martedì, Settembre 27, 2022
UcrainaCronacaMisteriosi droni iraniani hanno iniziato ad attaccare gli ucraini. Da...

Misteriosi droni iraniani hanno iniziato ad attaccare gli ucraini. Da diversi giorni si intensificano i colpi, soprattutto contro l’artiglieria

-

Misteriosi droni iraniani hanno iniziato ad attaccare gli ucraini. Da diversi giorni si intensificano i colpi, soprattutto contro l’artiglieria. I resti indicano una macchina chiamata Shahed-136.

Misteriosi droni iraniani hanno iniziato ad attaccare gli ucraini. I russi hanno iniziato a utilizzare i droni acquistati in Iran su scala più ampia. Soprattutto nella regione di Kharkiv, nell’area dell’ultima grande controffensiva ucraina. I resti indicano una macchina chiamata Shahed-136. Dovrebbe essere un’emergenza, ma a volte fa il suo lavoro.L’aumento delle segnalazioni di attacchi da parte di droni iraniani è questione degli ultimi giorni. Il 17 settembre è apparso un ampio articolo sull’American Wall Street Journal, in cui l’esercito ucraino descriveva il problema, cercando evidentemente di pubblicizzare l’argomento nei paesi occidentali.

Il colonnello Rodon Kulagin in un’intervista con i giornalisti americani ha affermato che i droni iraniani -kamikaze hanno causato dolorose perdite nell’unità di artiglieria sotto il suo comando. Avrebbero dovuto distruggere diversi cannoni trainati e semoventi e molti altri veicoli corazzati. Quattro soldati ucraini dovevano essere uccisi e 16 feriti. – Questo è un problema molto serio. Senza adeguati sistemi di difesa distruggeranno la nostra artiglieria, disse il colonnello e fece appello all’Occidente perché fornisse qualcosa di adatto alla difesa o un analogo sistema di attacco. Soluzioni iraniane con francobollo russo

A parte l’allarmismo (anche se comprensibile, perché perde i suoi subordinati e l’equipaggiamento), manca la dichiarazione del colonnello Kulagin, tuttavia, non ci sono informazioni attendibili sull’entità dell’uso dei droni iraniani e sulla loro efficacia. Non si sa quanti russi abbiano dovuto licenziarli per infliggere queste perdite agli ucraini. Pertanto, è difficile valutare la loro reale efficacia. Poco si sa dei droni stessi. Shahed-136 è stato presentato al pubblico nel 2021 dal Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane. Questi sono droni kamikaze relativamente grandi che dovrebbero operare in gruppo. Il loro lancio è stato mostrato al momento del lancio, che sembra un normale rimorchio per camion civile, ma ha cinque droni pronti per il decollo all’interno.

Il giornalista ha mostrato un film toccante di Izium. “Ti avverto prima che tu lo veda”

I russi hanno organizzato stanze di tortura nella regione di Kharkiv

I russi avrebbero dovuto trasferire i sistemi S-300 dalle vicinanze di San Pietroburgo all’Ucraina. Un esperto della minaccia per i civili

Dopo che il lanciatore è stato sollevato, i droni vengono sparati uno per uno utilizzando un piccolo motore a razzo. In volo, avviano un semplice motore a pistoni standard che aziona l’elica. Non si sa quale sia la loro portata, anche se nelle dichiarazioni iraniane potrebbe ammontare anche a mille chilometri , il che sarebbe un valore sorprendentemente alto. Inoltre, non ci sono informazioni certe su come stanno andando a casa. A volte si parla di telecamera standard e telecomando, a volte di qualche sistema avanzato basato sulla filosofia di uno sciame, in cui un drone ha un radar e indica i bersagli agli altri. 

Non c’è nemmeno certezza sul peso della testata, anche se di solito è di circa 20-40 chilogrammi, il che sarebbe molto per la maggior parte dei moderni kamikaze senza pilota, che di solito pesano fino a pochi chilogrammi. Gli ucraini hanno mostrato fotografie dei resti di queste macchine, consentendone l’identificazione con un alto grado di certezza. Puoi vedere le caratteristiche pinne sulle punte delle ali e sulle iscrizioni. Sembra che i russi abbiano aggiunto la loro “Gierań-2” sotto la designazione iraniana standard.

Le prime foto dei resti sono state pubblicate online il 13 settembre, anche se i singoli casi di utilizzo di droni iraniani avrebbero dovuto aver luogo alla fine di agosto. Principalmente nella regione di Kharkiv, che a quanto pare è stata scelta dai russi come banco di prova per le macchine iraniane. Tuttavia, sono stati utilizzati anche nel sud. Gli ucraini hanno mostrato le immagini del caratteristico motore a pistoni MD550, prodotto dagli iraniani per le esigenze di molti dei loro droni. È stato trovato tra i resti dopo l’attacco di un gruppo di droni a Nikopol sul Dnepr.

C’è una spada e ci sarà uno scudo. Non si sa quanti droni iraniani abbiano i russi. Gli americani hanno informato dell’intenzione di riportarli indietro a luglio. La prima grande spedizione doveva arrivare dall’Iran a metà agosto. In precedenza, i russi avrebbero dovuto conoscere l’offerta delle aziende iraniane e testare i loro prodotti. Secondo gli americani, non erano particolarmente contenti, perché i veicoli aerei senza pilota dovevano essere piuttosto di emergenza e moderatamente efficaci.

Tuttavia, i russi non possono essere pignoli. Loro stessi hanno possibilità molto limitate per produrre macchine di questo tipo e l’esercito al fronte è drammaticamente a corto di veicoli aerei senza pilota. Ammortizzatori, soprattutto, perché quelli di produzione nazionale sono pochi e delle categorie più piccole, come Kub e Lancet, prodotti dalla ditta Zala (parte della ditta Kalashnikov). Rispetto a loro, gli Shahed-136 sono molto grandi e, secondo i rapporti ucraini, sono adatti per distruggere bersagli corazzati. Kub e Lancet sono piuttosto solo disarmati.

Molto probabilmente i russi porteranno altri droni dall’Iran. Fin dall’inizio, gli americani hanno affermato che c’era più cooperazione e migliaia di macchine di diverso tipo. I russi hanno trascurato il tema dei droni e ora stanno scoprendo in Ucraina che errore si è trattato. In cambio, possono offrire agli iraniani attrezzature classiche più pesanti. Stiamo parlando di caccia Su-35. Tuttavia, i droni iraniani non dovrebbero essere trattati come una sorta di arma miracolosa che cambierà in modo significativo il corso della guerra. Gli iraniani possono creare sistemi d’arma semplici ed efficaci, soprattutto nella categoria dei razzi e dei droni, ma i russi hanno un’intera gamma di armi teoricamente molto più moderne e pericolose, e gli effetti sono quelli che vediamo.

Tanto più che gli americani hanno già annunciato la loro intenzione di fornire all’Ucraina armi in grado di combattere efficacemente i droni iraniani. Si può presumere che lo abbiano fatto in risposta a un accordo tra Russia e Iran. Alla fine di agosto sono state annunciate le consegne dei sistemi Vampire, che sono un sistema relativamente semplice montato su un normale fuoristrada. Si compone di una testa optoelettronica che osserva il cielo con l’ausilio di diverse telecamere, e un lanciatore per quattro missili puntati alla luce laser, con cui il sistema illumina il drone rilevato. Vampire è l’opera della forma americana L3Harris. Il tutto deve essere posizionato su un pallet universale, che può essere installato da due persone senza una preparazione speciale su molti veicoli diversi in due ore.

Non si sa quando e in quale quantità Vampire comincerà ad apparire in Ucraina, ma quando lo farà, i droni russi potrebbero perdere significativamente la loro vitalità. Come è sempre stato in guerra. La corsa costante di spada e scudo. C’è un nuovo pericoloso metodo di attacco, i droni e le ricette per esso appaiono naturalmente. E così va avanti all’infinito.

Leonardo Pietro Moliternihttps://www.notiziedaest.com
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest news

Scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate

Volodymyr Zelensky sulla scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate. Enormi tombe con centinaia...

Ha sparato al comandante nell’ufficio di mobilitazione. “La prigione è meglio della morte in Ucraina”

Ha sparato al comandante nell'ufficio di mobilitazione. "La prigione è meglio della morte in Ucraina". Molti russi sono contrari all'arruolamento...

Il generale Mud ritorna, seguito solo dall’inverno. Al fronte andrà solo peggio

Il generale Mud ritorna, seguito solo dall'inverno. Al fronte andrà solo peggio. La situazione per i russi può diventare rapidamente...

Media: 261.000 uomini sono già fuggiti dalla Russia dopo lannuncio di Vladimir Putin

 Media: 261.000 uomini sono già fuggiti dalla Russia. Vladimir Putin ha annunciato mercoledì scorso una mobilitazione parziale in Russia . Secondo le...
- Advertisement -spot_img

Volodymyr Zelensky l’ebreo più influente del 2022 nella classifica del Jerusalem Post

Volodymyr Zelensky l'ebreo più influente del 2022 nella classifica del Jerusalem Post. Il presidente dell'Ucraina ha superato, tra gli...

Il presidente Zelenskiy conferma: l’Ucraina ha ricevuto i sistemi NASAMS dagli Stati Uniti

Il presidente Zelenskiy conferma: l'Ucraina ha ricevuto i sistemi NASAMS dagli Stati Uniti. Volodymyr Zelensky ha affermato che si...

Must read

Scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate

Volodymyr Zelensky sulla scoperta di altre fosse comuni a...

Ha sparato al comandante nell’ufficio di mobilitazione. “La prigione è meglio della morte in Ucraina”

Ha sparato al comandante nell'ufficio di mobilitazione. "La prigione è...

Potrebbero interessartiRELATED
Recommended to you