14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

La Russia ha inferto un duro colpo all’Ucraina: Zhdanov ha spiegato perché metà dei missili non potevano essere abbattuti

La Russia ha inferto un duro colpo all’Ucraina: Zhdanov ha spiegato perché metà dei missili non potevano essere abbattuti

La Russia ha inferto un duro colpo all’Ucraina. Di notte si sono verificate esplosioni nelle regioni di Khmelnytskyi e Kiev. La Russia ha lanciato un massiccio attacco contro l’Ucraina nella notte del 14 giugno. Il nemico ha lanciato 17 droni d’attacco e 14 missili di vario tipo. Sfortunatamente, metà dei missili hanno raggiunto i loro obiettivi. L’esperto militare Oleg Zhdanov ha spiegato in un commento sul sito TSN.ua dove mirava l’esercito russo e perché non tutti i missili sono stati abbattuti . Secondo lui, la Russia ha attaccato ancora una volta intenzionalmente una struttura militare nella regione di Khmelnytskyi.

“Come l’ultima volta, c’è stato un tentativo di attaccare l’aeroporto. Molto probabilmente, ciò è dovuto al fatto che da qualche parte durante l’avvicinamento gli aerei F-16 bussano alla porta. La Russia sta cercando di distruggere il più possibile l’aerodromo e i suoi sistemi componenti. Puoi danneggiare l’attrezzatura lì, ma è impossibile distruggere l’aerodromo stesso con tali incursioni. Tuttavia, hanno scelto questa tattica e, forse, ci sarà una continuazione . Abbiamo più di un aeroporto, più di una dozzina. E se si contano quelli provenienti dall’Unione Sovietica, ce ne sono più di 20″, ha detto Oleg Zhdanov. Ha notato che tre missili da crociera, tre missili balistici e un missile aerobalistico hanno raggiunto i loro obiettivi.

“Abbiamo mancato solo tre missili da crociera e, sfortunatamente, tutti i missili balistici hanno mancato il bersaglio. Il fatto è che nella regione di Khmelnytsky non esistono sistemi Patriot o SAMP/T per intercettare questi missili. Intercettiamo questi missili solo nelle città in cui si trovano i complessi. I missili da crociera mancarono il bersaglio perché provenivano da tutte le direzioni. Hanno cambiato traiettoria, sparpagliati. Non è possibile coprire da tutti i lati nemmeno le strutture militari, a causa della grande carenza di mezzi di difesa aerea”, ha spiegato l’esperto militare. Oleg Zhdanov afferma che l’unica differenza tra gli ultimi attacchi russi all’Ucraina è il rapporto tra i tipi di missili e la direzione da cui vengono lanciati

Michał è scomparso 24 anni fa. Ora è stato trovato un biglietto sulla tomba dei miei genitori. Ci sono nuove scoperte

“Le tattiche di sciopero sono più o meno le stesse. Questa è una sconfitta simultanea da parte di entrambi gli “shaheda”, i missili da crociera e la balistica. Stanno cercando di effettuare un attacco combinato con mezzi diversi, da direzioni diverse, “Shahed” va a una velocità fino a 200 km all’ora, un missile da crociera – da 650 km all’ora, e “Kinjal” o “Iskander”. vanno a una velocità pari a 2,5 della velocità del suono, cioè sono supersonici. L’orario di lancio viene indovinato in modo tale che tutti questi razzi arrivino al bersaglio più o meno nello stesso momento, il più vicino possibile. In modo che la difesa antiaerea possa essere sovraccaricata e ottenere il massimo effetto da questo attacco”, ha detto l’esperto militare.

Vi ricordiamo che nella notte di venerdì 14 giugno la Russia ha lanciato un attacco missilistico e aereo contro l’Ucraina . Il nemico ha utilizzato vari tipi di razzi e UAV di tipo Shahed. Le forze di difesa aerea hanno distrutto sette missili e 17 droni. In totale, la Federazione Russa ha rilasciato 31 bersagli aerei. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles