14.9 C
Rome
domenica, Luglio 21, 2024

“Saluti NATO da Putin”: razzi a Okhmatdyt – l’Occidente capirà che è impossibile negoziare con la Russia

“Saluti NATO da Putin”: razzi a Okhmatdyt – l’Occidente capirà che è impossibile negoziare con la Russia. E questo avviene in un momento in cui all’Alleanza manca ancora una volta l’unità

“Saluti NATO da Putin”. Mentre i leader occidentali si preparano a celebrare il 75° anniversario della NATO a Washington, all’ombra della Russia, Putin sta inviando un chiaro segnale all’alleanza distruggendo gli ospedali pediatrici e gli edifici residenziali ucraini con i suoi missili. Volodymyr Zelenskyj era appena arrivato a Varsavia lunedì 8 luglio per un incontro con il presidente della Polonia Andrzej Duda, e da lì per recarsi al vertice anniversario della NATO a Washington, che si terrà dal 9 all’11 luglio, quando la Russia ha lanciato un altro massiccio attacco contro l’Ucraina, utilizzando 38 missili di vario tipo Le forze di difesa aerea hanno abbattuto 30 missili: Kalibri, Daggers, Zircon, Iskander-M, Kh-22 e altri.

E questo avviene in un momento in cui all’Alleanza manca ancora una volta l’unità necessaria per rivolgere finalmente all’Ucraina un invito politico ad aderire, in modo da non provocare Putin ad un’escalation ancora maggiore.

Gli ucraini sperano che i leader occidentali vedano con i propri occhi il terrificante filmato (o, in caso contrario, glielo mostrerà la delegazione ucraina guidata dal presidente Zelenskyj) del massiccio attacco missilistico russo di lunedì 8 luglio. Uno dei più grandi ospedali pediatrici dell’Ucraina, Okhmatdyt, è stato quasi distrutto. Secondo la SBU, il nemico l’ha preso di mira con un missile Kh-101 proprio nel momento in cui lì si svolgevano le operazioni. Al momento della pubblicazione di questo testo, il sindaco Vitalii Klitschko ha segnalato la morte di due adulti in ospedale, 16 feriti, di cui 7 bambini.  

Viktor Orban continua la sua “missione di pace”. Il primo ministro ungherese è andato in viaggio a Pechino

La Russia ha preso di mira anche edifici residenziali in due diversi quartieri di Kiev. In uno, l’ingresso è completamente distrutto. Nei media sono circolati filmati terrificanti di come una donna insanguinata è stata tirata fuori da sotto le macerie. Successivamente, già nel tardo pomeriggio di lunedì 8 luglio, i russi hanno colpito un centro medico nel quartiere Dnipro della capitale. Lì morirono quattro persone. E, in modo molto cinico, il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che “questo è il risultato della caduta di un missile antiaereo ucraino”.

L’Occidente ha reagito al brutale attacco russo all’Ucraina. Tuttavia ,  sempre con un’altra preoccupazione, e non con azioni decisive, hanno promesso di fornirci più sistemi di difesa aerea e capacità a lungo raggio, per non parlare della cancellazione del divieto di colpire con le armi in profondità nel territorio russo. E tutto questo il giorno prima dell’inizio del summit di Washington per l’anniversario della NATO, dove i leader occidentali celebreranno come l’Alleanza li ha “salvati” dal ripetersi di un’altra guerra mondiale. Leggi la reazione degli alleati e dei partner dell’Ucraina, e come dovrebbe essere, nell’articolo di TSN.ua.

“Colomba della pace”: sanzioni all’Ungheria

Mentre l’Ucraina si sta riprendendo dal massiccio attacco missilistico russo che ha ucciso 28 persone, Putin stava partecipando a un incontro con i finalisti del concorso “È nella nostra famiglia”. Non si può discutere con il nome: è davvero “famiglia” per i russi: uccidere e mutilare, lanciare razzi contro ospedali ed edifici residenziali, compiere un vero e proprio genocidio. Allo stesso tempo, il primo ministro ungherese Viktor Orbán, che sta cercando di presentarsi come la nuova “colomba della pace” europea, era a Pechino, dove si è recato subito dopo la sua visita a Mosca, dove ha nuovamente stretto la mano a Putin.

“Oggi il presidente Xi mi ha chiarito che la Cina continuerà i suoi sforzi volti a creare le condizioni per la pace. Non siamo soli! La missione di mantenimento della pace continuerà”, ha scritto il primo ministro ungherese Viktor Orbán sul social network X subito dopo la conferenza russa. attacco a Okhmatdyt” A Kiev. Fino alla sera di lunedì 8 luglio, sui social network di Orban non era apparso un solo post di solidarietà per l’Ucraina.

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che “l’Ucraina ora ha bisogno della difesa aerea e tutti i colpevoli dei crimini di guerra della Russia saranno consegnati alla giustizia”. Un post del genere in X è, ovviamente, buono. Ma la soluzione più efficace sarebbe la privazione della presidenza ungherese dell’UE, iniziata il 1 luglio e che durerà fino alla fine del 2024, insieme alla privazione del diritto di voto di Budapest nell’Unione europea per la sua aperta posizione filo-russa e la connivenza di Budapest. Crimini di guerra russi.

La valutazione più accurata delle azioni e del comportamento di Viktor Orbán in X è stata del deputato austriaco eletto al Parlamento europeo, il giornalista Helmut Brandstetter, che ha definito il primo ministro ungherese un “pagliaccio” e gli ha consigliato di “guardare la foto dell’ospedale pediatrico a Kiev e stai zitto.” Anche se in modo più moderato è intervenuto anche l’ambasciatore austriaco in Ucraina, Arad Bencko: “Questa volta è stato colpito l’ospedale pediatrico Okhmatdyt. L’Austria sostiene questo centro e molte delle sue filiali da molti anni. Si tratta di un’istituzione che si prende cura di neonati e bambini”. bambini. Questo attacco russo è puro terrore”.

L’ambasciatore tedesco in Ucraina Martin Jaeger, commentando il missile russo che ha colpito l’ospedale pediatrico di Okhmatdyt, ha affermato che “questo è l’aspetto della disponibilità della Russia ai negoziati e del suo desiderio di pace”. Queste sono parole molto appropriate, con le quali non si può discutere, perché, nonostante la dichiarazione di Putin sulla sua apparente disponibilità a parlare di qualcosa, ma senza un cessate il fuoco da parte dell’esercito russo e il ritiro delle truppe russe dall’Ucraina (su queste due condizioni , oltre a molti altri, ha letteralmente detto l’altro giorno il Cremlino “il Führer” – ndr), non vogliono la pace al Cremlino.

Allo stesso tempo, il vicepresidente del comitato VRU per la sicurezza nazionale, capo della delegazione ucraina presso l’Autorità Palestinese della NATO Yehor Chernev, ha ricordato che nonostante tutti questi terribili crimini di guerra, la Germania ha ancora paura di fornire all’Ucraina missili Taurus a lungo raggio ciò può danneggiare seriamente il ponte di Kerch.

“Hanno colpito di proposito Kiev con missili alla vigilia del vertice della NATO a Washington per dimostrare all’Occidente che non hanno paura di niente e di nessuno. E allo stesso tempo, l’Occidente ha paura di invitare l’Ucraina nella NATO. Lo fa. Non osano fornire la difesa aerea nella quantità richiesta. Ha paura di darci il permesso di colpire missili a lungo raggio sul territorio russo, ha paura di darci il Toro”, ha scritto Yehor Chernev su Facebook.

Vertice NATO: cosa dovrebbe fare l’Occidente

In una recente intervista alla ABC a cui Joe Biden è stato costretto a partecipare dopo il primo dibattito televisivo sulla CNN con Donald Trump (che si è rivelato un fallimento mediatico per Biden e il Partito Democratico) per dimostrare che poteva candidarsi alla presidenza, ha dichiarato:

“Sono stato io a fermare Putin.”

Sullo sfondo del bombardamento su larga scala dell’Ucraina, in particolare di Kiev, lunedì 8 luglio, nonché un giorno prima dell’inizio del vertice anniversario della NATO a Washington, che avrebbe dovuto essere quasi un trionfo del primo mandato presidenziale di Biden , la sua affermazione di aver “fermato Putin” non sembra molto appropriata. Durante questi due anni e mezzo, l’amministrazione Biden non solo non ha fermato la Russia, ma ha anche fatto di tutto per provocare Putin a un’aggressione ancora maggiore, fornendo all’Ucraina aiuti militari dosati. Inoltre, il blocco degli aiuti da parte di Trump e dei repubblicani a Kiev dal settembre 2023 all’aprile 2024 ha dimostrato chiaramente che la mancanza di armi occidentali in Ucraina non ha fatto altro che incoraggiare Putin a continuare la guerra.

Vertice della NATO. Ci stiamo davvero preparando alla guerra? “Non si può combattere la Russia con un esercito di 10 anni fa”

Al vertice NATO di Washington, l’Occidente dovrebbe compiere diversi passi per dimostrare la propria forza alla Russia:

  • fornire all’Ucraina un invito politico all’adesione;
  • annunciare l’avvio del sistema di difesa aerea integrato Ucraina-Polonia-Romania;
  • inviare il massimo numero di sistemi di difesa aerea e capacità a lungo raggio in Ucraina;
  • revocare il divieto di attacchi in profondità nel territorio russo.

Ma pochi mesi prima del vertice di Washington, la stampa scrisse che i leader occidentali avevano chiesto personalmente a Volodymyr Zelenskyi di non fare dichiarazioni dure, come avvenne al vertice della NATO dell’anno scorso a Vilnius. Inoltre, proprio gli Stati Uniti e la Germania si sono opposti al fatto che il comunicato finale del vertice dell’Alleanza di Washington non menzionasse “l’irreversibilità dell’adesione dell’Ucraina alla NATO”, di cui hanno scritto recentemente la CNN e Politico. Inoltre, anche prima, all’inizio di giugno, in un’intervista alla rivista Time , Joe Biden aveva affermato che “l’adesione dell’Ucraina alla NATO non è necessaria”.

TSN ua ha più volte scritto che tali dichiarazioni non sono altro che un tentativo di barattare l’adesione dell’Ucraina all’Alleanza, così come i territori ucraini attualmente occupati dalla Russia, con futuri negoziati con Putin, nei quali credono ancora i principali paesi occidentali.

Sono i nostri vicini (anche se non tutti) – Polonia e Stati baltici – a capire chi sono Putin e la Russia. Lunedì 8 luglio, il ministro degli Affari esteri della Lituania, Gabrielus Landsbergis, ha osservato che “Putin si congratula con il vertice della NATO bombardando un ospedale pediatrico, come se fosse necessaria una spiegazione sul perché l’Ucraina dovrebbe avere tutto il sostegno possibile adesso e reali garanzie di sicurezza per il futuro.” E il ministro degli Esteri lettone, Baiba Braje, ha scritto su X che “il macellaio del Cremlino attacca bambini, madri, medici e insegnanti”.  

Ma dall’ambasciatore americano in Ucraina, Bridget Brink, gli ucraini hanno sentito solo “di impegni significativi” da parte dei leader occidentali, che l’Ucraina riceverà al vertice NATO di Washington. Tuttavia, in realtà, Kiev non riceverà alcuna garanzia effettiva che ci salverebbe dalla ripetizione dei terribili crimini di guerra russi. Anche gli Stati Uniti nutrono ancora dubbi sulla possibilità di dotare l’Ucraina di ulteriori sistemi Patriot.

Lunedì 8 luglio, a Varsavia, prima di recarsi al vertice della NATO a Washington, dove è stato firmato l’accordo di sicurezza tra Polonia e Ucraina, Volodymyr Zelenskyi ha dichiarato che esso prevede lo sviluppo di un meccanismo che consenta alla Polonia di abbattere i missili russi e droni lanciati nello spazio aereo dell’Ucraina in direzione della stessa Polonia. Stiamo conducendo negoziati simili con la Romania. Tuttavia, in pratica, ciò richiede anche l’approvazione della NATO, e nemmeno l’Alleanza è ancora pronta per una simile decisione politica. Forse il vertice NATO di Washington cambierà qualcosa, soprattutto dopo le terribili conseguenze dell’ennesimo crimine di guerra da parte dei russi.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles