14.9 C
Rome
domenica, Luglio 21, 2024

Parlare con la Federazione Russa o combattere: cosa dicono le autorità e gli esperti dei “colloqui di pace” con il nemico

Parlare con la Federazione Russa o combattere: cosa dicono le autorità e gli esperti dei “colloqui di pace” con il nemico

Zelenskyj spera in un secondo vertice di pace, in cui il mondo “farà pressione su Putin affinché fermi la guerra”. Il capo dello Stato lo ha definito “il modo migliore”. Parlare con la Federazione Russa o combattere. Dopo un tentativo fallito di negoziare con la Russia proprio all’inizio della sua invasione su vasta scala, la leadership dell’Ucraina durante più di due anni di guerra ha fatto dichiarazioni taglienti e categoriche sull’impossibilità di negoziati con il nemico. Tuttavia, nel terzo anno di guerra, queste affermazioni sembrano essersi attenuate. Così, dopo il vertice di pace di giugno in Svizzera, che non ha avuto molto successo per l’Ucraina, il presidente Volodymyr Zelenskyj ha proposto un modello di negoziati con la Federazione Russa tramite intermediari.

Contenuto

  1. L’Ucraina andrà ai negoziati con la Federazione Russa? La posizione di Zelenskyj
  2. Chi “mette” l’Ucraina al tavolo delle trattative con la Federazione Russa
  3. Le dichiarazioni della Russia sulla “disponibilità” a parlare: cosa si nasconde sotto
  4. Cosa dice l’Ufficio del Presidente sui negoziati
  5. Vale la pena parlare con la Federazione Russa: le opinioni degli esperti e dei militari

L’Ucraina andrà ai negoziati con la Russia e in quale formato, chi è a favore di un simile passo, chi è contrario e quali sono le minacce. TSN.ua ha raccolto le posizioni della leadership politica dell’Ucraina, le dichiarazioni dei politici mondiali e le opinioni degli esperti.

Nell’ultimo anno, in numerose interviste e durante i suoi discorsi, Zelenskyi ha continuato a sostenere l’impossibilità di negoziati con un paese aggressore, ha invece promosso la sua Formula di Pace in 10 punti nel mondo e ha riposto le sue speranze nel Summit di Pace tenutosi a Svizzera nel giugno 2024 anno Tuttavia, questo incontro non ha portato i risultati sperati: tali valutazioni vengono fornite da diplomatici ed esperti. E pochi giorni dopo il vertice, Zelenskyi in un’intervista ha ammesso il modello dei negoziati con la Russia tramite intermediari

L’Ucraina andrà ai negoziati con la Federazione Russa? La posizione di Zelenskyj

Alla fine di giugno, in un’intervista al Philadelphia Inquirer, Zelenskyi ha affermato che oggi vede un solo modello di negoziati con Mosca : un accordo tripartito con mediatori, utilizzato per quanto riguarda il lavoro del “corridoio del grano”.

“L’Ucraina può trovare un modello in cui trovare una soluzione. Tale modello è stato applicato per la prima volta sull’esempio del “corridoio del grano”, quando l’Ucraina negoziava non con la Russia, ma con l’ONU e la Turchia. Essi, in a sua volta, si è assunto la responsabilità di negoziare con noi e poi di firmare un accordo corrispondente con la Federazione Russa. E così ha funzionato: due accordi speculari, tra i quali si trovano l’ONU e la Turchia…” – ha spiegato il presidente.

“E poi questo documento, se va bene all’Ucraina, dovrebbe riguardare anche i rappresentanti della Federazione Russa. Finora abbiamo solo questo modello”, ha aggiunto Zelenskyj.Ha osservato che un modello simile può essere applicato all’integrità territoriale, all’energia e al trasporto marittimo. Allo stesso tempo, il capo dello Stato non ha specificato quali paesi potrebbero diventare mediatori.

Poco dopo, nei primi giorni di luglio, Zelenskyj ha dichiarato in un’intervista a Bloomberg che il presidente della Russia, Vladimir Putin, potrebbe essere invitato al prossimo vertice di pace , che si svolgerà già quest’anno. Anche l’Ufficio del Presidente dell’Ucraina ha annunciato questa possibilità. In particolare, il vice capo dell’OP Ihor Zhovkva ha spiegato che nel secondo incontro “parleremo dei risultati del primo vertice e dei risultati della road map elaborata, di come parlare di pace in Ucraina. L’Ucraina parlerà di con i suoi partner.”

“Se i paesi che condividono il piano comune sviluppato dall’Ucraina e dai suoi alleati saranno pronti a trasmetterlo al paese aggressore, e il paese aggressore non detterà le sue condizioni, come è sempre stato, ma ascolterà la comunità mondiale, noi può anche parlare di alcuni formati della sua partecipazione (RF – ndr),”, ha detto Zhovkva.

Allo stesso tempo, Zelenskyj dubita che Putin parteciperà al secondo vertice di pace, perché è “troppo spaventato” per sedersi al tavolo delle trattative. Pertanto, secondo il presidente dell’Ucraina, il dialogo di pace con la Federazione Russa non inizierà “nel prossimo futuro”. Zelenskyi ha osservato che affinché la guerra “finisca equamente per l’Ucraina e per il mondo intero”, sono necessarie azioni congiunte di Stati Uniti e Cina. A suo avviso, Washington e Pechino potrebbero diventare mediatori per porre fine alla guerra, se “mettessero da parte le loro differenze”. Chi “mette” l’Ucraina al tavolo delle trattative con la Federazione Russa

Orban

Va notato che, sebbene Zelenskyj non rifiuti più i negoziati con la Federazione Russa in determinati formati, ha respinto nettamente la proposta del primo ministro ungherese Viktor Orban di cessare il fuoco. Si ricorderà che quest’ultimo, durante la sua visita a Kiev il 2 luglio, ha offerto a Zelenskyj il cessate il fuoco e il dialogo con la Federazione Russa.

A questo proposito, il presidente dell’Ucraina ha affermato che i negoziati per un cessate il fuoco sono possibili solo su una “piattaforma internazionale comprensibile” in presenza di paesi i cui leader sono fidati. Il capo dello Stato ha ricordato che l’Ucraina e il mondo hanno cercato per molti anni di concordare un cessate il fuoco con la Federazione Russa, ma quest’ultima ha violato i suoi obblighi. Secondo Zelenskyj dovrebbe esserci un “piano molto chiaro” per il cessate il fuoco, in modo che l’aggressore non approfitti di questo tempo per attaccare nuovamente.

A proposito, dopo la sua visita in Ucraina, Orban è volato in Russia e a Pechino con le sue iniziative sulla “risoluzione del conflitto” in Ucraina, cercando di diventare un mediatore tra le parti. Tuttavia, Zelenskyj ha affermato di non vedere il primo ministro ungherese come un mediatore tra Kiev e Mosca. Gli analisti dell’Istituto per lo Studio della Guerra (ISW) ritengono che con le sue ultime azioni Orbán stia cercando di spostare l’attenzione dei paesi occidentali dall’aiuto all’Ucraina a possibili negoziati con la Federazione Russa.

Viktor Orban e Vladimir Putin / © Associated Press
Viktor Orban e Vladimir Putin / Foto: Associated Press

Il piano di Trump

Alla fine di giugno, Reuters ha riferito che due consiglieri chiave del candidato presidenziale americano Donald Trump gli hanno presentato un piano per porre fine alla guerra in Ucraina se avesse vinto le elezioni. Il piano prevede che l’Ucraina riceverà più armi americane se accetterà i colloqui di pace. Uno dei consiglieri di Trump ha affermato di sostenere il piano.

Durante il dibattito, lo stesso politico odioso ha annunciato nel suo modo caratteristico come avrebbe posto fine alla guerra : “Parlerei con Putin e metterei fine alla guerra. Porrò fine alla guerra anche prima di assumere la carica di presidente”. E Trump ha dichiarato direttamente: “L’Ucraina non vincerà questa guerra”.

Zelenskyj ha commentato l’idea di Trump di porre fine alla guerra in 24 ore . Lui ha sottolineato che questo non porterà alla pace nel mondo intero e nemmeno tra Ucraina e Russia. “Ma se l’idea è quella di cedere i nostri territori, allora no, la questione non sarà risolta. Non funzionerà”, ha detto il presidente ucraino. Commentando il cosiddetto piano di Trump, la Casa Bianca ha affermato che solo l’Ucraina può decidere quando e in quali circostanze negoziare con la Federazione Russa sulla cessazione delle ostilità.

A Kiev sono state completate le operazioni di salvataggio sui luoghi degli attacchi missilistici russi: gli ultimi dati sulle vittime

“Siamo fermi per garantire che il presidente Zelenskyj abbia tutto ciò di cui ha bisogno, in modo che, se e quando sarà pronto a sedersi al tavolo dei negoziati, possa farlo da una posizione di forza, in modo che sappia di avere la nostra sostegno e il sostegno di questi circa 50 paesi”, ha affermato John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Donald Trump / © Associated Press
Donald Trump / Foto: Associated Press

A sua volta, l’ex capo del Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina, l’ex ambasciatore in Gran Bretagna Vadym Prystaiko ha definito primitivo il piano dei consiglieri di Trump. Il diplomatico non crede che questo piano funzionerà:

“Non posso credere che una “monoruota” così semplice e primitiva abbia il diritto di esistere. Non c’è nemmeno bisogno di scavare in profondità nei dettagli. Ma l’idea stessa che “ti siedi al tavolo delle trattative, perché se non ti siedi, allora noi (gli Stati Uniti – ndr) non daremo armi” è estremamente primitivo. Non esiste un passo successivo qui. Convenzionalmente parlando – beh, siediti e se non si ottiene nulla .”

Le dichiarazioni della Russia sulla “disponibilità” a parlare: cosa si nasconde sotto

Nel mese di giugno, la Russia ha dichiarato ancora una volta di essere pronta ai negoziati con l’Ucraina, ponendo tradizionalmente le sue condizioni. Pertanto, il vicecapo del Ministero degli Affari Esteri, Mykhailo Galuzin, ha affermato che per avviare i negoziati è necessario riconoscere le attuali realtà territoriali . “L’Occidente deve smettere di armare le forze armate e Kiev deve fermare le ostilità “, ha aggiunto Galuzin.

Lo stesso Putin ha fatto dichiarazioni simili più di una volta, sottolineando il ritiro di tutte le truppe ucraine dalle regioni di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson. Ma in realtà il dittatore non ha intenzione di avviare negoziati di pace, le sue dichiarazioni sono rivolte al pubblico occidentale, a persone che non credono nella vittoria dell’Ucraina. Questa è l’opinione dell’ex comandante delle forze americane in Europa, il tenente generale in pensione Ben Godges :

“Dice tutto questo per dare l’impressione di essere pronto per i negoziati. Ma se leggete quello che dice, vedrete che si tratta solo di un cessate il fuoco e solo dopo che l’Ucraina avrà deposto le armi. Questo è inaccettabile”. Gli analisti dell’ISW ritengono che Putin non sia interessato a negoziati onesti e finga interesse per essi solo in singoli casi “come parte di un più ampio sforzo informativo volto a predisporre l’Occidente a concessioni preventive che violerebbero la sovranità dell’Ucraina”.

L’Unione Europea ha affermato che le “proposte di pace” del Cremlino mirano solo a legittimare l’invasione illegale dell’Ucraina, che viola tutte le norme internazionali. Ciò è stato affermato nella dichiarazione congiunta dell’UE rilasciata a luglio in occasione della riunione del Consiglio permanente dell’OSCE. Hanno inoltre sottolineato che sarà Kiev a determinare le condizioni per l’inizio dei negoziati. Secondo Prystayk, Putin sta aspettando condizioni migliori per i negoziati con l’Ucraina e non si siederà al tavolo delle trattative nel prossimo futuro:

“Ora non vedo alcun motivo per cui Putin si sieda al tavolo delle trattative con Zelenskyi. È estate, un periodo molto buono per le grandi manovre effettuate dai russi. Pertanto, fino alla fine di questo periodo, non vedo alcun segno che i negoziati avranno luogo, non è un dato di fatto che i negoziati avranno luogo immediatamente dopo la fine della stagione bellica È ovvio che entrambe le parti sono arrivate a un punto morto. Non credo nei negoziati di pace, credo nella sospensione di questa guerra. “

Vladimir Putin / © Associated Press
Vladimir Putin / Foto: Associated Press

Volodymyr Horbach, analista politico presso l’Istituto per la cooperazione euro-atlantica ed esperto di politica estera e interna, ritiene che la Russia voglia effettivamente dialogare con gli Stati Uniti. “Vogliono parlare con gli Stati Uniti. Putin aspetterà che si verifichi una situazione del genere in America, per poi voler parlare con Putin. La situazione potrebbe cambiare dopo le elezioni presidenziali negli Stati Uniti o poco dopo, dopo il nuovo insediamento, o dopo qualche altro evento, forse inaspettato per noi o per gli americani, ma che può essere provocato e pianificato dai servizi speciali russi sul territorio degli Stati Uniti o su qualche altro territorio”, ha spiegato Gorbach.

Secondo l’esperto, se si verifica una situazione del genere, i russi potranno parlare in modo esauriente della divisione del mondo, della zona degli interessi, organizzando il “Trattato di Yalta. Seconda edizione”.

Cosa dice l’Ufficio del Presidente sui negoziati

Alla fine di giugno è arrivato negli Stati Uniti un aereo del governo russo , cosa che ha fatto parlare di sé sulla presunta preparazione di “colloqui di pace” con la Federazione Russa, che costringeranno l’Ucraina a fare delle concessioni per porre fine alla guerra. Secondo i media, a bordo dell’aereo c’era il capo del Ministero degli affari interni della Federazione Russa, Volodymyr Kolokoltsev, che avrebbe dovuto consegnare il testo dell’accordo di pace al governo americano.

Mykhailo Podolyak, consigliere del capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, ha commentato queste voci . È convinto che “non esistano piani fittizi di cui parlano i blogger” e ha anche definito Kolokoltsev una persona non sufficientemente influente. Podolyak ha anche sottolineato che la Russia ha ancora le risorse per continuare la guerra, quindi è necessario guardare agli eventi in modo obiettivo:

“Il primo è che non raggiungeremo un accordo con la Russia . Il secondo è che la Russia non è venuta qui per negoziare con voi, ma per uccidere. Il terzo è che se la Russia si siede al tavolo delle trattative oggi, domani lo farà. ci genocideranno anche. Provocheranno, verranno commessi attacchi terroristici e così via .. E in quarto luogo, finché c’è almeno una piccola percentuale di fiducia in Putin che si siederà al tavolo delle trattative alle sue condizioni, lui non si fermerà.”

Il capo del PO Andriy Yermak ha sottolineato che l’Ucraina non è pronta a fare concessioni territoriali alla Russia per porre fine alla guerra , ma ascolterà i consigli del mondo su come raggiungere la pace. “Non siamo (non) pronti a scendere a compromessi per il bene di cose e valori molto importanti… indipendenza, libertà, democrazia, integrità territoriale, sovranità”, ha detto Yermak, commentando le affermazioni di Trump secondo cui la guerra finirebbe in 24 ore.

Vale la pena parlare con la Federazione Russa: le opinioni degli esperti e dei militari

L’ex capo del Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina, Pavlo Klimkin, ha osservato che nella società c’è la sensazione che ad un certo punto sarà necessario iniziare a dialogare con la Russia. Lui è d’accordo sul fatto che ogni guerra finisce con i negoziati, ma ha sottolineato che è possibile dialogare con Mosca solo da una posizione di forza. Klimkin ha attirato l’attenzione sul fatto che le risorse dell’Ucraina non sono infinite ed è importante proteggerle, comprese le vite umane.

“O parliamo da una posizione di forza, oppure se ad un certo punto la situazione puramente militare sarà equilibrata in modo tale che sarà difficile spostarla, non sto parlando di un vicolo cieco… ma capiamo che nemmeno le nostre risorse sono infinite, le abbiamo per proteggere le persone da sole… E se si tratta di un “congelamento” beh, la mia logica è che in nessun caso, anche in questa opzione tutt’altro che migliore e francamente spiacevole per noi, dovrebbe parliamo con una posizione debole, perché finirà male”, ha detto Klimkin.

Lo storico e professore dell’Università cattolica ucraina, Yaroslav Hrytsak, ha avvertito che se la Russia avviasse i negoziati sulla fine della guerra, porrebbe “condizioni molto dure”, perché cerca di “digerire” l’Ucraina pezzo per pezzo. “Ovviamente, porrà (le condizioni – ndr) non solo il ripristino dello status della Chiesa ortodossa russa o della lingua russa, o altre cose, per esempio, il controllo sull’elezione di un nuovo presidente, ma porrà anche le condizioni La questione è che tenterà di condurre una nuova aggressione nel caso in cui accada qualcosa – un nuovo Maidan o qualcos’altro”, ha espresso la sua opinione lo storico.

Ha sottolineato che “ora non si tratta di pace, ma di tregua”, e che la guerra continuerà per molto tempo: “Fino a quando la Russia non crollerà, difficilmente sarà possibile parlare di fine a questo conflitto, a questa guerra. Si tratta di trovare ora una via di coesistenza, per sviluppare capacità e prepararsi per un nuovo round di guerra”. Il militare e personaggio pubblico Roman Sinitsyn non crede nella possibilità di colloqui di pace nel prossimo futuro:

“Potrebbe effettivamente essere una sorta di ammiccamento tattico da parte loro (i russi, ndr) per farci rilassare. Ma mi è difficile prevedere, o addirittura supporre, che nei prossimi sei mesi ci saranno dei trattative, e in qualche modo avranno successo lì: riprodundosi, smetteranno di sparare”. Sinitsyn ha sottolineato che, al contrario, la guerra non fa che aumentare.

Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video  

Il vice comandante della terza brigata d’assalto separata Maxim Zhorin ha parlato duramente dei negoziati con la Federazione Russa , vale a dire degli appelli di alcuni personaggi pubblici alla “pace ad ogni costo” e al fatto che “dovrebbero essere fermati immediatamente”. Invece, ha osservato Zhorin, gli ucraini avrebbero dovuto rendersi conto da tempo che ci sono solo due opzioni possibili:

“La prima è quando continuiamo a lottare. Sì, questa lotta ha un prezzo alto, ma è l’unica opzione per avere una possibilità per il futuro. La seconda opzione è quando ci fermiamo, e allora non possiamo più sperare qualsiasi futuro. Il prezzo di una tale scelta è molto più tragico e tutti “stanchi”, comunque, si gettano nell’esercito nemico senza ulteriori domande.” Ha anche assicurato che anche dopo le esplosioni emotive degli ucraini, “non importa come, ma fermate questa guerra”, la Federazione Russa non fermerà le uccisioni e gli attacchi alle infrastrutture civili. 

“I ragazzi sono stati semplicemente fucilati”: sul social network è scoppiato uno scandalo a causa della morte e del ferimento dei combattenti della 110a…

È possibile la pace con la Russia?

La guerra con la Russia potrà finire per sempre solo se l’Ucraina riceverà efficaci garanzie di sicurezza diventando membro della NATO. Ne è convinto il giornalista e pubblicista ucraino Vitaly Portnikov : “La mia formula per porre fine alla guerra è più logica: fornire all’Ucraina efficaci garanzie di sicurezza. Cioè, l’Occidente deve decidere che ciò non dovrebbe accadere così com’è. L’Occidente deve capire come porre fine a questa guerra. Credo che i russi- La guerra in Ucraina potrà finire una volta per tutte quando l’Ucraina riceverà efficaci garanzie di sicurezza e diventerà membro della NATO. In altre condizioni, questa guerra potrebbe ripetersi dopo un certo tempo”.

Lui ha sottolineato che non ci si può fidare degli accordi firmati con la Russia. E finché l’Ucraina rimarrà nello status di paese neutrale o potenziale membro della NATO, i suoi cittadini non si sentiranno al sicuro. Riassumendo, notiamo che durante la sua attuale visita negli Stati Uniti e il discorso presso l’istituto omonimo Reagan a Washington,  Zelenskyj ha detto di vedere le seguenti soluzioni per porre fine alla guerra: “Il modo migliore, ovviamente, dopo il primo vertice di pace è organizzare e preparare un piano, e preparare nei prossimi mesi un secondo vertice. Che il mondo faccia pressione su Putin affinché fermi la guerra. Questo è il modo migliore.”

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles