La Polonia può ottenere miliardi di euro dall’UE. Nessun prerequisito

La Polonia può ottenere miliardi di euro dall’UE. Nessun prerequisito.  Può facilmente accedere ai fondi di coesione. 

La Polonia può ottenere miliardi di euro dall’UE.  La Polonia dovrebbe presto avere diritto a un anticipo di 5 miliardi di euro dal fondo REPowerEU. Può facilmente accedere ai fondi di coesione. Ma il percorso per sbloccare i miliardi di euro dalla KPO è molto complicato. La Polonia sta attualmente negoziando con Bruxelles il programma REPowerEU , che diventerà formalmente un nuovo capitolo del Piano Nazionale di Ricostruzione (KPO). Si tratta di fondi aggiuntivi per la politica energetica, che l’UE ha concordato in risposta agli shock associati alla sua rapida indipendenza dalle materie prime provenienti dalla Russia.

 Il 31 agosto il governo di Mateusz Morawiecki ha presentato alla Commissione europea il progetto di stanziamento REPowerEU con una richiesta di 25,76 miliardi di euro, che consiste in 23 miliardi di euro di prestiti a basso costo (il resto dei prestiti dovuti alla Polonia dal Fondo per la ricostruzione) e 2,76 miliardi di sussidi distribuiti secondo la chiave top-down tra i paesi dell’UE dal pool aggiuntivo di sussidi REPowerEU. 

– Il regolamento sul Fondo per la ricostruzione non subordina i pagamenti anticipati al raggiungimento delle cosiddette “super pietre miliari”, conferma la Commissione europea. Nel caso della Polonia le “superpietre” sono condizioni per lo stato di diritto. L’approvazione del capitolo polacco di REPowerEU darebbe quindi alla Polonia il diritto al 20%. pagamento anticipato, ossia fino a oltre 5 miliardi di euro senza alcuna condizione preliminare. Quando? La domanda polacca per REPowerEU è stata presentata quasi all’ultimo minuto: il 31 agosto anche Ungheria, Grecia e Croazia hanno presentato i loro documenti e l’ultimo giorno possibile, ovvero il 1 settembre, Cipro ha presentato il suo progetto (la Germania si è ritirata dal capitolo REPowerEU) . Per tutti vale la stessa scadenza: se la Commissione europea non darà il via libera entro la fine di dicembre e se la decisione non sarà approvata dal Consiglio dell’UE (ministri dei paesi dell’UE), i soldi andranno persi.

Nelle ultime settimane, la Commissione Europea ha chiesto a Varsavia di apportare correzioni significative a REPowerEU (cambiare progetti nei negoziati con Bruxelles è una pratica standard, ma per ora è difficile valutare quanto siano ampie le correzioni rispetto ad altri paesi dell’UE). Tuttavia, Bruxelles – indipendentemente da chi governerà la Polonia in quel momento – è determinata ad approvare il REPowerEU polacco in tempo, cioè entro la fine di quest’anno (come nel caso di altri paesi dell’UE). L’ultimo incontro regolare dei ministri delle finanze dell’UE si svolgerà il 7 dicembre, ma i programmi del Fondo per la ricostruzione sono già stati approvati nelle teleconferenze ad hoc del Consiglio dell’UE.

L’anticipo non verrà pagato immediatamente nel mese di dicembre. La Commissione europea ha tempo fino a due mesi per adempiere ai suoi obblighi legali (concludere un “accordo di finanziamento” con la Polonia), il che significa che la prima tranche verrà pagata nel primo trimestre del 2024. E il resto del pagamento anticipato da parte di REPowerEU potrebbe essere ricevuto prima della metà del 2024, anche se teoricamente la Commissione Europea ha dodici mesi per effettuare questo pagamento. – (EN) Non mi aspetto che la Commissione voglia ritardare adesso questo pagamento anticipato per la Polonia. Sarà il contrario. Soprattutto perché il problema KPO [senza REPowerEU] non può essere risolto così rapidamente, sostiene uno dei diplomatici dell’UE a Bruxelles .

E i soldi del KPO?

Se il governo di Morawiecki negoziasse il contenuto del KPO polacco (22,5 miliardi di euro di sussidi e 11,5 miliardi di euro di prestiti a basso costo) con la Commissione europea entro la fine del 2021, la Polonia – senza condizioni preliminari sullo stato di diritto – riceverebbe il 13%. KPO sotto forma di pagamento anticipato. Tuttavia, in Polonia questo diritto al prefinanziamento è andato perduto e tutti i pagamenti da parte del KPO sono ancora bloccati da “super traguardi” legati al sistema giudiziario.

La Commissione europea ammette che gran parte di queste condizioni (più modeste rispetto a quanto richiesto dalle sentenze della CGUE) sono state soddisfatte dall’atto giudiziario in vigore dal luglio 2022 e proposto dal presidente Andrzej Duda. Tuttavia, il minimo mancante, che la Commissione ha definito nei colloqui con la Polonia nell’autunno del 2022, è il pieno diritto dei giudici di condurre una prova dell’indipendenza di un altro giudice – in conformità con il diritto dell’UE – cioè di esaminare l’indipendenza d’ufficio. E inoltre, sebbene ciò avvenisse in background, garantire ai giudici l’accesso a un tribunale indipendente nei loro procedimenti disciplinari. Questi due elementi mancanti sono stati introdotti dal progetto di legge, concordato inizialmente e informalmente con la Commissione europea nel dicembre 2022 (la Corte amministrativa suprema doveva diventare il “tribunale disciplinare indipendente”). Tuttavia, questo progetto è rimasto bloccato nel controverso Tribunale costituzionale, dove lo ha inviato il presidente Duda.

Se il presidente non pone il veto – su misura, tra l’altro, Secondo le esigenze di Bruxelles e i progetti sullo stato di diritto del nuovo governo, i primi pagamenti da parte del KPO avverranno probabilmente nel primo trimestre del 2024. Come sottolinea uno dei nostri interlocutori a Bruxelles, il progetto giudiziario di Duda del 2022 era in una fase del lavoro legislativo molto vicino ai requisiti del KPO, ma sotto la pressione dell’ambiente del ministro Zbigniew Ziobro, le idee che consentivano un test di piena indipendenza giudiziaria sono state tagliate. in pratica.

Se Duda ostacolasse le modifiche legislative, il percorso per ottenere i soldi dal KPO sarà più lungo. Rinegoziare le condizioni dello stato di diritto con il KPO sembra estremamente complicato, perché significherebbe che la Commissione perderebbe credibilità nel salvaguardare lo stato di diritto nell’UE, inclusa la rinuncia a far rispettare le sentenze della CGUE. Pertanto, i nostri interlocutori a Bruxelles si concentrano principalmente sulla considerazione di come ottenere, magari in modo giuridicamente indiretto, il rispetto dei requisiti attualmente inclusi nel KPO polacco. Si aspettano che ciò avvenga nel contesto di un più ampio processo di risanamento dello stato di diritto in Polonia, che includa anche questioni del Consiglio nazionale della magistratura o del Tribunale costituzionale – non coperte dai requisiti del KPO.

La scadenza ultima per i pagamenti da parte di KPO è il 2026 (poi i soldi andranno perduti), ma entro la fine del 2022 – pena la decadenza – era dovuto il 70 per cento. includere i KPO negli “obblighi giuridicamente vincolanti” (la Polonia lo ha fatto). E il restante 30%. Il KPO dovrà essere programmato allo stesso modo entro la fine di quest’anno. Non ci sono segnali che la Polonia avrà problemi con questo. Pertanto, per ora, i fondi KPO non sono a rischio.

Evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza. Duda ha deciso di utilizzare il contingente militare polacco

È più facile con la politica di coesione

Attualmente, anche la Polonia non ha accesso ai pagamenti della politica di coesione, in cui il pool polacco ammonta a 76,5 miliardi di euro nel bilancio 2021-27 (con il diritto di inviare fatture fino alla fine del 2029). Alla Polonia è stato versato solo circa un miliardo di euro per il prefinanziamento e l’assistenza tecnica nello sviluppo dei progetti della politica di coesione 2021-27. La ragione delle difficoltà è il sistema necessario per monitorare la Carta dei diritti fondamentali nei progetti finanziati con fondi UE. Il governo polacco non ha presentato formalmente a Bruxelles alcun progetto per questo monitoraggio, quindi la Commissione Europea non ha potuto valutarlo né positivamente né negativamente.

Inizialmente, la questione della Carta si concentrava sui diritti delle minoranze, tra cui LGBT +. Successivamente però si è verificato un collegamento politico con i problemi dello stato di diritto del KPO, sebbene la Commissione europea non abbia mai dichiarato ufficialmente di cosa si trattasse.

Finora in tutta l’UE è stato pagato meno del 3%. dalla politica di coesione 2021-27, perché entro la fine di quest’anno i paesi dell’UE spenderanno il resto dei soldi del precedente piano settennale (2014-20). I primi pagamenti importanti nell’ambito dell’attuale piano settennale, anche nel caso della Polonia, dovrebbero avvenire solo nei prossimi mesi. E sembra che Bruxelles, insieme al nuovo governo polacco, risolverà in tempo il problema del monitoraggio della Carta dei diritti fondamentali, per la quale non ha mai posto condizioni rigide e ufficiali.

L’articolo proviene da Deutsche Welle

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles