mercoledì, Novembre 30, 2022
UcrainaCronacaI rifugiati ucraini camminano per 43 miglia in un...

I rifugiati ucraini camminano per 43 miglia in un viaggio di 20 ore verso la Polonia

-

I rifugiati ucraini camminano per 43 miglia in un viaggio di 20 ore verso la Polonia mentre migliaia continuano a fuggire dall’invasione russa

L’ONU stima che finora almeno 50.000 ucraini siano I rifugiati ucraini, ma l’invasione russa potrebbe sfollare complessivamente oltre cinque milioni. Polonia, Ungheria, Romania e Moldova hanno fornito aiuti e accolto i rifugiati mentre migliaia di persone fuggivano dall’Ucraina durante l’invasione russa. Migliaia di persone sono state anche costrette ad attraversare il confine a piedi con il giornalista americano Manny Marotta che ha riferito di aver camminato per 20 ore in un viaggio di 43 miglia verso la Polonia

I civili stanno fuggendo dopo che la Russia ha lanciato un attacco all’Ucraina per via aerea, terrestre e marittima dopo che Putin ha falsamente affermato che stava proteggendo il suo popolo dal bullismo mentre lottava per la “smilitarizzazione e de-nazificazione” dell’Ucraina. Marotta ha descritto il suo viaggio da Leopoli, nell’ovest dell’Ucraina, all’Anp come un incubo umanitario poiché tutti, dai bambini agli anziani, hanno cercato disperatamente di fuggire dal loro paese d’origine. Ha anche assistito a uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni separati dai loro cari e arruolati per combattere dai soldati ucraini che dicevano loro di non essere codardi.

Ha detto: “Stavano dicendo, ‘dì addio alla tua ragazza, a tua moglie, dì addio a tua madre e alle tue figlie, stai andando a est.’ “Ho iniziato a vedere queste scene surreali di padri che dicevano: ‘Non voglio lasciare la mia famiglia’ e soldati ucraini che li strappavano via. Le madri protestavano. Stavano urlando ‘perché lo stai facendo?'” Marotta ha aggiunto che “non dimenticherà mai” un 24enne che è stato portato via, dicendo: “Non aveva scelta. Mi ha rivolto questo sguardo che non dimenticherò mai, era una specie di sorriso triste. Spero che stia bene”.

La guardia di frontiera polacca ha riferito che giovedì 29.000 persone sono passate oltre il confine, il giorno in cui sono iniziati gli attacchi, mentre la Moldova avrebbe accolto circa 16.000 rifugiati e la Romania almeno 10.000. Lo ha detto l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).io che questi numeri corrispondono alla loro stima secondo cui almeno 50.000 persone hanno lasciato l’Ucraina finora, anche se è una situazione incredibilmente fluida e il numero è in continua evoluzione. Ha aggiunto in una dichiarazione:

Aeroflot con divieto ai voli per la Gran Bretagna, c’è già la rappresaglia di Mosca. Ma LOT sta anche cancellando i voli

Peskov ha annunciato la revisione da parte di Kiev dell’idea di negoziati su uno status neutrale a Minsk

Eurovision 2022: la Russia bandita dal Song Contest per paura di screditare la concorrenza

“Le conseguenze umanitarie sulle popolazioni civili saranno devastanti. Non ci sono vincitori in guerra, ma innumerevoli vite saranno fatte a pezzi. “Abbiamo già visto segnalazioni di vittime e persone che hanno iniziato a fuggire dalle loro case per cercare sicurezza. Le vite e le infrastrutture civili devono essere protette e salvaguardate in ogni momento, in linea con il diritto umanitario internazionale”. Giovedì il viceministro degli affari interni polacco Paweł Szefernaker ha dichiarato che i rifugiati sarebbero stati portati nei centri di accoglienza e negli ospedali e avrebbero ricevuto cibo e cure mediche, e gli altri vicini occidentali dell’Ucraina avrebbero istituito strutture simili.

Le forze di difesa ungheresi sono pronte ad accogliere decine di migliaia di rifugiati secondo Hungary Today, mentre la Romania può accoglierne più di 500.000. Le agenzie umanitarie delle Nazioni Unite hanno dichiarato venerdì, tuttavia, che la carenza di beni essenziali come cibo e carburante in Ucraina potrebbe costringere fino a cinque milioni di civili a fuggire. Le truppe russe si sono trasferite venerdì nel sobborgo settentrionale della capitale ucraina Kiev , poiché i rapporti suggerivano che si fosse verificato un sanguinoso tra le due parti.

Leonardo Pietro Moliternihttps://www.notiziedaest.com
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest news

“Siamo seduti al buio, al freddo, e l’unico pensiero che ci riscalda: che sia senza di te, bastardi russi!”

"Siamo seduti al buio, al freddo, e l'unico pensiero che ci riscalda: che sia senza di te, bastardi russi!"....

Ulteriori avvisi IMGW. Neve, pioggia gelata e ghiaccio nero. Quando e dove?

Ulteriori avvisi IMGW. Neve, pioggia gelata e ghiaccio nero. Quando e dove? Dove dovresti stare particolarmente attento? L' 1 e 2...

Ucraina. Battaglia di Bakhmut rispetto alla battaglia di Verdun. “Sembra la prima guerra mondiale”

Ucraina. Battaglia di Bakhmut rispetto alla battaglia di Verdun. "Sembra la prima guerra mondiale".Ci sono foto online che mostrano la somiglianza...

ISW: Il Cremlino vuole immobilizzare le forze ucraine intorno a Kiev

ISW: Il Cremlino vuole immobilizzare le forze ucraine intorno a Kiev questi sono i motivi per cui i russi...
- Advertisement -spot_img

Gli Stati Uniti e la Russia hanno utilizzato una speciale “linea di deconflitto”

Gli Stati Uniti e la Russia hanno utilizzato una speciale "linea di deconflitto". Non si trattava dell'incidente di Przewodowo. Attraverso...

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. Centinaia di persone hanno condiviso l’appello. “O qualcuno vive o muore”

Socha esorta le persone a opporsi alla donazione di organi dopo la morte. Centinaia di persone hanno condiviso l'appello. "O qualcuno...

Must read

Ulteriori avvisi IMGW. Neve, pioggia gelata e ghiaccio nero. Quando e dove?

Ulteriori avvisi IMGW. Neve, pioggia gelata e ghiaccio nero. Quando e...

Potrebbero interessartiRELATED
Recommended to you