7.1 C
Rome
lunedì, Aprile 15, 2024

L’AIEA ha confermato l’incidente alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: si intensificano le ispezioni

L’AIEA ha confermato l’incidente alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: si intensificano le ispezioni

L’AIEA ha confermato l’incidente alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: Nonostante la raccomandazione, gli invasori non hanno limitato il funzionamento di tutte e sei le unità di potenza dello ZNPP allo stato di “cold stop”. Nella centrale nucleare di Zaporizhzhya occupata dagli invasori russi , acqua borata fuoriusciva dal liquido di raffreddamento del primo circuito nel circuito di raffreddamento secondario di uno dei generatori di vapore dell’unità del reattore n. 5. Lo si legge nel messaggio dell’Agenzia internazionale per l’energia nucleare (AIEA).

“Gli esperti dell’AIEA sono stati informati che la sostanza chimica boro è stata rilevata nel circuito di raffreddamento secondario di uno dei generatori di vapore dell’unità del reattore n. 5, che è attualmente in uno stato di “spegnimento a caldo”. Nel circuito primario viene utilizzata acqua boronizzata refrigerante per mantenere la sicurezza nucleare”, si legge nel messaggio. Attualmente la stazione ha aumentato la frequenza delle misurazioni del contenuto di boro nel circuito di raffreddamento secondario dell’unità di potenza n. 5.

“Le misurazioni rimangono relativamente stabili e rientrano nei limiti consentiti dalle caratteristiche tecniche del reattore. Nessuna radioattività è stata rilevata nel circuito di raffreddamento secondario”, afferma il rapporto. L’amministrazione di occupazione russa della ZNPP ha informato gli esperti dell’AIEA che “poiché la concentrazione di boro rimane entro i limiti consentiti, l’impianto intende mantenere l’unità di potenza n. 5 in modalità “hot shutdown”, che sarà rivalutata dopo che tutti i locali caldaie utilizzato per il riscaldamento nella vicina città di Energodar”.

Come contrastare i tentativi della Russia di organizzare “Maidan-3” in Ucraina: la risposta di Podoliak

L’AIEA ha affermato che gli invasori hanno continuato a mantenere le unità dei reattori n. 4 e n. 5 in uno stato di “spegnimento a caldo” per fornire calore e vapore per scopi di sicurezza nucleare nel sito e per riscaldare Energodar, dove vive la maggior parte del personale dell’impianto. Inoltre, si segnala che nel mese di giugno l’Ispettorato statale di regolamentazione nucleare dell’Ucraina ha emesso ordini normativi che limitano il funzionamento di tutte e sei le unità elettriche della ZNPP allo stato di “arresto a freddo”.

Vi ricordiamo che in precedenza è stato riferito che la continuazione dell’occupazione russa della centrale nucleare di Zaporizhzhia  ha portato a malfunzionamenti nel funzionamento delle attrezzature e nella manutenzione, che mettono a rischio la sicurezza dell’impianto . Inoltre, abbiamo precedentemente informato che si è verificata una perdita di reagenti dal primo al secondo circuito presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya occupata presso l’unità di potenza n. 5 . 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles