14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

L’esercito più antico d’Europa: perché i “nonni” combattono in Ucraina, mentre la Russia porta al fronte i diciottenni

L’esercito più antico d’Europa: perché i “nonni” combattono in Ucraina, mentre la Russia porta al fronte i diciottenni

L’esercito più antico d’Europa. Un esperto militare ha spiegato quale dovrebbe essere l’età ottimale per le Forze Armate. In Ucraina, l’età massima di leva è stata ridotta da 27 a 25 anni, ciò consentirà di mobilitare nell’esercito uomini più giovani e più resistenti. Il sito TSN.ua ha chiesto ad un esperto militare se questa iniziativa cambierà la situazione nell’esercito e come influenzerà in generale l’efficacia delle truppe.

Secondo Ihor Romanenko , la riduzione dell’età di leva è legata alla necessità di ricostituire il personale delle unità militari che combattono al fronte, nonché alla formazione di riserve, senza le quali l’esistenza dell’esercito è impossibile.

Ritardi con la legge sulla mobilitazione

“Tutti questi processi devono avvenire a scapito della mobilitazione. E questa non è stata portata avanti in pieno nel nostro Paese né dall’inizio della guerra né nel 2023 , quando i militari hanno iniziato a parlarne. Non è successo quest’anno o perché il disegno di legge sulla mobilitazione non è stato ancora adottato. Viene costantemente rinviato, si apportano modifiche. La questione è in ritardo e la situazione necessita di una soluzione immediata.

Ecco perché ci sono problemi con la mobilitazione, poiché cambiando solo il “Comitato militare” in “TCC e SP”, fondamentalmente non abbiamo cambiato lo strumento stesso per risolvere i problemi di coscrizione nelle forze di difesa. Ecco perché non abbiamo ottenuto risultati decenti”, Ihor Romanenko , esperto militare, tenente generale in pensione , vice capo di stato maggiore generale (2006-2010), dice a TSN.ua.

Mobilitazione in Ucraina / © TSN.ua
Mobilitazione in Ucraina / Foto: TSN.ua

Lui aggiunge che attualmente la Verkhovna Rada sta lavorando al disegno di legge sulla mobilitazione, ma questo processo non sta andando bene. Perché per qualche motivo alcuni parlamentari non si concentrano sulla questione della mobilitazione, ma sulla smobilitazione.

“Secondo me, questa è un’assurdità che indica un malinteso sulla realtà della situazione e sulle condizioni della guerra in generale. Nonostante il fatto che il presidente abbia affermato in modo abbastanza chiaro che la smobilitazione non è ancora in considerazione, la questione è sollevato in un modo o nell’altro. E questo è sorprendente. Perché rinviare la questione della mobilitazione per il terzo anno di guerra mette in pericolo la situazione al fronte”, osserva Ihor Romanenko.

Allo stesso tempo, l’esperto concorda sul fatto che i processi di rotazione militare in prima linea debbano essere migliorati per dare alle persone la possibilità di riposarsi. Ma sottolinea che su questo è necessario lavorare in modo obiettivo e non impegnarsi in chiacchiere.

L’esercito più antico d’Europa

Per quanto riguarda la riduzione dell’età di leva da 27 a 25 anni , Ihor Romanenko osserva che ciò allevierà un po’ la situazione nell’esercito, ma non porterà cambiamenti drastici. “La riduzione dell’età di leva avrebbe dovuto essere introdotta molto prima, su questo siamo arrivati ​​un po’ in ritardo. L’età media del personale militare ucraino è di 42 anni .

Di conseguenza, l’esercito ucraino è considerato il più anziano d’Europa. Ciò è inaccettabile, e ovviamente Certo, ci vogliono dei cambiamenti, ma i cambiamenti hanno bisogno di tempo, cosa che non abbiamo. Penso che l’abbassamento dell’età di leva a 25 anni allevierà la situazione, ma dal punto di vista strategico, purtroppo, non la cambierà”, continua Ihor Romanenko.

A che età è il soldato più efficace?

Aggiunge che, a causa dei continui ritardi, l’età dei nostri militari rimane molto alta. Nel frattempo, i russi non perdono tempo a conquistare i nostri territori. “I russi hanno adottato una legge sui territori occupati, in cui approvano l’ età di leva dai 18 ai 30 anni . Cioè, i giovani vengono arruolati nell’esercito.

Questa, tra l’altro, è l’età ottimale per l’esercito , quando una persona è più mobile, efficiente e adatta a svolgere diversi compiti durante le operazioni d’assalto e difensive con carichi fisici corrispondenti,” dice Ihor Romanenko.

Mobilitazione in Ucraina / Collage TSN.ua / ©
Mobilitazione in Ucraina / Collage TSN.ua

Bisogna mobilitarsi tutti?

L’esperto aggiunge che, naturalmente, sarebbe meglio se al fronte combattessero i giovani che oggi hanno 25 anni, e non i “nonni” che hanno meno o più di 50 anni . Ma non lo abbiamo ancora. Sono quindi i “vecchi” combattenti a portare sulle spalle l’intero peso della guerra.

“Ci troviamo in una condizione tale che dobbiamo mobilitare tutti coloro che attualmente hanno tra i 18 e i 60 anni . E francamente, tutto il personale militare delle Forze di difesa ucraine deve passare per il fronte. Un’altra questione è la condizione fisica di ogni recluta deve essere valutata in modo obiettivo. Questa selezione deve essere equilibrata, cioè non portare tutti in prima fila, ma assegnare chiaramente le persone in base al loro stato di salute nelle posizioni appropriate, in modo che il combattente possa svolgere i compiti assegnatogli qualitativamente, di fare ciò in cui è bravo,” – nota Ihor Romanenko .

Mobilitazione in Ucraina / © TSN.ua
Mobilitazione in Ucraina / Foto: TSN.ua

Perché tutto dipende dal comandante?

Aggiunge che l’esercito non è solo la prima linea di difesa. È anche un lavoro fisico estremamente duro. In vari campi: logistica, riparazione di attrezzature, supporto medico, approvvigionamento, cibo. Questo è il motivo per cui la questione dell’efficacia di un militare dipende in larga misura dal comandante, da quanto profondamente si preoccupa dello stato del militare e da quanto comprende le sue capacità.

“Il comandante stesso deve vedere di fronte a sé non solo un soldato, ma anche una persona . Comprendi che un soldato all’età di 53 anni difficilmente sarà in grado di correre per 2-3 chilometri con tutte le munizioni. E una persona del genere dovrebbe essere dato un altro compito, ad esempio, scavare una trincea. Quindi qui tutto dipende dal comandante, deve comprendere chiaramente l’età e le capacità del suo subordinato. Sfortunatamente, posso dire in anticipo che in condizioni di guerra, un atteggiamento così ideale sarà non essere al cento per cento . Ma, ovviamente, è necessario lottare per questo,” – osserva Igor Romanenko.

La questione della smobilitazione dei coscritti

L’esperto sottolinea che alcuni requisiti per l’esercito nel nostro paese non sempre corrispondono alla situazione attuale nel paese in guerra. Ad esempio, il rilascio nella riserva dei coscritti il ​​cui periodo di servizio è terminato durante la legge marziale.

Ci sono stati lanci di missili da parte dell’aviazione strategica nemica: canali di monitoraggio

“Il servizio di leva non è così intenso nelle città posteriori come lo è, ad esempio, tra il personale militare in prima linea. Ma il decreto è già entrato in vigore. Tali coscritti non possono essere rimessi in servizio per un anno intero . Questo non è una posizione del tutto logica, durante la guerra. Perché queste persone hanno la cosa più importante: esperienza di servizio e una certa istruzione. E in una situazione in cui non abbiamo abbastanza persone al fronte, la smobilitazione dei coscritti sembra molto strana, a mio avviso opinione”, sottolinea Romanenko.

Mobilitazione in Ucraina / © TSN.ua
Mobilitazione in Ucraina / Foto: TSN.ua

Perché la riserva e il suo rifornimento sono importanti?

Aggiunge che negli ultimi tempi tutti hanno discusso della notizia che il capo dell’esercito Syrskyi ha trovato delle riserve tra i soldati che non combattevano, ma erano nelle retrovie. Alcuni lo hanno visto come un tradimento, hanno detto, perché mobilitarsi se ci sono abbastanza persone in uniforme?

“In realtà, qui non c’è tradimento. In qualsiasi esercito al mondo, l’esercito è diviso in quelli che combattono direttamente in prima linea e quelli che forniscono le retrovie. Per 1 soldato che combatte in prima linea, ci sono 5-6 più che gli forniscono tutto ciò di cui ha bisogno . Se c’è tale supporto, allora un tale combattente è molte volte più efficace di quelli che si forniscono da soli. Cioè, il fatto che la riserva sia coinvolta significa che deve essere reintegrata in modo che il fronte Il supporto online è di alta qualità e per questo è necessaria la mobilitazione”, osserva l’esperto.

Romanenko ricorda una delle regole della guerra: qualsiasi comandante, comandante o comandante finisce quando finisce le riserve .

“Poiché attualmente non disponiamo di una riserva strategica, ma solo operativa, sarà molto difficile per il comandante in capo Syrsky svolgere il compito di fermare l’avanzata del nemico. Non possiamo ancora fermare l’avanzata del nemico, siamo Lo facciamo solo parzialmente per stabilizzare la situazione in alcune zone. Per un po’ stiamo rallentando il ritmo dell’avanzata e, in generale, non siamo ancora riusciti a fermare il nemico a est e a sud ,” nota Ihor Romanenko .

Dobbiamo stare sulla difensiva. / © Associated Press

Dobbiamo stare sulla difensiva / Foto: Associated Press

Correzione degli errori

Un esperto militare afferma che a causa del ritardo nella mobilitazione e nella costruzione di strutture ingegneristiche di difesa, ora dobbiamo recuperare e correggere gli errori commessi. “Su alcune aree del fronte, il nemico ora ha un vantaggio in termini di missili, aviazione, supporto di artiglieria, munizioni e manodopera. Pertanto, l’unica possibilità per fermare il nemico è un sistema di difesa affidabile .

Doveva essere costruito in estate dell’anno scorso, quando divenne chiaro che la controffensiva sarebbe stata lanciata fallì. Anche allora era necessario passare alla difesa e costruire strutture di ingegneria, e abbiamo iniziato a costruirle solo quest’anno. Ora sembra tutto un ritorno di fiamma, dobbiamo recuperare le opportunità perdute . Ma c’è ancora la possibilità di sistemare tutto. Quindi non dovremmo perdere tempo e ricordare che chi lavora per superare la situazione vince la guerra”, conclude Ihor Romanenko.

In precedenza, il sito TSN.ua aveva parlato di mobilitazione a partire dai 25 anni: gli uomini saranno chiamati al TCC per aggiornare i dati e sottoporsi a una visita medica.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles