15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Decine di migliaia di migranti stanno inondando la Croazia. Zagabria usa ancora mezze misure, Bruxelles tace

Decine di migliaia di migranti stanno inondando la Croazia. Zagabria usa ancora mezze misure, Bruxelles tace

La Croazia, situata sulla rotta balcanica, si trova ad affrontare un enorme aumento del numero di migranti che attraversano i suoi confini. Le autorità di Zagabria annunciano che sarà rafforzato, ma queste azioni non hanno la risolutezza che potrebbero invece avere la Polonia e gli Stati baltici, e più recentemente la Finlandia. I croati sono stufi di ciò che è successo negli ultimi mesi ai confini del loro paese, anche se sono abituati al fatto che si trova sulla rotta migratoria dei Balcani.

Attraversa anche Turchia, Bulgaria, Grecia, Macedonia del Nord, Serbia e Bosnia-Erzegovina ed è uno dei principali corridoi migratori che conducono all’UE. La delusione degli abitanti di questo Paese è ancora più grande perché cè difficile dire che le sue autorità abbiano imparato la lezione degli anni precedenti, per non parlare del 2015, quando l’Europa è stato inondato dalla più grande ondata migratoria finora.

Ancora “porta aperta”

Anche Bruxelles sta fallendo, poiché dichiara che è necessario sigillare i confini dell’UE, ma se guardiamo alle azioni concrete, abbiamo ancora a che fare con lo spirito della “porta aperta” di Angela Merkel e, nella migliore delle ipotesi, con gli sforzi per liberarsi di immigrati senza prospettive sul mercato del lavoro, o addirittura pericolosi, verso paesi come la Polonia che non accettano tali politiche di Bruxelles. 

Il sistema delle quote, eufemisticamente definito “solidarietà obbligatoria”, invece di contribuire a risolvere il problema migratorio, non fa altro che aumentare questo precedente incoraggiando più arrivi. Se non saranno considerati utili per l’economia tedesca o francese, verranno inviati in altri paesi: in tal caso nessuno chiederà loro la loro opinione.

I croati hanno paura

Secondo il quotidiano “Jutarnji list”, la questione dell’immigrazione clandestina è uno dei temi che suscitano maggiori preoccupazioni tra gli abitanti della Croazia. Il 70 per cento di loro nota il crescente numero di stranieri nel proprio Paese e la metà teme che costituiscano una minaccia per la propria cultura e il proprio stile di vita. Meno di un intervistato su quattro esprime la volontà di aprirsi agli immigrati.

I risultati di queste indagini non sorprendono, considerando che dall’inizio dell’anno sono arrivate in questo paese di soli 3,9 milioni, circa 62.000 persone, ovvero il 70% in più rispetto allo scorso anno. Tuttavia, la stragrande maggioranza di loro ha considerato la Croazia come una tappa intermedia: il 97% l’ha lasciata dopo l’arrivo e si è diretto in altri paesi europei. 

La metà di coloro che hanno attraversato illegalmente il confine non si sono nemmeno presentati nei centri croati. Anche detenuti per il 60%. più trafficanti rispetto a un anno fa: quasi mille persone, di cui due terzi sono stranieri. Quest’anno il numero delle richieste di asilo in Croazia è aumentato del 700%. Vale la pena sottolineare che l’80% dei migranti illegali sono uomini, principalmente cittadini di Afghanistan, Turchia, Marocco, Pakistan, Iraq e Bangladesh. Il problema è quindi enorme e, in risposta al crescente malcontento sociale, le autorità croate a Zagabria assicurano che aumenteranno il loro coinvolgimento, tra l’altro, nella protezione del confine. acquistando droni e veicoli speciali.

I vicini non aiutano

Accusano il governo della vicina Serbia di contribuire all’aumento del numero di migranti illegali che attraversano il confine croato, perché finora non ha armonizzato le regole della sua politica dei visti con le norme vigenti nell’Unione europea. Ciò, a sua volta, fa sì che le persone entrino lì legalmente e poi cerchino di attraversare illegalmente i confini dell’UE. Di conseguenza, quest’anno hanno raggiunto la Croazia 15 volte più afghani e diverse migliaia di russi rispetto a tre anni fa, il che è una delle conseguenze dell’attacco di questo paese all’Ucraina.

Le autorità di Zagabria criticano anche il governo della Bosnia ed Erzegovina: quest’anno vi sono già stati registrati 26,5mila immigrati, di cui la maggior parte 12mila. – proveniva dall’Afghanistan. Nei primi sei mesi il numero degli arrivi nel Paese è aumentato del 55%. più immigrati rispetto allo stesso periodo del 2022.  Inoltre, i media locali riferiscono di un aumento del numero di cittadini cinesi e turchi soggiornanti legalmente che poi cercano di raggiungere i paesi dell’UE. Recentemente sono stati scoperti anche due campi di immigrati clandestini, dove sono state rinvenute armi. Come ha recentemente valutato Radio Free Europe, il confine bosniaco è pieno di buchi come il formaggio svizzero: c’è una guardia per chilometro.

Serve una reazione da Bruxelles

La Croazia non può far fronte da sola ad un problema così grande e la rotta balcanica sta diventando un problema crescente per i paesi target, soprattutto per la Germania. Dovremmo comunque tenere presente quanto sia grave la minaccia alla sicurezza europea rappresentata dall’ingresso in Europa di persone che potrebbero essere potenziali terroristi o radicali.

Dopo il 2015 molti speravano che la questione della migrazione si normalizzasse. Purtroppo, a parte le dichiarazioni sulla necessità di una migliore protezione delle frontiere esterne e di deportazioni più rapide, in realtà è stato fatto poco. Il sistema di quote proposto non cambierà la situazione e potrebbe solo peggiorarla. I croati dicono basta, ma a Zagabria e Bruxelles è ancora difficile sentirlo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles