14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Un aereo passeggeri proveniente dalla Russia è stato avvistato sopra l’Ucraina: di cosa si trattava (video)

Un aereo passeggeri proveniente dalla Russia è stato avvistato sopra l’Ucraina: di cosa si trattava (video)

Come ciò sia possibile e quando gli ucraini aspetteranno l’apertura dello spazio aereo e quanto sia realistico in generale nelle condizioni di una guerra su vasta scala – nell’esclusiva TSN.ua. Un aereo passeggeri proveniente dalla Russia è stato avvistato sopra l’Ucraina: di cosa si trattava (video) Perso o davvero volato? Un aereo passeggeri è stato avvistato nello spazio aereo dell’Ucraina . È vero, russo. Nei social network scrivono che si trattava di un Boeing 777 – volo Mosca-Antalya. Come ciò sia possibile e quando gli ucraini aspetteranno l’apertura dello spazio aereo e quanto sia realistico in generale nelle condizioni di una guerra su vasta scala – nell’articolo esclusivo della giornalista Victoria Hnatiuk TSN.ua.

Contenuto

  1. Un aereo passeggeri russo è volato in Ucraina?
  2. Altri aerei sono già volati in Ucraina? 
  3. Quando si “aprirà” il cielo ucraino?
  4. Perché i voli sono importanti per l’Ucraina? 
  5. Ripresa del traffico aereo: non puntuale?
  6. Le trattative sono già in corso? 
  7. Ci sono già persone disposte a volare! 
  8. Non ci sono scadenze, ma accadrà nel 2024? 
  9. Condizioni per il rinnovo dei collegamenti aerei 
  10. Una sorpresa per il nemico! 
  11. Israele viene dato da esempio all’Ucraina! Ma perché non può essere così nel nostro Paese?
  12. Il problema verrà risolto quest’anno?!

Un aereo passeggeri russo è volato in Ucraina?

Un aereo passeggeri è stato avvistato nello spazio aereo dell’Ucraina. I social network hanno subito iniziato a strombazzare che si trattava di un Boeing 777 – volo Mosca-Antalya. Osserva che l’aereo è entrato nello spazio aereo della regione di Kharkiv in direzione di Bakhmut. In condizioni di guerra, un evento del genere sembra fantastico e molto rischioso da parte del pilota. Come è potuto accadere? – hanno spiegato gli esperti. Non escludono che il programma di tracciamento del volo dell’aereo possa semplicemente fallire a causa degli ERB. Tuttavia, come è potuto accadere che l’aereo e la sua direzione di movimento siano visibili sul radar di volo –  lo   ha scoperto 

“Ciò è improbabile in condizioni di guerra. Forse si è verificato un errore nelle letture sul radar di volo, perché è del tutto possibile in quest’area. E questo, molto probabilmente, è un errore. Perché cos’è un radar di volo – è è un programma che raccoglie informazioni da tutta questa regione e in esso ora funzionano molti EW (guerra radioelettronica) e altre apparecchiature Quindi preferirei spiegarlo come un fallimento nel programma Perché nessun pilota sobrio di a una nave civile volerebbe lì”, ha detto Andriy Huk, un esperto di diritto aeronautico. 

Boeing 777 / Foto: compagnia aerea
Boeing 777 / Foto: compagnia aerea Transaero

Altri aerei sono già volati in Ucraina? 

Allo stesso tempo, questo “volo” non può essere spiegato nemmeno dal maltempo – dice l’esperto, anche se durante la guerra su vasta scala c’erano già casi in cui aerei passeggeri volavano nello spazio aereo dell’Ucraina, ma ciò è accaduto nella parte occidentale del nostro Paese. Quindi il pilota ha provato a aggirare il temporale in questo modo ed è volato nel nostro territorio. “In questo caso, una deviazione così grande è improbabile a causa delle condizioni meteorologiche. Deve trattarsi di un temporale così grande, che semplicemente non si è verificato prima in natura. È improbabile”, ha chiarito l’esperto.

Andriy Huk ha aggiunto che i piloti dell’aviazione civile del paese aggressore hanno rotte specifiche su cui volano, ad esempio, sopra Rostov. “Ma il fatto che il pilota del Boeing abbia volato in direzione di Bakhmut è improbabile. Piuttosto, si è trattato di un fallimento del programma a causa dell’utilizzo di attrezzature militari ed EW che si trovano lì. Coprono l’intera regione da tutti i lati, quindi questo è la spiegazione più probabile”, ha concluso.

Quando si “aprirà” il cielo ucraino?

Nel frattempo, in Ucraina, di tanto in tanto, le conversazioni sulla possibilità di riprendere i voli civili sono diventate più frequenti. All’inizio dell’anno, TSN.ua ha scoperto quanto sia realistico ripristinare il traffico aereo in condizioni di guerra. Poi uno dei funzionari ha assicurato che: “Stiamo lavorando molto intensamente per ripristinare il traffico aereo in Ucraina” e ha aggiunto che ciò sarà fatto senza fallo. Rostyslav Shurma ha precisato che per quanto riguarda la ripresa dell’attività degli aeroporti ucraini si stanno valutando le opzioni di Kiev, Lviv e Uzhgorod, ma “l’obiettivo principale” è l’aeroporto di Boryspil.

Il funzionario non ha fornito termini specifici per la ripresa dei voli, affermando solo la disponibilità di una road map interna e di orari. Egli ha inoltre osservato che la quota del lavoro dell’Ucraina in questa materia non supera il 20%. Ha affermato che la possibilità di riprendere il traffico aereo dipende dalle decisioni dei partner internazionali, dei regolatori indipendenti e delle compagnie assicurative. E alla domanda se l’Ucraina sarà in grado di garantire la sicurezza fisica dei voli, Rostislav Shurma ha osservato: “La nostra squadra e l’esercito stanno collaborando strettamente con i colleghi israeliani per studiare la loro esperienza. Siamo assolutamente sicuri che avremo successo”. Tuttavia, l’aeroporto internazionale di Boryspil ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del funzionario dell’OP. Hanno notato che dall’inizio della guerra stanno lavorando per garantire che l’aeroporto e i suoi dipendenti siano pronti per un’eventuale ripresa dei voli, e ciò sarà possibile non appena la situazione di sicurezza lo consentirà.

Andrzej Duda è apparso al funerale del soldato 21enne Mateusz Sitek. Un gesto unico da parte del presidente

Perché i voli sono importanti per l’Ucraina? 

Secondo l’esperto di aviazione Kyryll Novikov, le tesi espresse dal vice capo dell’ufficio del presidente non riguardano solo l’aviazione, ma anche il miglioramento dei collegamenti di trasporto tra l’Ucraina e l’Unione europea in generale. Soprattutto alla luce del fatto che il trasporto merci via terra viene occasionalmente bloccato ai confini con Polonia e Romania a causa di alcune difficoltà burocratiche e interstatali.

“In questo contesto, l’apertura dei cieli sta diventando sempre più urgente, nonostante le ostilità attive e gli attacchi missilistici. E in questo argomento, la questione dei rischi assicurativi è molto importante. Dopotutto, i proprietari dell’aviazione passeggeri e gli aerei cargo non sono tanto compagnie aeree, ma piuttosto noleggiatori. E qualsiasi aereo è assicurato da una terza parte, una compagnia assicurativa che ha determinati requisiti di sicurezza e l’Ucraina al momento non può soddisfare pienamente questi requisiti perché l’aggressione continua contro di noi. e anche nel cielo”, notò lui. 

Un’altra domanda ancora senza risposta è quale aeroporto verrà scelto per operare in caso di ripresa del traffico aereo. “Naturalmente, l’aeroporto di Lviv è il più preparato in termini di infrastrutture nell’ovest del paese, e l’aeroporto di Boryspil è al centro. L’aeroporto di Odessa sta crollando a causa dei continui bombardamenti e attacchi di Shahedov. Da un lato, Kiev è meglio protetto dai sistemi di difesa aerea, ma è costantemente nel mirino del nemico. Ecco perché è importante che le compagnie aeree e gli assicuratori si assumano tali rischi e che i proprietari degli aerei forniscano loro voli in tali condizioni”, afferma. Novikov.

Ripresa del traffico aereo: non puntuale?

Altri esperti hanno affermato che non è ancora opportuno riprendere il lavoro dell’aviazione civile, poiché la situazione della sicurezza non è migliorata. Come l’anno scorso, il territorio dell’Ucraina e il suo spazio aereo rientrano nelle zone di conflitto ad alto rischio per la sicurezza aerea. Secondo l’esperto militare Oleg Zhdanov non è il momento giusto per parlare del possibile ripristino del traffico aereo. 

“Chi accetterà ora di salire a bordo di un aereo che può essere abbattuto con un’alta probabilità da un missile russo? O dal nostro missile, se ci fosse un massiccio attacco da parte del nemico e la difesa aerea fosse costretta a lavorare su obiettivi. un aereo si troverà nella zona del danno e anche il suo sistema “proprio-alieno” non salverà. In tali condizioni, nessuno darà una garanzia di sicurezza al 100% e chi accetterà di assicurare gli aerei e la vita dei passeggeri”, dice Zhdanov.

Le trattative sono già in corso? 

E di tanto in tanto compaiono conversazioni sull’apertura del traffico aereo in Ucraina, a volte “scompaiono”. Tuttavia, se confrontiamo il quadro del 2022 con quello attuale, il quadro è cambiato radicalmente e i cieli ucraini sono dominati dalle forze armate. Sebbene il pericolo non sia ancora passato, il governo ha valutato seriamente se sia possibile aprire il cielo anche ad altri. A marzo, l’allora ministro per lo Sviluppo comunitario, i territori e le infrastrutture, Oleksandr Kubrakov, aveva affermato che l’Ucraina stava conducendo trattative per ottenere tutti i permessi necessari. 

Ci sono già persone disposte a volare! 

Ma con chi vuole volare da e per l’Ucraina, ha detto Kubrakov, sicuramente non ci saranno problemi. Le principali compagnie aeree del mondo sono già in difficoltà e hanno persino contattato i rappresentanti del governo.

Non ci sono scadenze, ma accadrà nel 2024? 

Tuttavia, nessuno ha nominato i termini esatti. In realtà, Kubrakov, che ha interrotto l’argomento con la sua dichiarazione sull’avvio dei negoziati con i regolatori, ha affermato di non poter nominare i termini. E l’ex segretario dell’NSDC, Oleksiy Danilov, ha annunciato nel marzo dello scorso anno che era nel 2024 che “questa questione uscirà definitivamente da una situazione di stallo”. Ma in realtà nessuno sa ancora quando sarà possibile riprendere i voli. La loro necessità è dichiarata sia nella Presidenza che nel Gabinetto dei Ministri. In effetti, semplificherebbe notevolmente sia il trasporto merci che il traffico passeggeri. 

Condizioni per il rinnovo dei collegamenti aerei 

Ma attualmente non esiste tale possibilità. Dopotutto, per riprendere i voli: l’Ucraina deve garantire la sicurezza sul proprio territorio. È diritto sovrano di un Paese chiudere i cieli per i voli o aprirli; ma è anche responsabilità dei regolatori degli Stati Uniti e dell’Unione Europea dare il permesso, perché hanno il diritto di assicurarsi che gli aerei che andranno da o verso il loro paese non diventino un bersaglio per un attacco da parte dei russi, inoltre, le compagnie aeree devono stipulare un’assicurazione e le compagnie assicurative devono dare l’autorizzazione per il volo

Michał è scomparso 24 anni fa. Ora è stato trovato un biglietto sulla tomba dei miei genitori. Ci sono nuove scoperte

Anche prima dell’inizio di una guerra su vasta scala, la notizia che la Russia stava preparando un’invasione ha spinto alcune compagnie di assicurazione a cancellare i voli per l’Ucraina. E questo prima degli attacchi missilistici. Ora sarà estremamente difficile ottenere un’assicurazione. Allo stesso tempo, il vicepresidente della commissione parlamentare per i trasporti e le infrastrutture Volodymyr Kreidenko ha ipotizzato che il prezzo e i rischi saranno così alti che per gli ucraini semplicemente non sarà redditizio volare. 

“Sono necessarie negoziazioni con assicuratori e compagnie aeree internazionali. Non penso che molti di loro avranno il desiderio di assicurare aerei e volare negli aeroporti ucraini durante la guerra. Se è ancora possibile negoziare con una delle compagnie aeree o assicuratori, allora i rischi del volo per l’Ucraina sono alti e lo includeranno sicuramente nel prezzo dei biglietti”, ha spiegato Kreidenko. 

Una sorpresa per il nemico! 

Bohdan Dolintse, esperto di sviluppo del mercato aeronautico, è più ottimista. Ne è sicuro: i principali contendenti per l’apertura sono Kiev, Lviv e Uzhhorod. “Dipenderà dalla misura in cui ciascun aeroporto dimostrerà la propria preparazione e confermerà all’autorità di regolamentazione dell’aviazione di disporre di personale addestrato, dei rifugi necessari, di essere preparati e di poter agire correttamente. Ciò può essere confermato solo da un audit appropriato,” Dolintse dice.

Ed è qui che emerge un altro aspetto significativo e inseparabile della vita degli ucraini: l’alloggio. È con i rifugi per i civili che possono sorgere problemi, dice l’esperto di aviazione Oleg Bondar: i passeggeri dovrebbero rimanere nei terminal. Tuttavia, se suona un allarme aereo, tutti dovrebbero recarsi al rifugio e il volo dovrebbe essere ritardato. Inoltre, Bondar ritiene che l’apertura degli aeroporti aumenterà le minacce. Questo è un gruppo di persone che possono diventare il bersaglio di un attacco missilistico nemico. “La “pre-apertura” delle merci o dei trasporti umanitari sembra essere la soluzione più opportuna. Questo è il primo momento… È impossibile parlare di sicurezza al 100%”, ha detto Bondar. 

Israele viene dato da esempio all’Ucraina! Ma perché non può essere così nel nostro Paese?

Allo stesso tempo, l’ex ministro Kubrakov non ha chiarito se è prevista l’apertura dei voli passeggeri o se si tratta solo di voli limitati. Tuttavia, il Consiglio dei Ministri ha già inviato ufficialmente le sue proposte alle autorità di regolamentazione straniere. Va notato che già l’anno scorso il rapporto dell’Organizzazione europea per la sicurezza della navigazione aerea affermava che il divieto di volo in Ucraina potrebbe durare fino al 2029. A quel tempo, i funzionari ucraini erano indignati e dichiararono che intendevano riprendere il traffico aereo subito dopo la guerra. Quest’anno Eurocontrol ha dichiarato nel suo rapporto: “è impossibile prevedere quando finiranno le ostilità in Ucraina e quando il suo spazio aereo riaprirà. L’esperienza di Israele, in cui l’aviazione passeggeri opera durante la guerra, è spesso citata come esempio per l’Ucraina”. È stato menzionato anche dal signor Kubrakov. Tuttavia, a differenza della Russia, Hamas non dispone di armi militari moderne. Molto spesso, Israele viene attaccato con missili che hanno una gittata di soli 10 km. Inoltre, avendo un piccolo territorio, questo paese ha creato un sistema di difesa aerea multistrato “Iron Dome”. L’Ucraina, purtroppo, non ha la capacità di proteggere nemmeno tutti i centri regionali dagli attacchi missilistici. Israele ha anche installato un sistema di difesa aerea sugli aerei passeggeri. L’Ucraina, purtroppo, è ancora lontana da tale protezione. 

Il problema verrà risolto quest’anno?!

Gli interlocutori del governo sottolineano che la questione dell’apertura dell’aeroporto può essere risolta già quest’anno. Allo stesso tempo, funzionerà uno specifico corridoio aereo protetto dalla difesa aerea. Il compito: garantire che l’aereo, decollato in Ucraina, entri nello spazio aereo sicuro – nell’UE – per la via più breve. Il governo ha ufficialmente rifiutato di nominare l’aeroporto, che ora è considerato il più accettabile, per motivi di sicurezza, e anche dopo l’apertura dell’aeroporto non vale la pena aspettarsi che gli ucraini possano utilizzare appieno il trasporto aereo durante la guerra. Fino alla fine della guerra i rischi per la sicurezza rimarranno elevati e il costo dei voli aumenterà notevolmente a causa delle condizioni assicurative. Tuttavia, l’opportunità di superare rapidamente le distanze è attesa da tempo, quindi l’apertura dell’aeroporto in uno dei formati limitati potrebbe avvenire presto. 

Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles