14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

“Due mesi saranno i più difficili”: esperto di scenari di guerra, mobilitazioni e cosa sta progettando Putin

“Due mesi saranno i più difficili”: esperto di scenari di guerra, mobilitazioni e cosa sta progettando Putin

“Due mesi saranno i più difficili”. Il tenente generale ha spiegato da cosa dipende la situazione al fronte e perché abbiamo bisogno del Comitato di guerra. La guerra in Ucraina , scatenata contro di noi dalla Russia, continua. Dovremmo aspettare cambiamenti globali al fronte, quali saranno gli scenari futuri della guerra, dove esattamente il nemico passerà all’offensiva, cosa accadrà alla smobilitazione e quali cambiamenti sono necessari per la mobilitazione. Ihor Romanenko , esperto militare, tenente generale in pensione e vice capo di stato maggiore (2006-2010), ne ha parlato in un’intervista a TSN.ua.

I mesi più difficili sono ancora davanti

– Quali sono le opzioni per la continuazione della guerra per l’Ucraina, cosa accadrà sul fronte nei prossimi mesi?

– C’è tutta una serie di questioni da cui dipende l’ulteriore sviluppo della guerra e, più precisamente, se sarà positivo o negativo per l’Ucraina. La guerra si basa su leggi oggettive che la influenzano. Pertanto, il successo o meno dipende dalla garanzia delle azioni di entrambe le parti che vi partecipano. Ora il nemico avanza senza sosta. E in questa situazione possiamo vedere chiaramente quale degli alleati ci sta aiutando e come . Perché da questo aiuto dipendono le ulteriori azioni delle Forze Armate. Non importa cosa, ma senza l’aiuto degli alleati non possiamo sconfiggere il nemico.

Posso dire che ci aspetta un periodo molto difficile:  aprile e maggio saranno decisivi . Questo è il momento in cui devono essere prese decisioni importanti. Ma la cosa più importante è che le promesse dei nostri alleati riguardo alla fornitura di armi e attrezzature militari diventino realtà. Dipendiamo da loro, perché il nostro equipaggiamento militare copre solo il 10% del fabbisogno delle Forze di Difesa dell’Ucraina. Pertanto, tutte le altre percentuali sono la salvezza per noi.

Mentre ci sono problemi con esso. Vediamo come si comportano gli americani: si nutrono solo di promesse . Naturalmente, l’Europa sta cercando di correggere la situazione il più possibile, ma lo sta facendo molto lentamente e l’Europa non ha il potenziale per bloccare completamente le possibilità in cui gli Stati Uniti possono aiutarci.

Cosa vuole Putin e come risponderemo

– La Federazione Russa approfitta di questa situazione e quindi intensifica l’offensiva al fronte?

– Putin sa e vede tutto questo molto bene. Ha un’intelligence ben coordinata, quindi il Cremlino è ben informato sulle nostre difficoltà. Il dittatore russo sta cercando di sfruttare al massimo questa situazione critica . Si concentra quindi sul fronte per ottenere almeno alcuni vantaggi nelle direzioni est e sud. E quando non ci sono cambiamenti al fronte, il nemico effettua attacchi aerei su città pacifiche. Ora il suo obiettivo sono le infrastrutture critiche dell’Ucraina .

Inoltre, la Federazione Russa sta preparando le riserve: si conoscono circa otto divisioni per un totale di 120mila unità . Putin sta reclutando coscritti nell’esercito. Cioè, il dittatore russo nelle condizioni di un’offensiva contro l’Ucraina recluta coscritti nell’esercito, e noi, al contrario, per qualche motivo mandiamo coscritti nella riserva, proprio quando ci stiamo ritirando e dobbiamo difenderci.

Putin sta preparando le riserve / © TSN.ua
Putin sta preparando le riserve / Foto: TSN.ua

Il nostro problema più grande è che sprechiamo tempo prezioso in chiacchiere . Durante i tre anni di guerra è apparso persino una sorta di “know-how” ucraino: una mobilitazione che non abbiamo effettuato in tempo durante una guerra su vasta scala. Questo non è mai successo nella storia. Per il quarto mese si discute soltanto del disegno di legge sulla mobilitazione. Per qualche ragione, rimandiamo continuamente, come se avessimo ancora molto tempo. Anche se il Parlamento approvasse il disegno di legge sulla mobilitazione la Verkhovna Rada lo ha approvato l’11 aprile ), purtroppo dovremo recuperare il tempo perduto.

E vale la pena ascoltare le dichiarazioni dei nostri comandanti in capo, non si limitano a gettare parole al vento. Permettetemi di ricordarvi che il generale Zaluzhny ha parlato della necessità di mobilitazione all’inizio dello scorso anno – anche allora ce n’era urgentemente bisogno, ma per qualche motivo non è stato ascoltato. Adesso il nuovo capo Sirskyi, che deve affrontare il compito più importante – fermare l’avanzata del nemico, è stato costretto a scrivere un appello per ritirare la questione della smobilitazione dal disegno di legge sulla mobilitazione , perché è impossibile effettuare la smobilitazione a contemporaneamente durante la mobilitazione. Sembrava essere ascoltato e questa domanda è stata messa da parte.

Perché la smobilitazione è stata rinviata e a cosa servono le riserve?

– Cioè, finché non sarà risolta la questione della smobilitazione?

– Tutte le questioni relative ai processi di smobilitazione dovrebbero essere sostituite da alcuni sgravi per i combattenti . Ad esempio, rotazione effettiva nella parte anteriore.

Per condurre ostilità attive, devono necessariamente aver luogo processi di rotazione. E l’esercito li usa parzialmente. Ma per effettuare una rotazione vera e propria, dobbiamo avere delle riserve, e non ci sono . Non abbiamo una riserva strategica, stiamo cercando di formarne solo una operativa. Pertanto, in tali condizioni, la smobilitazione è semplicemente inaccettabile.

In un momento simile, quando Putin raccoglie le forze e conduce la coscrizione per il servizio militare , abbiamo il contrario: a maggio appare un decreto sul rilascio dei coscritti nella riserva. Adesso non sarà possibile portarli nell’esercito per un anno. È chiaro che questi soldati sono in servizio da molto tempo, forse anche stanchi. Ma siamo obiettivi: ora è dura per tutti gli ucraini. Tuttavia, prestare servizio militare in una città di retroguardia è molto diverso dall’essere in prima linea. La parte più difficile è lì!

Naturalmente, i coscritti potrebbero essere rilasciati se ci fosse un sostituto per loro, ma non esiste alcun sostituto. Non esiste, soprattutto al fronte, e non esiste nemmeno nelle unità militari che si trovano in luoghi di schieramento permanente. Cioè, è incredibilmente difficile per noi in questo momento, siamo gravemente a corto di personale militare, ma stiamo inviando coscritti alla riserva , spiegandolo con qualsiasi cosa . Questo non ha senso.

Mobilitazione in Ucraina / © TSN.ua
Mobilitazione in Ucraina / Foto: TSN.ua

Perché è necessario il Comitato di Guerra alla Verkhovna Rada?

– Perché sta succedendo? Qual è il motivo?

– Guarda i membri del comitato di difesa della Verkhovna Rada. Trovate tra loro almeno un rappresentante delle Forze Armate . Non le forze di difesa dell’Ucraina, perché ci sono rappresentanti delle forze di sicurezza, della SBU. Solo il generale Mykhailo Zabrodsky era membro del Comitato, ma ritornò al servizio militare e la signora Bezugla rimase invece il vice capo del Comitato . Cos’è una sostituzione equivalente? Pertanto, tali decisioni…

Credo che molto tempo fa nella Verkhovna Rada si sarebbe dovuto formare un comitato di guerra , perché se si considerano le funzioni affidate ai membri del comitato di difesa, sono molto ampie, ma semplicemente non ci sono specialisti per risolvere i problemi esclusivamente delle Forze Armate dell’Ucraina e della condotta della guerra.

Sfortunatamente, durante gli oltre trent’anni di indipendenza dell’Ucraina, le questioni di sicurezza sono state gradualmente relegate nemmeno al secondo, ma da qualche parte al decimo o ultimo piano , perché non saremmo entrati in guerra con nessuno. Sebbene l’esercito e l’intelligence abbiano costantemente sottolineato e dimostrato i fatti, il pericolo rappresentato dai russi esiste ed è piuttosto significativo. All’inizio venne addirittura formato il Comando Operativo Nord, i cui rappresentanti sottolineavano anche il pericolo proveniente dalla Russia. Ma col tempo, i nostri leader politici hanno deciso di sciogliere il comando. Quali conseguenze ciò ha portato, ora lo vediamo.

Da quattro mesi i membri della Verkhovna Rada sollevano la questione della smobilitazione. Lì, per qualche motivo, non capiscono che durante la guerra la questione della smobilitazione non è tempestiva. Sì, la rotazione dovrebbe essere enfatizzata e dovrebbe essere di alta qualità, perché, ad esempio, a causa di una rotazione infruttuosa a Soledar, il nemico è riuscito a catturare la città. Ma per effettuare la rotazione in modo completo ed efficiente, è necessario avere persone che vengano a questa rotazione. E per questo la mobilitazione deve funzionare in modo chiaro.

Pertanto, consiglierei ai deputati di affrontare più a fondo le questioni relative alla mobilitazione e di non discutere l’argomento: se sia necessario attirare i dipendenti pubblici in primo piano. Perché nello stato in cui si trova ora il nostro Paese, tutto si riduce al fatto che la pubblica amministrazione e i dipendenti pubblici che fanno parte delle Forze di difesa ucraine devono tutti passare in prima linea . E solo dopo bisognerebbe dare loro un certo interesse per la prenotazione. Penso che tali cambiamenti legislativi siano necessari durante la guerra.

Mobilitazione in Ucraina / Collage TSN.ua / ©
Mobilitazione in Ucraina / Collage TSN.ua

Perché la mobilitazione “zoppica”.

– E come ti senti riguardo al lavoro dei rappresentanti del TCC e della JV? Per tutto il tempo si imbattono in alcuni scandali.

– Sì, le dichiarazioni del commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada dell’Ucraina si sentono sempre più spesso, dice che i rappresentanti del TCC e dell’SP catturano i civili per le strade e li spingono sugli autobus. E tutto questo sullo sfondo di quattro mesi di discussione del progetto di legge sulla mobilitazione. Ma penso che il problema non sia nel TCC e nel SP, non importa come si vedono i rappresentanti di questa struttura. Il fatto è che la questione di attrarre persone nell’esercito è proprio una funzione statale, non militare . E lo Stato ha semplicemente trasferito questa funzione a un rango inferiore.

Lo schema assomiglia a questo: il governo ha trasferito questa funzione al Ministero della Difesa, che, a sua volta, l’ha trasferita allo Stato Maggiore, che a sua volta l’ha trasferita al comando delle Forze di Terra. Ad esempio, questo è il tipo più numeroso di forze armate, quindi lascia che se ne occupino lì. Vorrei sottolineare che per più di 30 anni questa questione non è stata risolta, perché gli ex presidenti-comandanti supremi non l’hanno approfondita , dicono, non ce n’era bisogno. A cosa ha portato? Oleksandr Syrskyi era il comandante delle forze di terra due mesi fa. Cioè, lui, un generale combattente, che difendeva Kiev e Kharkiv, avendo l’inferno sotto Bakhmut e Soledar, doveva allo stesso tempo risolvere la questione della coscrizione. Beh, è ​​normale?

Scandali del TCC e problemi di mobilitazione in Ucraina / © TSN.ua
Scandali del TCC e problemi di mobilitazione in Ucraina / Foto: TSN.ua

– Cosa è cambiato adesso?

– Niente, se lo guardi dal punto di vista dell’organizzazione della mobilitazione. Il generale Pavlyuk ha preso il posto di Syrsky e adesso non puoi invidiarlo. Gli strumenti e gli approcci alla mobilitazione sono rimasti vecchi e la decisione sulla questione della mobilitazione spetta ancora al comando delle forze di terra. È in una situazione in cui il peso maggiore ricade su di loro, quando il nemico avanza e dobbiamo difenderci, che il comando militare delle forze di terra dovrebbe impegnarsi nella mobilitazione.

Lo Stato si limita a ripristinare queste funzioni e osserva cosa succede dopo. E chi cambierà questa situazione? Il comitato di difesa della Verkhovna Rada, che non ha nemmeno un rappresentante delle forze armate ? I rappresentanti dei comitati si recano al fronte solo occasionalmente. Ma per qualche ragione non sentono i soldati in prima linea che dicono che è impossibile liberare i coscritti, perché non ci sono abbastanza persone al fronte, abbiamo pesanti perdite.

– Allora chi dovrebbe essere coinvolto nella mobilitazione? Come cambiare la situazione?

– La questione della mobilitazione dovrebbe essere affrontata almeno dal Ministero della Difesa e, in generale, dal governo stesso. Durante la guerra, i militari dovrebbero combattere, non camminare per le strade alla ricerca di civili .

A proposito, tutte queste storie sugli autobus e sulla cattura di persone per strada non fanno altro che screditare le Forze Armate . Gli ucraini apprezzano e amano sinceramente i soldati che li proteggono al fronte. Ma siamo arrivati ​​al punto che hanno già paura delle persone in uniforme militare. Tuttavia, i militari sono costretti a girare per città e villaggi, per catturare lì qualcuno, che sarà determinato dalla Verkhovna Rada, che non si dà consigli su questioni militari.

Al fronte è necessaria una rotazione di qualità / © Associated Press
È necessaria una rotazione della qualità in primo piano / Foto: Associated Press

Scenario di guerra: loro noi o noi loro

– Ma cosa dobbiamo aspettarci dall’anteriore? Quali potrebbero essere gli scenari di guerra?

– Questi scenari dipendono da chi sarà il primo delle due parti a formare le forze necessarie che aiuteranno a completare i compiti. La questione Ruba è: o noi russi, oppure noi russi. Inoltre, i nostri compiti e le nostre opportunità sono diversi. Permettetemi di ricordarvi che la Russia sta conducendo un’operazione offensiva strategica dalla fine dello scorso anno. Il loro ritmo non è elevato, con pesanti perdite, ma stanno avanzando strategicamente .

L'esperto Ihor Romanenko sottolinea che bisogna respingere adeguatamente il nemico / ©
L’esperto Ihor Romanenko sottolinea che bisogna respingere adeguatamente il nemico

Rendendosi conto che le risorse accumulate si stanno esaurendo, Putin conduce un’ulteriore mobilitazione. La Federazione Russa modernizza e ripara attivamente l’equipaggiamento militare e lo fornisce al fronte. Inoltre, i russi continuano a ricevere UAV dall’Iran, missili, munizioni di artiglieria e molto altro dalla Corea del Nord. La Cina non fornisce direttamente armi alla Russia, ma segretamente per tutto questo tempo le fornisce componenti .

Cosa abbiamo? Sentiamo parlare solo di problemi al Congresso degli Stati Uniti e non otteniamo nulla. Anche se il presidente americano dispone di una leva che gli permette di fornire aiuti anche senza il Congresso . Ma non lo fa. È chiaro che non siamo né freddi né caldi da tali spiegazioni. Le storie sui problemi del Congresso sono più appropriate per gli elettori statunitensi. Per gli ucraini questo è da tempo fuori questione, perché sappiamo quale terribile prezzo paghiamo per ogni giorno di questa guerra .

Sì, l’Europa ci aiuta. E stiamo anche cercando di ottenere più armi dalle imprese dell’industria militare nazionale, ma i russi, usando l’intelligence, lanciano attacchi missilistici contro queste imprese . Stanno facendo tutto il possibile per impedirci di avviare la produzione di prodotti militari su larga scala. Ecco perché è abbastanza difficile delineare scenari per l’ulteriore sviluppo della guerra. Tutto dipenderà dal risultato che otterremo tra fine aprile e metà maggio.

I 3 principali punti scandalosi di mobilitazione: a chi verrà tolta l’auto e chi sarà mandato a ripetere VLK

A differenza della Russia, stiamo portando avanti operazioni di difesa strategica. In condizioni estremamente difficili, quando mancano attrezzature militari, munizioni e personale militare. Se riusciremo a raccogliere tutto ciò di cui abbiamo bisogno in modalità accelerata, completeremo il compito di difesa strategica e la cosa più importante sarà fermare l’avanzata del nemico .

Non ha nemmeno senso parlare di contropiede / ©
Non ha nemmeno senso parlare di contropiede

– Alcuni esperti hanno parlato ancora della possibilità di una controffensiva ucraina. Vedete qualche opportunità per questo?

– Sento spesso domande sulle nostre azioni controffensive. Sono messi da persone distaccate dalla realtà, perché non possiamo fermare il nemico adesso! Perché indurre in errore le persone? Il compito di un’operazione di difesa strategica è fermare l’avanzata del nemico, distruggere quanto più equipaggiamento e manodopera del nemico possibile. E solo nella terza posizione, se completiamo le due precedenti, possiamo utilizzare il tempo di stabilizzazione per ricostituire risorse e riserve.

In questo momento non abbiamo risorse sufficienti, nemmeno per fermare il nemico e difenderci , quindi non ha nemmeno senso parlare di contrattacco. Non può che trattarsi di un piano strategico, che è ancora molto lontano. Ma per questo occorre fare una mobilitazione totale , per farlo finalmente, almeno per il terzo anno di guerra.

Il fronte ha bisogno di uomini e munizioni. / © Associated Press
Al fronte servono persone e munizioni / Foto: Associated Press

Sopravviverà il Burrone del Tempo e dove attaccherà il nemico?

– E qual è la situazione attuale intorno alla città di Chasiv Yar? Non ripeterà il destino delle città già catturate dal nemico?

– Sì, penso che Chasiv Yar possa ripetere il destino di Avdiivka se non avremo forze sufficienti per proteggerla. Naturalmente combatteremo e difenderemo la città, ma per questo abbiamo bisogno del potenziale appropriato: armi, munizioni, equipaggiamento militare e manodopera. Se tutto ciò accade, proteggeremo Chasiv Yar e, in caso contrario, Avdiivka si ripeterà.

Mi è capitato di visitare questa città nel 2015-2016, durante l’ATO. Hanno lavorato con un gruppo del Ministero della Difesa sull’adozione di veicoli aerei senza pilota e sulla formazione di capacità per la difesa aerea. Lavoravano nel Burrone del Tempo e nei suoi dintorni. Posso dirti che questo è un punto difensivo potente, che era di grande importanza per la difesa allora e soprattutto adesso.

I russi non si fermeranno. Il loro obiettivo immediato è conquistare completamente le regioni di Donetsk e Luhansk . Sono già alla periferia del Time Rift, quindi penso che continueranno a provare ad andare avanti. E come catturano le città, lo abbiamo già visto con l’esempio di Bakhmut, Soledar , Avdiivka, Mariinka. Usano il metodo del pozzo di fuoco, cioè attaccheranno con tutto l’arsenale aereo disponibile, ce l’hanno.

Una casa distrutta nella città di Chasiv Yar. / ©Pressa associata
Una casa distrutta nella città di Chasiv Yar. / Foto: Stampa associata

Di conseguenza, un nodo difensivo così potente come Chasiv Yar può essere attaccato. I russi avanzarono su Vugledar per un anno e mezzo e tentarono di impadronirsi della città da sud, nonostante le enormi perdite . Ora hanno catturato Mariinka ed entreranno a Vugledar dalla direzione nord-orientale alle spalle del gruppo che si trova lì. Sfortunatamente, hanno la forza e le risorse, nonché l’esperienza degli assalti a base di carne. Pertanto, non è necessario dire che i russi sono stupidi, goffi e non sanno nulla della guerra: questo non è corretto. Il nemico deve essere valutato obiettivamente per non commettere errori. I russi hanno trasferito l’economia su linee militari, hanno avviato la produzione di armi e attrezzature, e sottovalutarli significa ingannare se stessi .

Putin si sta preparando per i negoziati, ai quali è molto ansioso, per questo sta cercando di impadronirsi della regione fino ai suoi confini amministrativi. Ciò è dimostrato anche dalle dichiarazioni del candidato alla carica di presidente degli Stati Uniti Trump, che dice di dimenticare la Crimea e di dare a Putin l’intero Donbas, forse ti restituirà le regioni parzialmente catturate di Kharkiv, Zaporizhia e Kherson. Ma non è così, perché Putin non si fermerà qui : sarà solo una pausa per una nuova fase della guerra . In precedenza, il sito TSN.ua aveva parlato dell’offensiva di Putin a Kharkiv: a quali condizioni sarebbe possibile e dove portare la “Cupola di ferro” per proteggersi .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles