19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Frankenstein antiaereo sta già aspettando i russi. Ne stanno arrivando altri

Frankenstein antiaereo sta già aspettando i russi. Ne stanno arrivando altri. primi sistemi antiaerei ex sovietici combinati con missili occidentali dovrebbero già essere in Ucraina.

Frankenstein antiaereo sta già aspettando i russi. La soluzione a uno dei problemi più seri dell’esercito ucraino sta entrando nella fase di attuazione. I primi sistemi antiaerei ex sovietici combinati con missili occidentali dovrebbero già essere in Ucraina. Negli Stati Uniti verranno testate ulteriori varianti dei cosiddetti FrankenSAM. Su questo argomento ci fu silenzio per molti mesi. A parte le dichiarazioni incidentali delle autorità statunitensi sul trasferimento in Ucraina di un numero imprecisato di vecchi tipi di missili terra-aria e aria-aria, che teoricamente l’esercito ucraino non ha alcuna possibilità di utilizzare. Si presumeva che potessero trattarsi di munizioni necessarie per eseguire lavori sui sistemi FrankenSAM (una combinazione della parola Frankenstein e dell’abbreviazione inglese di  missile terra-aria , un missile antiaereo lanciato dalla Terra). Una serie di segnalazioni nell’ultimo mese sembrano confermarlo.

Il primo FrankenSAM in Ucraina

Domenica, alla radio ucraina NW, il portavoce dell’aeronautica ucraina, Yuri Ignat, ha detto che è stato possibile combinare i lanciatori e i radar ucraini del sistema antiaereo sovietico Buk con i missili americani. Un simile pieghevole doveva essere testato con successo sui campi di allenamento negli Stati Uniti e “ottenere buoni risultati”. Non ha rivelato quali specifici missili occidentali siano stati utilizzati e se tali sistemi modificati siano già presenti in Ucraina.

Oleksandra Ustinova, presidente della commissione parlamentare ucraina che supervisiona i trasferimenti di armi dall’Occidente, ha detto di più negli ultimi giorni di ottobre. In un’intervista al quotidiano americano “The New York Times” ha ammesso che i primi sistemi FrankenSAM basati sui lanciatori Buk sono già in Ucraina. Dovevano essere pronunciati poco prima del colloquio, nella seconda metà di ottobre. Altri 17 lanciatori Buk saranno pronti per la spedizione negli USA, ma attualmente si prevede che la capacità americana di effettuare modifiche sarà di cinque unità al mese.

Inoltre, l’articolo del “NYT” includeva una serie di informazioni provenienti da fonti non ufficiali negli Stati Uniti. Secondo precedenti dichiarazioni parziali e fughe di notizie, i buki ucraini dovevano essere combinati con i missili americani RIM-7 Sea Sparrow, le cui prime versioni furono consegnate alle navi della marina americana negli anni ’60, e la loro versione molto modernizzata chiamata ESSM è ancora utilizzata Oggi. Gli stessi RIM-7 hanno anche una variante terrestre utilizzata da Taiwan. Sono stati prodotti migliaia di missili di questo tipo, e molti probabilmente giacciono inutilmente negli arsenali americani. Il lavoro per collegare RIM-7 con i lanciatori e i radar del sistema Buk doveva durare sette mesi. Lo scorso inverno gli ucraini avevano proposto di realizzarlo da soli, ma secondo il “NYT” gli americani hanno deciso di farlo tranquillamente negli Stati Uniti. Le prove e i test sui campi di addestramento americani sarebbero durati diversi mesi.

Il sistema Buk equipaggiato con missili RIM-7 avrà sicuramente una gittata inferiore rispetto a quelli sovietici originali. Sono tre volte più pesanti, il che significa, tra le altre cose, che hanno più carburante e sono in grado di colpire bersagli a una distanza teorica di 35 chilometri. RIM-7 a circa 20. Tuttavia, per gli ucraini questo è di secondaria importanza rispetto al fatto fondamentale che siano disponibili. Molto probabilmente, il loro compito principale sarà quello di dare la caccia ai droni russi e ai missili da crociera che volano contro le città ucraine.

Strati inferiori e superiori in preparazione

Allo stesso tempo, continuerà il lavoro su altre due varianti di FrankenSAM. In primo luogo, si tratta di un sistema a corto raggio che combina i missili aria-aria americani AIM-9 Siedewinder con un lanciatore non specificato, come ha apertamente dichiarato il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin a metà ottobre. Non è sicuro a che punto sia questo lavoro. Non ci sono ancora indizi o prove che questo FrankenSAM sia finito in Ucraina. Si può presumere che sarà qualcosa di simile al già dismesso sistema antiaereo americano Chaparral, che era un semplice telaio cingolato con un altrettanto semplice lanciatore per quattro missili. L’operatore li ha diretti verso il bersaglio utilizzando un normale mirino ottico e li ha sparati, e la testa del razzo era responsabile di guidarli. Il sistema aveva una portata pratica di diversi chilometri.

Parla il presidente Duda, i parlamentari ridono. 6 momenti del discorso che hanno lasciato il pubblico senza parole

I missili AIM-9 furono progettati negli anni ’50 pensando al combattimento aereo. Dopo un ammodernamento molto approfondito, è ancora l’arma base degli aerei americani nei combattimenti a corto raggio. Si concentrano sul calore emesso dai motori del bersaglio. Gli ucraini riceveranno l’AIM-9 nella variante M, che rappresenta il livello della fine degli anni 80 e l’inizio degli anni 90. Attualmente è già stato sostituito nelle truppe occidentali dalla nuova variante X, quindi molto probabilmente rimane in gran numero negli arsenali. Per la caccia a droni e missili è ancora l’arma più preziosa.

La Gran Bretagna ha già fatto qualcosa di simile all’Ucraina in agosto. Si tratta di un numero imprecisato di semplici lanciamissili britannici ASRAAM, che rientrano nella stessa categoria dell’AIM-9, sebbene abbiano una portata più lunga. Erano montati sui piccoli fuoristrada Supacat. Sono destinati principalmente a cacciare droni e missili da crociera russi. In condizioni favorevoli, possibilmente per elicotteri o aerei d’attacco.

Strati inferiori e superiori in preparazione Allo stesso tempo, continuerà il lavoro su altre due varianti di FrankenSAM. In primo luogo, si tratta di un sistema a corto raggio che combina i missili aria-aria americani AIM-9 Siedewinder con un lanciatore non specificato, come ha apertamente dichiarato il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin a metà ottobre. Non è sicuro a che punto sia questo lavoro. Non ci sono ancora indizi o prove che questo FrankenSAM sia finito in Ucraina. Si può presumere che sarà qualcosa di simile al già dismesso sistema antiaereo americano Chaparral, che era un semplice telaio cingolato con un altrettanto semplice lanciatore per quattro missili. L’operatore li ha diretti verso il bersaglio utilizzando un normale mirino ottico e li ha sparati, e la testa del razzo era responsabile di guidarli. Il sistema aveva una portata pratica di diversi chilometri. I missili AIM-9 furono progettati negli anni ’50 pensando al combattimento aereo. Dopo un ammodernamento molto approfondito, è ancora l’arma base degli aerei americani nei combattimenti a corto raggio. Si concentrano sul calore emesso dai motori del bersaglio. Gli ucraini riceveranno l’AIM-9 nella variante M, che rappresenta il livello della fine degli anni 80 e l’inizio degli anni 90. Attualmente è già stato sostituito nelle truppe occidentali dalla nuova variante X, quindi molto probabilmente rimane in gran numero negli arsenali. Per la caccia a droni e missili è ancora l’arma più preziosa. La Gran Bretagna ha già fatto qualcosa di simile all’Ucraina in agosto. Si tratta di un numero imprecisato di semplici lanciamissili britannici ASRAAM, che rientrano nella stessa categoria dell’AIM-9, sebbene abbiano una portata più lunga. Erano montati sui piccoli fuoristrada Supacat. Sono destinati principalmente a cacciare droni e missili da crociera russi. In condizioni favorevoli, possibilmente per elicotteri o aerei d’attacco.

Secondo il testo del “NYT” si dovrebbe lavorare anche su una forma molto più avanzata di FrankenSAM. Si tratta di utilizzare missili del sistema Patriot combinati con lanciatori e radar ucraini. Non sono stati forniti dettagli, tranne che un test di successo di tale soluzione sarebbe stato effettuato nel mese di ottobre sul campo di addestramento di White Sands negli Stati Uniti. I piani prevedono le consegne di questo FrankenSAM in inverno. 

Si può presumere che questa sarà la soluzione al problema della disponibilità di missili per i sistemi ucraini a medio e lungo raggio S-300, lo strato più alto del sistema di difesa aerea dell’Ucraina. Gli ucraini hanno già i sistemi Patriot originali della Germania e degli Stati Uniti, ma solo tre batterie. Un problema più grande è l’acquisizione dell’intero sistema dall’Occidente, principalmente i radar più che i missili. Questo è probabilmente il motivo per cui si sta lavorando per aggirare questa limitazione utilizzando radar, sistemi di comunicazione, sistemi di comando e lanciatori di origine sovietica.

Il lavoro sui sistemi a corto, corto e medio raggio mostra che l’Occidente sta cercando di affrontare l’attacco della difesa aerea ucraina nel modo più completo possibile. Forse, insieme alla fornitura di attrezzature moderne di produzione puramente occidentale, ciò aiuterà a proteggere i cieli ucraini dalla prevista seconda campagna invernale di attacchi aerei russi contro le infrastrutture energetiche e di riscaldamento. 

Le consegne di sistemi FrankenSAM progettati principalmente per abbattere obiettivi più semplici sotto forma di droni e missili potrebbero anche consentire l’uso di sistemi occidentali molto più avanzati come IRIS-T, SAMP/T o Patriot più vicini al fronte per combattere l’aviazione russa o in almeno limitare la sua capacità di sganciare bombe quasi impunemente.L’UMPK scivola verso le posizioni ucraine.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles