martedì, Settembre 27, 2022
RussiaCronacaEstonia: "Chiudiamo il confine con la Russia, motivo di...

Estonia: “Chiudiamo il confine con la Russia, motivo di paura per l’ingresso di agenti”. Polonia, Lituania e Lettonia sono simili

-

Estonia: “Chiudiamo il confine con la Russia, motivo di paura per l’ingresso di agenti”. Polonia, Lituania e Lettonia sono simili. . Anche la Polonia e gli stati baltici introdurranno un divieto d’ingresso dalla prossima settimana

L’Estonia sta chiudendo il confine con la Russia, ha affermato il capo del locale Ministero degli Affari Esteri, sostenendo la cosa con il timore che agenti russi entrino nel Paese. Anche la Polonia e gli stati baltici introdurranno un divieto d’ingresso dalla prossima settimana. Pertanto, la Finlandia sarà l’unico Paese attraverso il quale i cittadini russi potranno entrare nell’area Schengen.

Il ministro degli Esteri estone Urmas Reinsalu in un’intervista per il settimanale “Helsingin Sanomat” ha fatto riferimento alle informazioni fornite dall’intelligence ucraina – mostra che da febbraio il numero di agenti russi che attraversano i confini dei paesi europei è aumentato in modo significativo. – Stiamo chiudendo il confine con la Russia per paura dell’ingresso di agenti russi – ha ammesso, aggiungendo che dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, migliaia di russi sono entrati in Estonia. Ha anche notato che gli agenti russi usano visti turistici da anni – lo era durante l’assassinio nel 2008 di Sergei e Julia Skripal in Gran Bretagna.

L’Estonia chiude i suoi confini ai russi. Insieme ad essa, Polonia e Stati baltici, Finlandia contraria. L’Estonia introduce un divieto d’ingresso per i russi insieme a Polonia, Lituania e Lettonia.  “Insieme a Lettonia, Lituania e Polonia, abbiamo deciso di introdurre restrizioni congiunte sul turismo per i cittadini russi al fine di proteggere l’ordine pubblico e la sicurezza. La Russia ha portato la guerra in Europa e sta usando tutti gli strumenti per minare le nostre società. In quanto Stati di confine dell’UE, dobbiamo garantire la sicurezza dell’Europa. 

In Polonia, il Sejm ha adottato una risoluzione sul “risarcimento dalla Germania” per le perdite subite durante la seconda guerra mondiale

Samarcanda. Putin commenta per la prima volta l’offensiva ucraina. Minaccia: la reazione sarà più seria

Balaklia. “Padre nostro”, 72 versi e un martello. Questo è ciò che resta della tortura degli ucraini da parte dei russi

Al momento, non è possibile garantire che i cittadini russi che entrano nell’UE attraverso l’Estonia non rappresentino un rischio per la sicurezza. Abbiamo raggiunto un accordo regionale, ora continueremo a lavorare per limitare il turismo per i cittadini russi in tutta l’Unione Europea (…) Viaggiare nell’Unione Europea è un privilegio, non un diritto umano. Poiché il popolo ucraino viene torturato, assassinato e terrorizzato, i cittadini dello stato aggressore non dovrebbero poter godere dei benefici del mondo libero – si legge nella giustificazione del divieto d’ingresso sul sito web del governo estone. 

“La restrizione all’ingresso non si applica a tutti i cittadini russi. Sarà comunque possibile attraversare il confine di Stato per i cittadini russi in visita a familiari o genitori di figli minorenni residenti in Estonia (…). È consentito l’ingresso eccezionale anche per motivi umanitari e per i dissidenti. È possibile anche il transito senza indugio. consentito alle persone che devono viaggiare attraverso l’Estonia per raggiungere il loro paese di residenza. Si applicano esenzioni anche quando si attraversano i confini di Lettonia, Lituania e Polonia “- ha affermato.

In un’intervista di sabato, il ministro del Reisnal ha osservato che l’Estonia stava cercando di convincere i rappresentanti della Finlandia ad aderire all’accordo tra i paesi baltici e la Polonia per chiudere l’ingresso in questi paesi ai russi (questo vale anche per i cittadini russi che hanno visto Schengen). Tuttavia, la Finlandia ha recentemente annunciato che non ci sarà tale consenso, perché è “contrario al diritto internazionale” (Jussi Tanner, capo del servizio consolare presso il ministero degli Affari esteri finlandese, ha affermato che il sistema dello Stato di diritto “non non riconoscere la responsabilità collettiva”) . La Finlandia, che per anni è stata il leader dell’UE nella concessione di visti ai russi, ha allo stesso tempo sostenuto la decisione dell’UE di sospendere l’accordo di facilitazione dei visti UE-Russia. 

Ad agosto, Helsinki ha annunciato una significativa riduzione dell’ammissione delle domande di visto da parte di cittadini russi. Dal 1° settembre il numero di riunioni disponibili su questo argomento presso l’ambasciata finlandese e le sedi consolari in Russia è stato ridotto a 500 al giorno. I richiedenti il ​​visto turistico si svolgono solo il lunedì e sono stati ridotti a una media di 100. I diritti dei richiedenti per motivi familiari o umanitari non sono stati limitati. Per fare un confronto, ad agosto i russi hanno presentato più di 1.000 domande di visto finlandesi al giorno, la stragrande maggioranza delle quali riguardava visti turistici.

– ricorda il Center for Eastern Studies, riferendo sulla posizione della Finlandia. Il ministro estone non è d’accordo con lui. È una situazione scioccante quando lavoratori e rifugiati ucraini devono servire i ricchi russi nelle località europee. Le sanzioni devono essere globali e sentite dalla società russa, ha affermato Reinsalu, aggiungendo che per questo motivo l’Estonia non permetterebbe ai russi di entrare nel Paese.  

Ha anche chiesto maggiori sanzioni contro la Russia.

l Primo Ministro dell’Estonia su Putin ei soldati russi: verrà il giorno in cui saranno giudicati. Durante la riunione del Comitato militare della Nato, il primo ministro estone Kaja Kallas ha a sua volta sottolineato che “la giustizia prenderà la Russia per i suoi crimini in Ucraina”. Ha fatto riferimento alle ultime informazioni sulla crudeltà dei soldati russi: gli ucraini hanno scoperto fosse comuni nella città di Izium recentemente liberata nell’oblast di Kharkiv, in cui sono stati sepolti più di 400 corpi con tracce di violenze e torture.

“Non può esserci impunità per coloro che commettono crimini di guerra e genocidi”, ha affermato Kallas, aggiungendo che l’impunità incoraggerebbe altri regimi autoritari.

Putin e coloro che commettono crimini in Ucraina devono sapere che verrà il giorno in cui saranno processati

 ha sottolineato il capo del governo estone. Ha chiesto il mantenimento dell’unità dell’Unione europea e ha sottolineato che la Russia non può cedere un passo. Ha anche parlato delle vecchie tattiche delle autorità del Cremlino: prima fanno richieste a territori che non appartengono alla Russia, poi terrorizzano e ricattano, “perché ci sarà sempre qualcuno in Occidente che si dimetterà e offrirà di più di quanto la Russia abbia diritto”.

 Il primo ministro estone ha anche sottolineato di non usare il termine “guerra di Putin”, poiché la maggior parte della società sostiene l’aggressione. È quindi la guerra della Russia contro l’Ucraina. 

Leonardo Pietro Moliternihttps://www.notiziedaest.com
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest news

Scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate

Volodymyr Zelensky sulla scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate. Enormi tombe con centinaia...

Ha sparato al comandante nell’ufficio di mobilitazione. “La prigione è meglio della morte in Ucraina”

Ha sparato al comandante nell'ufficio di mobilitazione. "La prigione è meglio della morte in Ucraina". Molti russi sono contrari all'arruolamento...

Il generale Mud ritorna, seguito solo dall’inverno. Al fronte andrà solo peggio

Il generale Mud ritorna, seguito solo dall'inverno. Al fronte andrà solo peggio. La situazione per i russi può diventare rapidamente...

Media: 261.000 uomini sono già fuggiti dalla Russia dopo lannuncio di Vladimir Putin

 Media: 261.000 uomini sono già fuggiti dalla Russia. Vladimir Putin ha annunciato mercoledì scorso una mobilitazione parziale in Russia . Secondo le...
- Advertisement -spot_img

Volodymyr Zelensky l’ebreo più influente del 2022 nella classifica del Jerusalem Post

Volodymyr Zelensky l'ebreo più influente del 2022 nella classifica del Jerusalem Post. Il presidente dell'Ucraina ha superato, tra gli...

Il presidente Zelenskiy conferma: l’Ucraina ha ricevuto i sistemi NASAMS dagli Stati Uniti

Il presidente Zelenskiy conferma: l'Ucraina ha ricevuto i sistemi NASAMS dagli Stati Uniti. Volodymyr Zelensky ha affermato che si...

Must read

Scoperta di altre fosse comuni a Izium: intere famiglie sono state torturate

Volodymyr Zelensky sulla scoperta di altre fosse comuni a...

Ha sparato al comandante nell’ufficio di mobilitazione. “La prigione è meglio della morte in Ucraina”

Ha sparato al comandante nell'ufficio di mobilitazione. "La prigione è...

Potrebbero interessartiRELATED
Recommended to you