15.7 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

“Corona dei re. “Jagellonici”. La storia sconosciuta della famiglia reale

“Corona dei re. “Jagellonici”. La storia sconosciuta della famiglia reale.  Chi erano i personaggi principali presentati nella serie e che ruolo hanno avuto nella storia del nostro Paese?

Produzione “La Corona dei Re. “Jagellonici” racconta la storia della Polonia durante il regno della dinastia iniziata da Władysław Jagiełło. Chi erano i personaggi principali presentati nella serie e che ruolo hanno avuto nella storia del nostro Paese? Serie televisiva “La corona dei re”. “Jagellonians” introduce gli spettatori a molti eroi storici. La storia in esso presentata inizia nel 1399.

È allora che il re Władysław, rimasto vedovo, pensa di tornare in Lituania. Per mantenere il sovrano sul trono, i nobili di Cracovia organizzano il suo matrimonio con Anna di Cylejska, nipote di Casimiro il Grande. Al re non piace la fidanzata, quindi Jagiełło la manda in un monastero per imparare il polacco. Nel frattempo si sta svolgendo una grande politica. L’Ordine annette la Samogizia e continua a minacciare la Lituania  , riferisce la produzione.

Queste parole di Jagiełło divennero leggenda. “Abbiamo un sacco di spade”

Il personaggio principale della produzione “La corona dei re”. “Jagellonians” è il re Władysław II Jagiełło , interpretato da Sebastian Skoczenie . Il monarca è ampiamente riconosciuto come uno dei sovrani più famosi e famosi che si siano mai seduti sul nostro trono. Fu lui a comandare l’esercito combinato polacco-lituano, che il 15 luglio 1410, nella battaglia di Grunwald, sconfisse l’esercito molto meglio armato e addestrato dell’Ordine Teutonico.

Nella foto: Sebastian Skoczeń, che interpreta Jagiełło (foto: TVP)
Nella foto: Sebastian Skoczeń, che interpreta Jagiełło (foto: TVP)

Poco prima del combattimento, il sovrano polacco pronunciò parole famose che passarono alla storia.

” Di spade ne abbiamo in abbondanza, ma accetto anche queste come una profezia di vittoria, che Dio stesso mi manda attraverso le vostre mani. E segnerà anche il campo di battaglia. Alla cui giustizia non mi appello, per lamentarmi della mia ingiustizia e della tua iniquità, e per prendere in carico il mio orgoglio – amen

– disse quando l’araldo teutonico gli porse due spade sguainate.

La leggendaria vittoria gli ha portato fama immortale , ma guardare il suo personaggio solo attraverso il prisma della vittoria in battaglia è un errore. Fu solo uno dei suoi numerosi trionfi e successi a portare gloria sia al Regno di Polonia che a se stesso.

Un astemio, un re e un purista. Il volto privato di Władysław Jagiełło

Non si sa esattamente quando sia nato (la storia presuppone che fosse il 1352 o il 1362 ). Nacque come figlio della principessa Julianna di Tver e del principe lituano Olgierd , che gli diede il potere sul Granducato di Lituania nel 1377 . Aveva otto sorelle e dodici fratelli. Due di loro, Aleksander Wigunt e Iwan Skirgiełło , furono avvelenati, e quindi lo stesso Władysław temeva una morte simile e traditrice.

Questo era molto probabilmente il motivo per cui era un astemio totale e non permetteva a nessuno di entrare nella sua stanza quando era assente o di toccare i vestiti degli altri che usava. Inoltre, ogni piatto che gli veniva servito doveva essere testato da una persona appositamente assunta.

Sebbene abbia preso ogni precauzione per proteggere la sua vita, non è riuscito a evitare il “colpo di stato dal cielo” , come lo schernivano i suoi avversari. L’incidente in questione avvenne il 12 agosto 1419 , mentre tornava dalla spedizione della Grande Polonia contro i Cavalieri Teutonici. Fu allora che i fulmini iniziarono a colpire il suo seguito : gli scioperi uccisero due servi e undici cavalli.

” Il re polacco Ladislao tremava di terrore. Quando i signori e i cavalieri corsero da lui dopo il fulmine e gli chiesero a lungo come si sentiva – se per perdita di coscienza o per paura – non diede risposta, così i cavalieri lo piansero come se fosse morto. Dopo aver ripreso le forze, che erano state paralizzate dalla paura, [il re] finalmente si alzò e cominciò a parlare

– scrisse il cronista Jan Długosz , e poco dopo notò che il sovrano sviluppò poi problemi di udito , con i quali lottò fino alla fine della sua vita.

Jan Długosz su Jagielle. “Si direbbe che non è un re, ma un uomo comune.”

Il re, secondo storici e contemporanei, anche cronisti che gli si opponevano, era un uomo interessante e modesto. Jan Długosz ha sottolineato: “Si direbbe che non è un re, ma un uomo comune che non risparmia aiuto e servizio agli altri”.

Notò anche che “il re aveva un cuore semplice, ma allo stesso tempo era pieno di maestà (cordis simplicis erat, sed magnifici)” e notò che il monarca era un vero purista per gli standard dell’epoca. Si lavava tre volte alla settimana e si radeva ogni giorno.Inoltre, come notò lo storico, Jagiełło aveva un aspetto piuttosto caratteristico.

,, Era di bassa statura, il suo viso era tirato, magro e leggermente stretto al mento. La sua testa era piccola, quasi completamente calva, e i suoi occhi erano piccoli e neri, dallo sguardo instabile e guizzanti costantemente. Orecchie grandi, voce forte, parlata veloce, testa ben fatta ma snella, collo lungo

– ha scritto Długosz. Tuttavia, va notato in questo passaggio che il famoso cronista odiava il re, sebbene – come si può vedere nelle descrizioni precedenti – cercasse di essere obiettivo.

Chi era Anna di Cylejska, la seconda moglie di Władysław Jagiełło?

Quando il 17 luglio 1399 , diversi giorni dopo un parto molto difficile, morirono la sua prima moglie, l’amata regina Edvige d’Angiò, e la loro figlia neonata Elisabetta Bonifacia, il re ebbe un esaurimento nervoso. La leggenda racconta che, poco prima della sua morte, sua moglie gli consigliò di sposare Anna di Cylejska, nipote di Casimiro il Grande , apparsa nella serie “La corona dei re”. “Jagellonians” è interpretato da Milena Staszuk .

Nella foto: Milena Staszuk, che interpreta Anna Cylejska (foto: TVP)
Nella foto: Milena Staszuk, che interpreta Anna Cylejska (foto: TVP)

Questa relazione avrebbe dovuto aiutarlo a mantenere il trono allora molto incerto. Nessuno oserebbe allora mettere in discussione il diritto alla corona di un monarca sposato con una discendente della dinastia dei Piast . Ciò alla fine portò Władysław a inviare inviati a Celje slovena nel 1401, chiedendole la mano in matrimonio. Tuttavia, quando la coppia si incontrò il 16 luglio 1401 , Jagiełło si arrabbiò con i suoi sensali – non gli piaceva affatto la sua futura moglie – e rimandò il matrimonio. Ufficialmente, in modo che Anna di lingua tedesca potesse imparare la lingua. Ma stava davvero pensando di rompere il fidanzamento.

Tuttavia, ciò non accadde e la grandiosa cerimonia nuziale ebbe luogo il 29 gennaio 1402 a Wawel . Molti dignitari e governanti stranieri hanno partecipato alle celebrazioni, tra cui: Il Granduca di Lituania Witold e sua moglie. Per diversi giorni tutti si sono divertiti con i numerosi giochi, tornei e spettacoli organizzati in occasione del matrimonio della coppia reale. Per le strade, come aveva predetto Jagiełło, la gente gioiva per il ritorno sul trono del sangue dei Piast. Anna è stata accolta molto positivamente dalla società polacca.

Fallimento coniugale e accuse di tradimento

Il matrimonio fu una grande delusione per Władysław e Anna, i loro rapporti e contatti reciproci furono del tutto freddi e rari . Sia il re che la regina si evitavano a vicenda ed evitavano la reciproca compagnia. Non fu difficile perché Jagiełło, impegnato con la politica, visitava raramente Wawel, e Anna in campagna – a differenza dell’attivissima Jadwiga – svolgeva solo funzioni di rappresentanza.

Pertanto, a volte accompagnava il sovrano in viaggi intorno al paese, riceveva inviati stranieri, partecipava a balli e tornei, intratteneva con conversazioni le mogli dei sovrani di altri paesi che venivano o passavano attraverso la Polonia e cuciva vestiti per regali, ma allo stesso tempo tempo è rimasta una figura completamente passiva e politicamente irrilevante.

Il nemico sta cercando di mettere fuori combattimento unità delle forze armate dalle teste di ponte sulla riva sinistra del Dnepr — Stato Maggiore

Doveva anche adattarsi al suo carattere: era una persona tranquilla, calma ed equilibrata , il che, tuttavia, non le ha impedito di diventare l’eroina di numerosi scandali gravi. È facile valutare oggi – con il senno di poi di molti anni – che i colpi che le furono colpiti furono principalmente attacchi al re, ma a quel tempo la reputazione della regina ne soffrì molto quando fu accusata di tradimento e di una relazione con due cavalieri – Jakub di Kobylan e Mikołaj Chrząstkowski .

“Prova” di infedeltà. “La Camera è crollata”

La prova della presunta infedeltà di Anna fu un incidente piuttosto insolito. Długosz riferisce che la stanza nella camera da letto della regina “è crollata senza alcun violento shock” . Questo è un fatto storicamente confermato, ma non è ancora chiaro cosa abbia causato il disastro edilizio. È possibile che il pavimento marcio sia crollato, ma gli avversari di Jagiełło hanno approfittato dell’occasione per accusare la regina. Ciò era altamente inappropriato perché la sovrana era rimasta incinta poco prima che iniziassero le voci. In seguito diede alla luce una figlia: Jadwiga .

Incautamente – come nota il cronista – Jagiełło decise di gettare Giacobbe nella prigione sotterranea e costrinse Nicola ad andare in esilio. Ciò aveva lo scopo di salvare la reputazione del sovrano, ma fu ricevuto in modo completamente diverso.

” L’imprudente imprigionamento di un cavaliere e l’espulsione di un altro esponerono la regina polacca Anna, ingiustamente secondo molti, alla diffamazione universale.”

– nota il famoso storico. Alla fine, la sovrana fu prosciolta dalle accuse, ma fu calunniata più volte. Ogni volta le voci si sono rivelate false. Va notato che a volte erano addirittura bizzarri, tra cui: è stata accusata di aver dormito con 

Andrzej Tęczyński . Lo stesso che, profondamente innamorato della sua giovane e bella moglie, 

implorò di essere rilasciato dal servizio durante l’assedio di Malbork perché si struggeva per la sua dolce metà. È difficile credere che un giovane cavaliere possa ammirare una regina molto più anziana e, secondo le cronache, non molto carina.

Chi era Elżbieta Granowska, la terza moglie di Jagiełło?

Considerato tutto quanto sopra, non sorprende che Władysław Jagiełło non si disperò quando Anna morì nel 1416. A quel tempo il re era già un uomo più anziano, aveva la reputazione di un grande sovrano, era rispettato in tutto il mondo e aveva un’autorità indiscutibile in Polonia. Ciò lo portò a decidere, senza più bisogno del consenso di nessuno, di sposare l’amore della sua vita, Elżbieta Granowska , apparsa nella serie “La corona dei re”. “Jagellonians” è interpretato da Karolina Porcari .

Nella foto: Karolina Porcari, che interpreta Elżbieta Granowska (foto: TVP)
Nella foto: Karolina Porcari, che interpreta Elżbieta Granowska (foto: TVP)

La nuova sovrana non godeva della migliore reputazione nella società, e il vicecancelliere reale Stanisław Ciołek scrisse su di lei parole molto volgari in una fiaba allegorica. La definì – nella parte che vale la pena citare – una donna “stremata da numerosi parti, che si sposò (…) dopo aver catturato un leone con l’astuzia e la menzogna” .

La sua accoglienza sfavorevole fu certamente influenzata dal fatto che Elisabetta aveva 37 o 45 anni al momento del suo matrimonio , aveva quattro figli ed aveva almeno due matrimoni alle spalle . Ciò non prometteva alcuna speranza al desiderato erede maschio di Jagiełło, che tutti aspettavano. Inoltre, dopo la cerimonia nuziale, si verificò un incidente che fu considerato di cattivo auspicio: pochi istanti dopo aver lasciato la chiesa, i dignitari e gli sposi furono sorpresi da una forte pioggia . La nuova regina salì quindi sulla carrozza, ma la sua ruota cadde presto nel fango e si ruppe. La monarca dovette percorrere a piedi il resto della strada fino al castello e si sporcò molto i vestiti .

Sfortunatamente, la coppia non ha goduto a lungo della loro felicità. Due anni dopo il loro matrimonio, Elisabetta contrasse la tubercolosi e morì. Non lasciò discendenza al re. A Jagielle successe solo Zofia Holszańska , madre di Ladislao III di Varna e Casimiro IV Jagellone , che lasciò anche lei un segno indelebile nella storia della Polonia.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles