14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Nuove norme sulle armi alla frontiera. Ci sono i primi avvertimenti. “Spirale di violenza”

Nuove norme sulle armi alla frontiera. Ci sono i primi avvertimenti. “Spirale di violenza”. Uno dei cambiamenti principali riguarda le circostanze in cui l’uso di un’arma da parte di un soldato non costituirà un crimine.

Nuove norme sulle armi alla frontiera. Donald Tusk ha annunciato l’introduzione di nuove norme applicabili ai soldati in servizio al confine con la Bielorussia. Uno dei cambiamenti principali riguarda le circostanze in cui l’uso di un’arma da parte di un soldato non costituirà un crimine. Ciò, a sua volta, solleva preoccupazioni tra le organizzazioni umanitarie che operano al confine. Durante la conferenza stampa dopo l’incontro del governo a Białystok, Donald Tusk ha annunciato un progetto di nuove norme sull’uso delle armi da parte dei soldati.

– Abbiamo un progetto di legge che modifica la legge sulla difesa nazionale e alcune altre leggi – ha detto. – Vogliamo che i soldati non si sentano sopraffatti da queste circostanze giuridiche, il che non significa che saranno esentati dall’obbligo di obbedire alla legge – ha sottolineato. Secondo loro, un soldato potrà usare le armi se le circostanze richiedono un’azione immediata. I dettagli delle nuove norme si trovano nel testo: I soldati spareranno più spesso ai migranti? Tusk calcolò quando avrebbero potuto usare le armi . 

Nuove norme sull’uso delle armi da parte dei soldati. C’è qualche rischio

Gazeta.pl ha parlato con Marysia Złonkiewicz della Fondazione Polska Gościnność/Chlebem i Solą, che organizza il sostegno ai rifugiati e ai migranti, delle preoccupazioni legate all’introduzione dei cambiamenti proposti dal governo. – Siamo consapevoli della situazione di tensione alla frontiera e delle provocazioni dei servizi bielorussi e dei trafficanti ad essi associati. Costringono i migranti a prendere d’assalto il confine e a intraprendere altre azioni che mettono in pericolo non solo gli ufficiali polacchi, ma espongono anche i migranti stessi alla violenza da parte degli ufficiali polacchi. Tali azioni sono contrarie agli interessi dei migranti stessi, il cui obiettivo è vivere in sicurezza in Europa. Le persone con cui parliamo nella foresta si rendono conto che lanciando pietre e rami oltre il confine non fanno altro che peggiorare la loro situazione. Il loro rifiuto provoca violenza da parte dei servizi bielorussi e delle persone ad essi subordinate. Sentiamo di persone che gli spezzano le braccia, li attaccano con i cani, li picchiano e minacciano di stuprarli, ha detto. 

– Temiamo che l’aumento dell’autorizzazione all’uso delle armi da parte dei soldati, con la contemporanea mancanza di formazione nella gestione dello stress in una situazione dinamica e senza l’uso di telecamere indossate sul corpo, si traduca nell’abuso delle armi, nello sviluppo del senso di impunità e una spirale di violenza, e metterà in pericolo i civili che vengono sfruttati strumentalmente dal regime di Lukashenko – ha aggiunto. 

Una zona cuscinetto al confine aiuterà i migranti? “Eravamo spaventati” 

Il Primo Ministro ha inoltre annunciato un regolamento che introduce il cosiddetto zona cuscinetto al confine con la Bielorussia . Marysia Złonkiewicz della Fondazione Polska Gościnność/Chlebem i Solą in un’intervista a Gazeta.pl sottolinea che ciò può influenzare due cose : la fornitura diretta di aiuto umanitario, legale e medico e il monitoraggio della situazione e il rispetto dei diritti umani. – Secondo l’art. 12b (della legge sulla protezione dei confini di Stato, a cui fa riferimento il regolamento – ndr), l’autorizzazione ad entrare nella zona designata sarà rilasciata dal comandante della struttura responsabile della zona interessata. Il permesso sarà valido solo nella zona sotto la giurisdizione di una determinata struttura, ha spiegato. – Temiamo che, come di recente, le organizzazioni che forniscono assistenza umanitaria, medica e legale non riceveranno il permesso di rimanere e fornire aiuti in quest’area. Sappiamo che più ci si avvicina al confine, più questo aiuto è cruciale, perché la maggior parte delle persone è lì, ha aggiunto. 

– Inoltre, introducendo il cosiddetto L’accesso alla zona cuscinetto sarà interrotto alle organizzazioni e alle persone che dovrebbero monitorare il comportamento dei servizi, e anche l’accesso ai media sarà interrotto, ha detto Złonkiewicz. – Recentemente, gli attivisti sono riusciti a registrare un breve materiale che documentava il respingimento delle persone che necessitavano di assistenza medica. Ciò è stato possibile solo perché gli attivisti potevano restare vicini alla recinzione. Temiamo che, secondo i presupposti di questo regolamento, venga impedita la presenza e l’attività di persone che potrebbero essere testimoni di ulteriori violazioni dei diritti umani. Tagliando l’accesso dei media alla zona, l’opinione pubblica dovrà fare affidamento sulle informazioni fornite dal governo, ha aggiunto.

Perché non tutti i migranti si dirigono ai valichi di frontiera? L’attivista traduce

Nelle discussioni sulla situazione alla frontiera, spesso ci si chiede perché i migranti non si recano ai valichi di frontiera legali. Come spiega Marysia Złonkiewicz, la questione non è così semplice. – Il dittatore bielorusso Lukashenko ha incoraggiato i migranti ad arrivare per fare pressione sulla Polonia e sull’Unione Europea. Li ha tentati con una via sicura verso l’Europa, ma il suo vero obiettivo non è né facilitare l’accesso alla procedura europea di asilo né garantire la sicurezza dei rifugiati. Sono trattati solo strumentalmente dal regime bielorusso per scopi politici, ha sottolineato.

Incidente pericoloso vicino a Cracovia. L’autista è svenuto. Un insegnante ha evitato un incidente ad un autobus pieno di studenti

– Attualmente è aperto solo un valico di frontiera con la Bielorussia – a Terespol. L’accesso a questo valico di frontiera è controllato dai bielorussi ed è quindi molto difficile. Abbiamo sentito di persone che hanno chiesto il permesso di lasciare la Bielorussia, sono riuscite ad ottenerlo e sono state autorizzate ad entrare in Polonia. Ma anche lì nell’aprile di quest’anno. La guardia di frontiera polacca ha rifiutato l’ingresso a due donne, un adolescente e un uomo provenienti dalla Siria, dal Camerun, dall’Afghanistan e dall’Iraq dopo che avevano già superato il controllo passaporti bielorussi e avevano lasciato il territorio della Bielorussia. Pertanto, questa non è una procedura affidabile per un ingresso sicuro nell’Unione europea, ha spiegato l’attivista. 

– Le persone che vengono in Bielorussia si trovano in situazioni molto diverse e hanno diversi livelli di conoscenza. Molte persone non si rendono nemmeno conto che è possibile recarsi al valico di frontiera, perché dopo essere arrivati ​​a Minsk vengono immediatamente indirizzati al sistema, la zona di frontiera militarizzata bielorussa, dalla quale non possono tornare in Bielorussia, ha aggiunto. – Allo stesso tempo, sottolineo che secondo la legge, per presentare domanda di protezione internazionale è sufficiente trovarsi in Polonia e ciò non dipende in alcun modo dalla modalità di attraversamento della frontiera, e che utilizzando i respingimenti La Polonia viola il diritto internazionale ed espone i migranti alla violenza delle autorità bielorusse e dei trafficanti che collaborano con loro, ha sottolineato Złonkiewicz. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles