7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Il primo ministro sulla risoluzione del Parlamento europeo sulla modifica dei trattati: nove deputati eletti dalle liste KO e di sinistra sono in vantaggio

Il primo ministro sulla risoluzione del Parlamento europeo sulla modifica dei trattati: nove deputati eletti dalle liste KO e di sinistra sono in vantaggio

Nove deputati polacchi eletti dalle liste della Coalizione civica e della sinistra hanno fatto la differenza e hanno spinto il Parlamento europeo ad adottare una risoluzione che chiede un cambiamento radicale dei trattati dell’Unione europea – ha scritto mercoledì il primo ministro Mateusz Morawiecki sulla Piattaforma X.

In una risoluzione adottata mercoledì a Strasburgo, il Parlamento europeo ha sostenuto la modifica dei trattati UE. Nella votazione si sono espressi a favore 291 deputati, 274 contrari e 44 astenuti.

Il primo ministro Mateusz Morawiecki ha fatto riferimento ai risultati delle votazioni di mercoledì in un articolo sul sito web di X. Nel testo ha presentato la foto di un documento in cui sono indicati i nomi degli eurodeputati che hanno sostenuto la risoluzione e quelli che si sono opposti, con segnati i nomi dei rappresentanti polacchi.

Un’altra città polacca annulla una grande festa di Capodanno. È facile intuire il motivo di questa decisione

Chi ha sostenuto la risoluzione?

Tra gli eurodeputati polacchi che hanno sostenuto la risoluzione figurano 9 persone – Róża Thun, Marek Balt, Marek Belka, Robert Biedroń, Włodzimierz Cimoszewicz, Łukasz Kohut, Bogusław Liberadzki, Leszek Miller e Sylwia Spurek – eletti al Parlamento europeo nel 2019 dalle liste della Coalizione europea ( PO, PSL, SLD, N., Zieloni) e Primavera di Robert Biedroń. Questi eurodeputati rappresentano i gruppi Socialisti e Democratici, Rinnova e Verdi.

 restanti deputati polacchi – rappresentanti del PiS (appartenente ai Conservatori e Riformisti europei – EKR al PE), nonché della Coalizione civica e del PSL (appartenente al Partito popolare europeo – PPE al PE) – si sono opposti alla risoluzione.

“Nove deputati polacchi eletti dalle liste della Coalizione civica e della sinistra hanno fatto pendere la bilancia e hanno spinto il Parlamento europeo ad adottare una risoluzione che chiede un cambiamento radicale dei trattati dell’Unione europea “, ha scritto Morawiecki.

Ha sottolineato che, nonostante le assicurazioni di Donald Tusk, “le persone che lo sostengono accettano il diritto dell’UE di imporre tasse in conformità con le sue disposizioni, di revocare il controllo degli Stati membri sui loro confini e di revocare molte altre funzioni statali e, di conseguenza, la dipendenza totale della Polonia e degli altri Stati membri dalle decisioni di Bruxelles e dalla volontà dei due Stati più forti dell’Unione.

Il contenuto del documento adottato mercoledì dal Parlamento europeo è stato concordato dai rappresentanti di cinque fazioni: il Partito popolare europeo (PPE), i socialdemocratici (S&D), i liberali (Renew), i Verdi e la sinistra. Contiene una proposta per 267 modifiche ad entrambi i trattati: sull’Unione europea (TUE) e sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).

Le principali modifiche proposte includono l’abbandono del principio dell’unanimità nei voti nel Consiglio dell’UE in 65 aree e il trasferimento di competenze dal livello degli Stati membri a quello dell’UE, tra cui: creando due nuove competenze esclusive dell’UE – nel campo della protezione dell’ambiente e della biodiversità (articolo 3 TFUE) – e ampliando in modo significativo le competenze condivise (articolo 4), che coprirebbero sette nuovi settori: politica estera e di sicurezza, protezione delle frontiere, sanità pubblica , difesa civile, industria e istruzione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles