giovedì, Febbraio 2, 2023
PoloniaCronacaSocha esorta le persone a opporsi alla donazione di...

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. Centinaia di persone hanno condiviso l’appello. “O qualcuno vive o muore”

-

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. Centinaia di persone hanno condiviso l’appello. “O qualcuno vive o muore”. Tale notifica significa che dopo la morte i nostri organi non potranno essere donati per il trapianto.

Socha esorta, attivista dei movimenti anti-vaccinazione, ha recentemente pubblicato su Facebook un appello per la segnalazione al Registro centrale delle obiezioni. Tale notifica significa che dopo la morte i nostri organi non potranno essere donati per il trapianto. L’appello di Socha è stato condiviso lunedì da oltre 1.000 persone. le persone. Gli esperti sottolineano che tali attività sono estremamente dannose e più persone si rifiutano di donare i propri organi dopo la morte, meno malati terminali hanno possibilità di sopravvivenza. Justyna Socha ha giustificato il suo appello sui social con le dichiarazioni del prof. Jan Talar, chirurgo e specialista in riabilitazione che sostiene da anni che la morte cerebrale in realtà non esiste. 

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. E questo potrebbe suggerire che gli organi vengano prelevati da persone che hanno ancora una possibilità di sopravvivenza. Questo non è vero. Dichiarazioni del prof. Talara è stata criticata per anni dagli specialisti. Le sue affermazioni e mezze verità sul nostro lavoro danneggiano molto la nostra specializzazione – ha commentato alcuni anni fa in un’intervista a ” Fatti ” L’anestesista di TVN Dr. Piotr Kowalski, attualmente associato all’ospedale di Grudziądz.   Secondo i dati di Poltransplant, ente che coordina i trapianti in Polonia, lo scorso anno il Registro centrale delle opposizioni ha ricevuto 1557 domande, 50 in meno rispetto all’anno precedente.

ISW avverte: le azioni accelereranno a causa del tempo. Data indicata

I polacchi estraevano l’uranio per le armi atomiche dei sovietici a mani nude. Oggi è possibile visitare la miniera segreta

Gli ucraini stanno aspettando una domenica nevosa e le interruzioni di corrente sono ancora la norma. C’è un appello al risparmio

Al 31 dicembre 2021, gli iscritti al database erano quasi 39.000. persone che non accettano di donare i propri organi dopo la morte. L’anno scorso, un totale di 709 reni, 20 reni e pancreas, 277 fegati, 200 cuori e 68 polmoni sono stati trapiantati da donatori deceduti. A fine dicembre 2021, 1,8mila persone erano ancora in attesa di uno o due trapianti di organi. le persone. Poltrapianto: l’opposizione rende impossibile salvare i malati Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. spiega Poltransplant sul proprio sito, “reni, cuore, polmoni, fegato, pancreas, intestino e cornea possono essere prelevati da una persona deceduta quando tutte le possibilità di cura sono state esaurite e in cui la morte cerebrale è stata confermata dal comitato”.

Cos’è la morte cerebrale? Poltransplant indica che “la morte inghiotte tessuti e sistemi in momenti diversi”. Pertanto, alcune funzioni possono persistere per qualche tempo, mentre altre sono già morte. Questo vale anche per una situazione in cui la morte ha raggiunto il cervello e la circolazione sanguigna è ancora preservata. Il direttore di Poltransplant sottolinea in un’intervista a Gazeta.pl che tali appelli hanno un evidente impatto sul fatto che le persone non vogliono accettare la donazione di organi dopo la morte.  

Sono favorevole a lasciare che le persone definiscano se stesse mentre sono in vita. La morte nel nostro paese è un tabù, ma secondo me è importante se parliamo con i nostri cari se vogliamo essere donatori. Penso che sia meglio definire te stesso. Se qualcuno sente la necessità di opporsi ad essere donatore dopo la morte, può e deve farlo compilando il modulo di opposizione da inviare a Poltransplant, portando con sé un foglietto con l’obiezione o comunicando alla famiglia il proprio testamento. Questo è l’unico modo per commentare tali appelli. Tutto il resto è al di sotto della mia capacità di commentare

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte – disse il dottor hab. N. Med. Artur Kamiński. Il direttore di Poltransplant ha ricordato che in Polonia esiste un presunto consenso a essere donatore dopo la morte. prof. Kaminski: Non puoi essere parzialmente incinta – Se qualcuno dice che qualcuno è parzialmente morto, ho una risposta a questa affermazione: puoi essere parzialmente incinta? O qualcuno è vivo o no. Una cosa è dichiarare la morte cerebrale e un’altra è sospettare una tale morte. Questo sospetto non è confermato in conversazione, ma sulla base di molti studi molto specializzati. Ci sono procedure specifiche per questo, proprio per non sbagliare. 

I polacchi estraevano l’uranio per le armi atomiche dei sovietici a mani nude. Oggi è possibile visitare la miniera segreta

Intelligence britannica: la Russia trasferisce aerei MIG-31K in Bielorussia. Possono trasportare “Kindjala”

“La guerra con la Russia, questo paese si è presa su se stessa per molto tempo” – cosa scrive la stampa estera sulla Georgia

E le argomentazioni spesso addotte contro la morte cerebrale riguardano la situazione in cui qualcuno ha solo avanzato un sospetto, ma non è stato confermato e la morte cerebrale alla fine non è stata confermata – ha spiegato il Prof. Kaminsky. Il nostro interlocutore ha chiarito molto chiaramente che il prof. Talar si occupa di pazienti con tali danni alle strutture cerebrali e alle sue funzioni che possono dare al paziente la possibilità di riprendere conoscenza e una lunga riabilitazione davanti al paziente. – D’altra parte, situazioni in cui, ad esempio, non c’è flusso sanguigno attraverso i vasi sanguigni nel cervello, non c’è possibilità di cure e riabilitazione, abbiamo a che fare con la morte cerebrale – ha aggiunto il direttore di Poltransplant. 

“In questi casi, è lo stato del cervello che determina la vita o la morte. Nella maggior parte dei casi clinici, l’edema cerebrale derivante dal suo danno aumenta dallo spazio sopratentoriale e il tronco cerebrale muore come l’ultima parte di esso. In tali situazioni , il fattore che qualifica la morte cerebrale è la mancanza irreversibile della funzione del tronco encefalico cerebrale” – si legge nella sezione “ Domande e Risposte” del sito Poltransplant.

Poltransplant spiega che “il danno permanente al tronco encefalico si determina sulla base della mancanza di riflessi nervosi specifici e della mancanza di respiro spontaneo”. Se tale esame non è del tutto fattibile (ad esempio a causa di lesioni craniofacciali), “il sospetto di morte cerebrale deve essere confermato da esami strumentali”. L’istituzione sottolinea che “la conoscenza da parte della società del valore del trapianto di organi per centinaia di malati terminali è ancora insufficiente”.

“L’opposizione alla donazione degli organi espressa dalla famiglia del defunto significa che la vita di molti pazienti non può essere salvata. Occorre condurre una costante campagna educativa, informando sui bisogni e sui risultati del trapianto di organi, che contribuirà a convincere il pubblico della l’efficacia di questo metodo di trattamento” – leggiamo.

Leonardo Pietro Moliternihttps://www.notiziedaest.com
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest news

Meteo c’era vento! E ha persino tuonato. Il tempo ci darà filo da torcere. 

Meteo c'era vento! E ha persino tuonato. Il tempo ci darà filo da torcere. In alcuni punti sono previste velocità del vento...

I Kadyrov hanno violentato ripetutamente un presentatore russo a Melitopol. Tra loro, il cugino di Kadyrov

I Kadyrov hanno violentato ripetutamente un presentatore russo a Melitopol. Tra loro, il cugino di Kadyrov gruppo di militanti ceceni...

Allerta Meteo: Arriva il ciclone Oleg rovinerà il tempo. Vento di burrasca, tempeste e neve

Il ciclone Oleg rovinerà il tempo. Vento di burrasca, tempeste e neve. Influenzerà il tempo nel nostro Paese almeno fino...

Lukashenko ha percorso pochi metri e tutti hanno riconosciuto il suo punto debole. “Ha seri problemi”

Lukashenko ha percorso pochi metri e tutti hanno riconosciuto il suo punto debole. "Ha seri problemi". Ci sono sempre più...
- Advertisement -spot_img

Vladimir Putin è in cura da medici occidentali: nuove scoperte dell’intelligence. “Questa è l’unica ragione per cui è vivo”

Vladimir Putin è in cura da medici occidentali: nuove scoperte dell'intelligence. "Questa è l'unica ragione per cui è vivo". Secondo...

Ucraina. Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio di Zelensky, si è dimesso. Media: Sta andando a Kherson

Ucraina. Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell'ufficio di Zelensky, si è dimesso. Media: Sta andando a Kherson. l suo posto nell'amministrazione di...

Must read

Meteo c’era vento! E ha persino tuonato. Il tempo ci darà filo da torcere. 

Meteo c'era vento! E ha persino tuonato. Il tempo ci darà...

I Kadyrov hanno violentato ripetutamente un presentatore russo a Melitopol. Tra loro, il cugino di Kadyrov

I Kadyrov hanno violentato ripetutamente un presentatore russo a...

Potrebbero interessartiRELATED
Recommended to you