo di osservatori delle elezioni parlamentari in Uzbekistan nel 2019.

Amici tedeschi dell’Asia centrale con una missione in Kazakistan

Dal 19 al 25 febbraio 2023 Christian Görke è partito nuovamente per l’Asia centrale, questa volta con una delegazione di deputati del gruppo parlamentare tedesco-centroasiatico, guidata dal deputato Eugen Schmidt dell’AfD. Ad Astana, i parlamentari tedeschi hanno parlato il 20 febbraio con Talgat Kurmanbayev, amministratore delegato di KazTransOil.

Oltre a Schmidt e Görke, a questo viaggio ha preso parte anche Thomas Bareiss della CDU, che nel 2021 è stato accusato dalla stampa tedesca di fare lobby a favore di una delle società in Azerbaigian. — Durante gli incontri è stata discussa anche la possibilità di consegne dirette di petrolio greggio alla raffineria PCK di Schwedt. Ciò consentirebbe un’ulteriore diversificazione e una maggiore sicurezza energetica in tutti i settori. Inoltre la raffineria di Schwedt potrebbe continuare a garantire l’approvvigionamento di prodotti combustibili, ha affermato Bareiss in risposta ad una domanda della Deutsche Welle.

Nel giugno 2023, durante la visita del presidente Frank-Walter Steimeier in Kazakistan, è stato firmato un contratto per la fornitura di petrolio alla Germania per 100.000 tonnellate al mese fino alla fine del 2024. Attualmente, secondo l’agenzia di stampa russa Izvestia, queste forniture potrebbero aumentare fino a 2 milioni di tonnellate all’anno. Le ricerche effettuate sul petrolio che scorre attraverso l’oleodotto “Amicizia” attraverso il territorio polacco dal Kazakistan alla raffineria di Schwedt mostrano le proprietà chimiche del petrolio russo. Il Ministero polacco del Clima ha attirato l’attenzione su questo. Il Ministero dell’Economia tedesco non mette in dubbio questi risultati, ma richiama l’attenzione sul fatto che il petrolio è stato acquistato in Kazakistan.

L’articolo proviene da Deutsche Welle

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles