14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

L’omicidio di alto profilo di donne ucraine in Germania: dettagli esclusivi e scoperte sorprendenti nel caso

L’omicidio di alto profilo di donne ucraine in Germania: dettagli esclusivi e scoperte sorprendenti nel caso. A marzo, il corpo della rifugiata ucraina 27enne assassinata Margarita Razaz è stato ritrovato vicino alla città di Hockenheim

L’omicidio di alto profilo di donne ucraine in Germania. Si scopre che una donna russa e un uomo tedesco avevano già attentato alla vita di una donna. A marzo, il corpo della rifugiata ucraina 27enne assassinata Margarita Razaz è stato ritrovato vicino alla città di Hockenheim, proprio sulle rive del fiume Reno . La sua figlia appena nata è stata rapita e sua madre è stata denunciata come scomparsa. Ormai il bambino è già stato ritrovato e sua nonna è stata trovata morta nel lago.

Contenuto

  1. Il corpo sulla riva del fiume
  2. Sospettati di omicidio 
  3. Ciò che si sa di una donna russa e di un tedesco e del loro primo attento alla vita di una donna 
  4. Chi è veramente il padre del figlio della donna assassinata

Il corpo sulla riva del fiume

Secondo testimoni, il 4 marzo una famiglia di ucraini è scomparsa da un campo profughi in Germania. Già il 14 marzo nella città di Hockenheim, sulle rive del fiume Reno, dei passanti hanno trovato il corpo della 27enne ucraina Margarita Razaz, probabilmente uccisa. Durante l’autopsia è stato confermato che la ragazza ha subito “violenze esterne” prima di morire.

Sospettati di omicidio 

Poi la polizia ha iniziato a cercare la madre di Margarita, perché era considerata la principale testimone dell’omicidio. Poco dopo, il 20 marzo, il suo corpo fu ritrovato in un lago vicino al villaggio di Bad Mingolsheim. La figlia di Margarita, Mia, era viva e illesa . Si trovava a casa di una donna russa di 43 anni e di un tedesco di 44 anni, sospettati di omicidio. Secondo l’inchiesta, i sospettati, un tedesco e un russo, avrebbero ucciso la madre e la nonna della ragazza per portare via la bambina. La coppia ha attirato i rifugiati promettendo loro di aiutarli a ottenere i documenti in Germania. 

Droni sconosciuti hanno attaccato l’aeroporto militare di Morozovsk, nella regione di Rostov, nella Federazione Russa

Ciò che si sa di una donna russa e di un tedesco e del loro primo attentato alla vita di una donna 

Si scopre che la sospetta Inna e suo marito hanno invitato le donne ucraine decedute nei ristoranti, hanno pagato costosi viaggi in Europa e hanno offerto alla defunta Margarita di firmare documenti con il pretesto della custodia nel reparto maternità e di aiutare con la traduzione in tedesco. Un’amica di Margarita del campo profughi, che molto prima dell’omicidio sospettava di disonestà la russa Inna e aveva avvertito la donna assassinata delle possibili conseguenze di tale comunicazione, ha detto:

“Ho saputo di Inna per la prima volta quando Mia aveva circa 2 settimane. Poi andarono in Francia insieme a Margarita. Dopo il viaggio, Margarita mi ha detto qualcosa che mi ha scioccato e mi ha fatto riflettere sulle intenzioni di Inna. Quando sono tornati, Inna le ha detto che secondo la legge tedesca, gli automobilisti non possono aggiungere olio all’auto, quindi ha portato lei e il bambino nella foresta e ha fatto finta di aggiungere olio. Rimasero lì a lungo, il bambino piangeva. Sono in Germania da molto tempo, mio ​​marito è un autista e conosciamo molto chiaramente le leggi di questo paese. Ho sentito queste informazioni per la prima volta.” 

Chi è veramente il padre del figlio della donna assassinata

Un altro amico di Margarita ha raccontato dettagli esclusivi su chi è il padre del bambino. Ha sfatato il mito secondo cui il padre del bambino è nelle fila delle Forze Armate . Come si è scoperto, la donna non è rimasta incinta in Ucraina, ma mentre viveva in Slovacchia . 

Nella regione di Donetsk gli occupanti cercano di sfondare la difesa delle forze armate e di eliminare lo stato maggiore dalle linee occupate

“Sono la prima persona a cui Margarita ha raccontato della sua gravidanza. Conoscevo personalmente il padre del bambino. È un armeno con radici ucraine che viveva in Slovacchia. Quando ha saputo della sua gravidanza, ha promesso che sarebbe andato tutto bene, e poi a un certo punto è semplicemente scomparso. Più tardi ha detto che non avrebbe aiutato e si è scoperto che aveva una ragazza. Margarita lo ha scoperto quando è fuggito in Armenia,” dice Valentina, l’amica di Margarita. 

Il padre biologico ha contattato i parenti di Margarita dopo la tragedia, poiché la sorella di Margarita Evgenia, che ora si trova in Germania, commenterà gli eventi e perché dovrà vivere un altro anno nel paese dove sua sorella è stata uccisa? Oggi, 5 aprile, alle 19:15, il talk show “Tutto il Paese parla” analizzerà in esclusiva il caso che ha sconvolto l’Ucraina e la comunità internazionale con la sua brutalità. 

▶ Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles