14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Le famiglie dei soldati ucraini uccisi o imprigionati del reggimento Azov lanciano un appello da Auschwitz al mondo per chiedere aiuto ai loro cari e all’Ucraina. Fotografie

Le famiglie dei soldati ucraini uccisi o imprigionati del reggimento Azov lanciano un appello da Auschwitz al mondo per chiedere aiuto ai loro cari e all’Ucraina. Fotografie

Le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati del reggimento Azov, divenuto famoso per aver difeso Mariupol e altre formazioni che combattevano in difesa dell’Ucraina attaccata dalla Russia, hanno rivolto a Oświęcim una richiesta alla comunità mondiale per il sostegno affinché i loro cari possano tornare a casa dalla prigionia russa.

Famiglie di soldati ucraini ad Auschwitz

Per un gruppo di oltre 70 persone, soprattutto donne, l’arrivo a Oświęcim nell’ambito della campagna “Salvate i prigionieri ucraini o la guerra” è una delle tappe del viaggio attraverso i paesi europei fino alla Svizzera. Nel frattempo, vogliono fare appello alle organizzazioni mondiali, inclusa la Croce Rossa Internazionale, per chiedere aiuto ai propri cari imprigionati dalla Russia.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

– Ci auguriamo vivamente che grazie a questo sostegno coloro che sono riusciti a sopravvivere possano tornare a casa – hanno detto le donne ucraine a Oświęcim, sottolineando che ciò vale anche per i civili, molti dei quali sono stati fatti prigionieri in Russia.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

Hanno sottolineato la portata della crudeltà che i loro mariti, figli e fratelli sperimentano per mano dei russi, cosa difficile da immaginare. Il loro testimone oculare è stato Ilia, un soldato ucraino che ha accompagnato le famiglie ucraine ed è riuscito a fuggire dalla prigionia. Prende parte a questo sforzo per dire al mondo la verità su ciò che la Russia sta facendo con i prigionieri ucraini. – Cura della fame, della tortura, dell’elettroshock. Non ci trattavano come persone, disse Ilia, alla quale i russi, tra gli altri, si sono bruciati la mano.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

Le organizzazioni ucraine stanno documentando tutti questi crimini in modo che il mondo intero possa venirne a conoscenza. La loro portata non è del tutto nota, così come il numero degli ucraini prigionieri in Russia, perché l’aggressore nasconde questi dati.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

Una richiesta alla comunità mondiale da Oświęcim

La scelta di Oświęcim non è stata casuale. Prima dell’incontro presso il Centro per il dialogo e la preghiera, le famiglie dei soldati ucraini hanno visitato l’area dell’ex campo di concentramento e di sterminio nazista tedesco di Auschwitz-Birkenau. – Non possono esserci più posti come questo nel mondo – hanno detto le donne ucraine.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

All’incontro ha partecipato il vicesindaco di Oświęcim, Krzysztof Kania, il quale ha ricordato che gli abitanti di Oświęcim sostengono l’Ucraina, compresa la città partner Sambor, dall’inizio dell’aggressione russa. Attualmente la città, insieme ai suoi partner di altri paesi, sta sviluppando altri due progetti di aiuto per l’Ucraina.

Durante l'incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno fatto appello alla comunità mondiale per chiedere sostegno nella liberazione dei loro cari.
Durante l’incontro ad Auschwitz, le famiglie dei soldati ucraini uccisi e imprigionati hanno chiesto aiuto alla comunità mondiale per liberare i loro cari dalla prigionia russa

Uno degli organizzatori dell’incontro è stato Krzysztof Adamski, un imprenditore di Oświęcim, che insieme all’associazione HOPE organizza e viaggia da 2 anni e mezzo in Ucraina con trasporti umanitari.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles